HOME - Conservativa
 
 
21 Ottobre 2015

Prevenire l'insorgenza della carie analizzando microbiota orale e l'evoluziome del DMFT. Uno studio Usa ha dimostrato l'applicabilità

di Davis Cussotto


Possiamo predire l'insorgenza della carie precoce nei bambini? Sembrerebbe di si, almeno secondo la rivista Cell Host & Microbe che evidenza come il microbiota orale è un ottimo marcatore biologico della malattia cariosa.

La microbiologia medica ha introdotto il concetto di " microbiota umano" per definire l'insieme di microrganismi che vivono in simbiosi nel canale alimentare dell' uomo.

In particolare nella cavità orale il microbiota ha caratterische dinamiche che variano non solo a seconda dell'età del bambino ma anche in presenza di lesioni cariose precoci.

Gli autori dello studio hanno sviluppato un modello chiamato Microbial Indicators of Caries o MIC che è stato in grado di prevedere, con 81% di precisione, l'esordio di carie precoci o ECC (Early Childhood Caries) in campioni "clinicamente percepiti come sani". Il dato più rilevante è che proprio durante la fase di esordio di ECC il microbiota orale ha le variazioni più significative.

Lo studio realizzato dai ricercatori della Sun Yat-Sen University di Guangdong (China) guidati dal prof . Fei Teng in collaborazione con la University of California (San Diego) ha esaminato 50 bambini del'età di 4 anni, monitorandoli per due anni, durante i quali sono stati eseguiti prelievi di placca a cadenza semestrale.

Applicando il DMFT, l'indice epidemiologico di carie che conteggia i denti cariati, persi e otturati (decayed, missing, and filled teeth), i ricercatori hanno suddiviso il campione in tre sottogruppi iniziali denominati:

A) Sani con DMFT = 0

B) A basso livello di carie DMFT tra 1 e 6

C) Ad alto livello di carie DMFT maggiore di 6

Gli autori hanno poi applicato l'analisi del MIC e analizzato le variazioni spazio- temporali del microbiota orale e l'evoluziome del DMFT.


In base a questi parametri i bambini campione sono stati suddivisi in ulteriori 3 sottogruppi finali:

1) "Assenza di carie" nell' arco di tempo studiato (17 bambini)

2) "Insorgenza di ECC" (21 bambini)

3) "Carie conclamata" (12 bambini del sottogruppo iniziale B/C) in cui la patologia cariosa è rapidamente evoluta.

Per verificare l'ipotesi di lavoro che i MIC sono in grado di diagnosticare con precisione le carie precoci, i ricercatori li hanno utilizzati per prevedere le ECC nei soggetti del Gruppo A.

L'81 % dei campioni di placca in effetti hanno correttamente previsto l'insorgenza di carie

Questi risultati, commenta Teng, sottolineano l'importanza del microbiota umano come marcatore biologico non solo della patologia cariosa ma anche della malattia parodontale.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Quanto costa l’assistenza orale? Per identificare il peso economico di una patologia, vale la pena capire la quantità di risorse che potrebbero essere risparmiate se tale...

di Lorenzo Breschi


Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


Lo studio qui presentato ha quantificato e confrontato le modalità di trattamento per le lesioni cariose occlusali profonde tra un gruppo di dentisti giapponesi.Essi avevano di...

di Massimo Gagliani


Scopo dello studio pubblicato su Clinical Oral Investigation di febbraio era quello di confrontare i tassi di successo clinico e radiografico a lungo termine delle pulpotomie...

di Lucia Sardi


Altri Articoli

Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


In queste settimane su gruppi Facebook, ma anche alcuni di voi lettori ci hanno scritto, vi interrogate su come mai ci siano ancora in giro pubblicità che propongono prestazioni...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi