HOME - Cronaca
 
 
21 Dicembre 2015

Autorizzazioni sanitarie. AIO Roma scrive al Ministro Lorenzin: un passo indietro chiedere l'autorizzazione a tutti gli studi odontoiatrici


L'AIO Roma scrive al Ministro della Salute e contesta il testo sui requisiti minimi di qualità richiesti per l'autorizzazione all'apertura ed all'esercizio delle strutture sanitarie deputate all'erogazione di prestazioni odontostomatologiche inviato dal Ministero della Salute alla Conferenza delle Regioni.

"Da quello che si è appreso -si legge nella nota firmata dal presidente AIO Roma Giovanni Migliano (nella foto)- sembra si voglia tornare a etichettare tutti gli studi medici come strutture da autorizzare tout court, a prescindere dalle prestazioni eseguite; questo sarebbe un gigantesco passo indietro e un ritorno alla giungla amministrativa che ha strangolato il nostro settore negli ultimi anni. Se a questo aggiungiamo la proposta che le Regioni fissino ulteriori requisiti "in materia autorizzazioni/accreditamento" della normativa nazionale, diventa reale la sensazione che il Ministero vada contro corrente, perpetuando una posizione anacronistica, pro-burocratica, illegale oltre che antieconomica; il contrario di quello che si vuole fare con il superamento delle storture del Titolo V".

"Uniformare va bene -continua il presidente AIO Roma- ma nel senso di semplificare e di migliorare, non in quello di tornare indietro nelle pastoie burocratiche assillanti delle Regioni".

Migliano si riferisce a quanto deciso dalla Regione Lazio che esclude l'autorizzazione per la maggior parte degli studi odontoiatrici.

Per AIO Roma l'autorizzazione deve essere richiesta "alle sole strutture che vogliano accedere all'accreditamento e nulla ha a che vedere con le strutture libero professionali le quali devono sottostare, come da legge e sentenze ormai univoche, ai soli requisiti minimi tecnologici e strutturali uniformi sul territorio nazionale a garanzia reale della sicurezza del paziente".

"Solo questi ultimi -continua Migliano- può e deve licenziare il Tavolo ministeriale e possono e devono ratificare le Regioni per andare in senso di legge e logica".

In realtà, come Odontoiatria33 ha informato, il documento ministeriale contiene proprio quei requisiti minimi che il Ministero vorrebbe venissero adottati da tutti gli studi odontoiatrici, anche privati. Requisiti minimi che gli studi dei singoli liberi professionisti, e delle strutture sanitarie, devono poi dichiarare di aver rispettato per vedersi riconosciuta l'autorizzazione ad erogare prestazioni odontoiatriche.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

l NAS di Viterbo, "a conclusione di accertamenti intrapresi nell'ambito dei servizi di controllo presso gli ambulatori odontoiatrici della provincia" - informa una nota- hanno denunciato alla locale...


Dopo una denuncia per lesioni colpose i NAS di Brescia hanno sequestrato uno studio odontoiatrico in città denunciando il titolare, un odontoiatra di 50 anni, ed il padre di 70 privo dei...


Ammettiamolo, chiudere per sei mesi uno studio perché sul cartellone pubblicitario manca il nome del direttore sanitario può sembrare una esagerazione. Come una esagerazione la sanzione...


Con l'approvazione della Delibera della Giunta Regionale avvenuta oggi 9 settembre 2015 vengono definite le nuove procedure autorizzative per gli studi medici e odontoiatrici laziali."Una riforma...


cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


Altri Articoli

I lavoratori già in costanza di lavoro sono esonerati dal conseguire l’attestato di qualifica professionale per essere assunti come ASO. Andrea Tuzio ci spiega chi ne ha diritto e come...


Contesta la norma sull’obbligo di autorizzazione ed intraprende la via giudiziaria. Il racconto della sua battaglia, solitaria, contro “la burocrazia e le leggi in contraddizione tra loro”


Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra chi si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni