ANDI aderisce alla manifestazione per chiedere l'equo compenso. Prada: "da ripristinare anche il tariffario minimo per trasparenza e garanzia verso i pazienti"

| 14 Aprile 2017 |

ANDI aderisce alla manifestazione per chiedere l'equo compenso. Prada: "da ripristinare anche il tariffario minimo per trasparenza e garanzia verso i pazienti"


I 25 mila dentisti ANDI aderiranno alla manifestazione indetta dalle principali sigle sindacali dei liberi professionisti per ripristinare l'equo compenso, in programma a Roma il 13 maggio prossimo.

L'idea di un'unione dei Professionisti per ristabilire un equo compenso, nasce dopo la pronuncia della Sentenza n. 532/15 della Corte di Giustizia Europea che ha affermato la legittimità, in ambito europeo, dei minimi tariffari inderogabili.

"Il diritto di vedersi riconosciuto il giusto compenso per il lavoro svolto è un principio che deve valere anche per la libera professione ed ancora di più per i professionisti che si occupano della salute delle persone", afferma il Presidente Nazionale Associazione Nazionale Dentisti Italiani (ANDI) dott. Gianfranco Prada, annunciando l'adesione dell'Associazione alla manifestazione per chiedere una legge sulgiusto ed equo compenso.

"Spesso - continua - neo laureati e non solo, sono costretti a collaborare in strutture odontoiatriche, anche convenzionate con il SSN, per 7 euro l'ora e questo a tutto discapito della qualità della prestazione erogata, mettendo a rischio la salute del paziente".

Il Presidente ANDI torna ad avanzare anche la richiesta di reintrodurre un tariffario minimo di riferimento.

"Non per tutelare i professionisti ma per dare ai pazienti la possibilità di capire il valore di quella particolare prestazione. Visti gli alti costi dei materiali utilizzati per le cure odontoiatriche non è possibile scendere sotto determinate cifre e se questo avviene molto spesso è perché vengono utilizzati materiali scadenti, non a norma, provenienti da Paesi stranieri oppure non si dedica il tempo necessario per effettuare quella cura, non si rispettano i protocolli clinici e tutto a discapito della salute del cittadino".

Un tariffario indicativo darebbe la possibilità ai pazienti di valutare ed eventualmente porsi i doverosi dubbie questo, d'altra parte, varrebbe anche per evitare che vengano richieste parcelle esorbitanti, come purtroppo qualche volta accade, sottolinea Prada.

A cura di: Ufficio Stampa ANDI



Per votare occorre inserire le poprie credenziali Medikey
Non interessantePoco interessanteInteressanteMolto interessanteEstremamente interessante
Interessante ( 11 voti / media 3 )



commenti

Nessun commento presente per questo articolo.
inserisci commento
ATTENZIONE: per poter inserire un commento è necessario accedere a Medikey
Accedi a Medikey

se non fai ancora parte della più grande comunità medica italiana
registrati ora a Medikey
LOGIN


Il nostro BLOG

VISTO DA FUORI
a cura di
Norberto Maccagno LEGGI >



Audio e video


© EDRA S.p.A.  |   www.edraspa.it | P. Iva 080586040960 | TEL: 02/881841 | Per la pubblicità contatta EDRA S.p.A.