Scetticismo, antibiotici e la necessità di guardare in modo diverso il trattamento delle infezioni. Gli argomenti toccati nell'editoriale di Dental Cadmos dal prof. Lodi

Dental Cadmos | Novembre 2017;9 

| 9 Novembre 2017 |

Scetticismo, antibiotici e la necessità di guardare in modo diverso il trattamento delle infezioni. Gli argomenti toccati nell'editoriale di Dental Cadmos dal prof. Lodi

Gli Estranei e i fattiI troiani che ascoltano Cassandra predire la caduta della città. Il presidente Donald Trump che commenta i dati dei climatologi sul riscaldamento globale. O se volete qualcosa di più pop, le regine a cui Jon Snow descrive l'esercito degli Estranei che sta per invadere Westeros.Scetticismo nelle sue diverse sfumature, dal paternalismo all'insolenza più sprezzante, non dissimile da quello di molti tra noi quando ci mettono in guardia sulle conseguenze de .....


Gli Estranei e i fatti

I troiani che ascoltano Cassandra predire la caduta della città. Il presidente Donald Trump che commenta i dati dei climatologi sul riscaldamento globale. O se volete qualcosa di più pop, le regine a cui Jon Snow descrive l'esercito degli Estranei che sta per invadere Westeros.

Scetticismo nelle sue diverse sfumature, dal paternalismo all'insolenza più sprezzante, non dissimile da quello di molti tra noi quando ci mettono in guardia sulle conseguenze del cattivo uso degli antibiotici e su un futuro prossimo in cui si ricomincerà a morire per banali infezioni. Comprese quelle dei denti.

Torno a scrivere di resistenze batteriche perché mi sembra un problema che richieda azioni radicali e urgenti. E consapevolezza.

Alcuni fatti. Negli ultimi due anni ho assistito a casi di infezioni odontogene che hanno reso necessario il ricovero in terapia intensiva con prognosi riservata. Non mi era mai capitato nei venticinque anni precedenti. Una casualità, un dato aneddotico?

Probabile.

Però in Europa i decessi dovuti a resistenze batteriche sono 25 mila all'anno (48 mila quelli da incidenti stradali) e in una revisione sistematica del 2017 sulle morti connesse a trattamenti odontoiatrici, quelle conseguenti a infezione sono state più numerose nei sei anni tra il 2010 e il 2015 che nei cinquant'anni precedenti (1960-2009).

A livello globale gli odontoiatri sono responsabili di circa il 10% di tutte le prescrizioni di antibiotici, con una tendenza all'aumento. Secondo diverse analisi, prescriviamo in modo "arbitrario, non necessario" e "irrazionale": dando antibiotici per condizioni non infettive, attuando profilassi inutili e sbagliando molecole e posologie. Contribuendo ogni volta a selezionare batteri resistenti. Mentre lo sviluppo di nuovi antibiotici si è quasi azzerato negli ultimi 40 anni.

C'è molto che possiamo fare. Il primo passo però deve essere un modo diverso di guardare al trattamento delle infezioni odontogene, in cui gli antibiotici non sono più il trattamento di prima scelta, ma adiuvanti delle procedure operative.

Buona lettura

Prof. Giovanni Lodi, Direttore Scientifico Dental Casmos



ATTENZIONE: per poter scaricare l’intera rivista in formato PDF,
devi essere abbonato alla rivista Dental Cadmos
abbonati ora

Per votare occorre inserire le poprie credenziali Medikey
Non interessantePoco interessanteInteressanteMolto interessanteEstremamente interessante
Interessante ( 23 voti / media 3 )



commenti

Nessun commento presente per questo articolo.
inserisci commento
ATTENZIONE: per poter inserire un commento è necessario accedere a Medikey
Accedi a Medikey

se non fai ancora parte della più grande comunità medica italiana
registrati ora a Medikey
LOGIN


Il nostro BLOG

VISTO DA FUORI
a cura di
Norberto Maccagno LEGGI >



Audio e video


© EDRA S.p.A.  |   www.edraspa.it | P. Iva 080586040960 | TEL: 02/881841 | Per la pubblicità contatta EDRA S.p.A.