HOME - Conservativa
 
 
21 Ottobre 2015

Prevenire l'insorgenza della carie analizzando microbiota orale e l'evoluziome del DMFT. Uno studio Usa ha dimostrato l'applicabilità

di Davis Cussotto


Possiamo predire l'insorgenza della carie precoce nei bambini? Sembrerebbe di si, almeno secondo la rivista Cell Host & Microbe che evidenza come il microbiota orale è un ottimo marcatore biologico della malattia cariosa.

La microbiologia medica ha introdotto il concetto di " microbiota umano" per definire l'insieme di microrganismi che vivono in simbiosi nel canale alimentare dell' uomo.

In particolare nella cavità orale il microbiota ha caratterische dinamiche che variano non solo a seconda dell'età del bambino ma anche in presenza di lesioni cariose precoci.

Gli autori dello studio hanno sviluppato un modello chiamato Microbial Indicators of Caries o MIC che è stato in grado di prevedere, con 81% di precisione, l'esordio di carie precoci o ECC (Early Childhood Caries) in campioni "clinicamente percepiti come sani". Il dato più rilevante è che proprio durante la fase di esordio di ECC il microbiota orale ha le variazioni più significative.

Lo studio realizzato dai ricercatori della Sun Yat-Sen University di Guangdong (China) guidati dal prof . Fei Teng in collaborazione con la University of California (San Diego) ha esaminato 50 bambini del'età di 4 anni, monitorandoli per due anni, durante i quali sono stati eseguiti prelievi di placca a cadenza semestrale.

Applicando il DMFT, l'indice epidemiologico di carie che conteggia i denti cariati, persi e otturati (decayed, missing, and filled teeth), i ricercatori hanno suddiviso il campione in tre sottogruppi iniziali denominati:

A) Sani con DMFT = 0

B) A basso livello di carie DMFT tra 1 e 6

C) Ad alto livello di carie DMFT maggiore di 6

Gli autori hanno poi applicato l'analisi del MIC e analizzato le variazioni spazio- temporali del microbiota orale e l'evoluziome del DMFT.


In base a questi parametri i bambini campione sono stati suddivisi in ulteriori 3 sottogruppi finali:

1) "Assenza di carie" nell' arco di tempo studiato (17 bambini)

2) "Insorgenza di ECC" (21 bambini)

3) "Carie conclamata" (12 bambini del sottogruppo iniziale B/C) in cui la patologia cariosa è rapidamente evoluta.

Per verificare l'ipotesi di lavoro che i MIC sono in grado di diagnosticare con precisione le carie precoci, i ricercatori li hanno utilizzati per prevedere le ECC nei soggetti del Gruppo A.

L'81 % dei campioni di placca in effetti hanno correttamente previsto l'insorgenza di carie

Questi risultati, commenta Teng, sottolineano l'importanza del microbiota umano come marcatore biologico non solo della patologia cariosa ma anche della malattia parodontale.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

In uno studio, pubblicato su Dental Materials, gli autori hanno quantificato la perdita di sostanza minerale su campioni composti costituiti...

di Lara Figini


L’uso degli scanner intraorali in tridimensionale (3D) per il monitoraggio della salute orale, in particolare per il rilevamento e la successiva osservazione delle lesioni...

di Lara Figini


Il riconoscimento globale dei benefici dei preparati topici contenenti fluoro, cemento vetroionomerico, fluoruro di diammina d'argento, salutato come "un enorme passo avanti per la salute orale"


Una ricerca ha cercato di capire quanto la posizione della carie può influenzare il successo della pulpotomia completa in denti permanenti con pulpite parziale irreversibile sintomatica


Altri Articoli

La nuova stretta del Governo verso i no-vax che dal 10 gennaio ha portato restrizioni a chi non ha il Green pass rafforzato per accedere ai mezzi di trasporto, bar, ristoranti, palestre, piscine etc,...

di Norberto Maccagno


Agorà del Lunedì     16 Gennaio 2022

Comprare vita ai denti

Come mai oltre la metà dei trattamenti periapicali fallisce? La domanda è lo spunto per il prof. Gagliani per fare alcune considerazioni sul tema dei ritrattamenti

di Massimo Gagliani


Sono già 20 le cliniche dentistiche Sanitas che raccolgono mascherine destinate al riciclaggio. Una mascherina FFP2 può impiegare 400 anni per decomporsi


Dall’Università di Ferrara il “Postgraduate Program for Proficiency in Periodontology” diretto dal prof. Trombelli. Iscrizioni entro 28 gennaio


Tra i punti: laurea triennale in facoltà ad indirizzo scientifico-tecnologico; professionista tecnico in ambito sanitario; esclusivo fabbricante di dispositivi medici su misura ad uso odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi