HOME - Cronaca
 
 
18 Dicembre 2015

Linee guida sulla Legionella. Il Ministero pensa ad "indicazioni" e si confronta con le associazioni di categoria


Sì a raccomandazioni ministeriali per evitare il rischio di legionella nello studio odontoiatrico, no a protocolli calati dall'alto sulla falsariga dei bisogni più complessi degli ospedali, dove il rischio di colonizzazione delle tubature è più elevato: questo aveva raccomandato Associazione Italiana Odontoiatri con i suoi esperti Pierluigi Martini ed Enzo Macrì alla vigilia dell'uscita delle linee guida del Ministero della Salute sulla lotta alla legionellosi.

Ora il Ministero pare averla ascoltata: i principali sindacati odontoiatrici (AIO ANDI e SUMAI) sono stati convocati nei giorni scorsi a Roma per una riunione dove, presenti gli uffici ministeriali di Prevenzione e gruppo tecnico Odontoiatria, un rappresentante delle regioni (Emilia Romagna), e un tecnico incaricato dalla procura di Torino, che aveva aperto il caso, si è chiarita la necessità di calibrare le nuove indicazioni sulla reale pericolosità del riunito odontoiatrico, assai inferiore a quella delle realtà nosocomiali. Documento di valutazione del rischio e analisi batteriologica del proprio riunito con cadenza minima biennale saranno le due misure chieste agli odontoiatri per avere un sistema privo di agenti infettanti a rischio. Non solo legionellosi.

Nella riunione si sono affermati con chiarezza vari punti subito evidenziati da AIO a suo tempo: la necessità di ricondurre le tutele nel quadro della legge 81 del 2008 e segnatamente del DVR, che va redatto con molta attenzione caso per caso, e l'obbligo per il professionista di affidarsi a consulenti esperti per il campionamento periodico dell'acqua utilizzata per i manipoli e le siringhe. Sul DVR deve risultare con chiarezza da un analisi tecnica che i circuiti e l'aerosol sono esenti da agenti infettanti, se ciò non fosse possibile si devono mettere in atto tutte le procedure per abbattere la carica di batteri e virus. C'è inoltre l'attenzione a eradicare più patogeni: il target non è la sola Legionella, che diventa pericolosa in colonie da oltre 10 mila unità al litro, ma anche Pseudomonas, Salmonella etc Valori di presenza attestanti un sia pur minimo rischio porteranno altresì a una sorveglianza sanitaria più frequente.

A valle di queste due raccomandazioni ci sono poi i consigli ulteriori, tra cui l'applicazione di un filtro a monte del riunito da 0,22 micron capace di bloccare molti agenti infettanti (legionella in primis), ed altri sistemi validi per abbattere i rischi, come disinfezioni e svuotamenti quotidiani del circuito idrico "sposati" nelle linee guida attualmente vigenti. Tutti questi accorgimenti andranno poi comunque verificati in loco con campionamenti delle acque per dimostrare l'effettiva scomparsa dei microrganismi. "A questo punto - riassume il presidente AIO Pierluigi Delogu- le linee guida che andremo a discutere e rielaborare a breve per portarle di nuovo all'approvazione della conferenza stato regioni saranno solo una serie di consigli e raccomandazioni sulle varie procedure da mettere in atto per prevenire il formarsi di colonie batteriche nei nostri circuiti e rispettare la legge vigente. L'impegno della professione è sensibilizzare tutti i colleghi alla autoanalisi del proprio sistema per eventualmente apportare i correttivi in modo da annullare o abbattere quasi totalmente il rischio di infezione: un rischio che i dati epidemiologici internazionali stimano molto basso, confermando solo due casi d'infezione al mondo dacché esistono le rilevazioni".

A cura di Ufficio Stampa AIO

Articoli correlati

La diagnostica per immagini, argomento molto discusso in questo periodo, è una parte essenziale della pratica clinica odontoiatrica. Ogni professionista desidera utilizzare le...

di Lara Figini


Con la dott.ssa Ricci abbiamo approfondito il tema cercando di capire le regole, chi controlla, perché devono essere applicate anche in un settore dove il rischio è basso


Replica dell’Istituto Superiore di Sanità alle critiche verso le Indicazioni per la prevenzione del rischio legionellosi nello studio odontoiatrico


Il commento del dott. Mele alle nuove regole in tema di prevenzione della Legionellosi nello studio odontoiatrico


Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Altri Articoli

Documento INAIL fornisce indicazioni sulle corrette procedure di utilizzo dei termometri infrarossi senza contatto, utilizzati per il controllo della temperatura corporea 


Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Finto dentista multato anche per non aver rispettato le norma anti Covid, ora al vaglio la situazione fiscale


L’American Dentist Association ha chiesto al Center for Disease Control and Prevention di includere gli odontoiatri fra i professionisti della salute a cui verrà somministrato il vaccino contro...


Il Consiglio generale della Confederazione ha eletto la nuova giunta esecutiva per il prossimo quadriennio. Alla vice presidenza il notaio Claudia Alessandrelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali