HOME - Cronaca
 
 
21 Marzo 2011

Carenza di ferro? Ci vuole l’odontoiatra

di Debora Bellinzani


Esiste un’anemia che si combatte sottoponendosi al trattamento parodontale. Suona “strano”? Eppure è vero, anche se con un distinguo: quella che l’odontoiatra può curare è la cosiddetta anemia da malattie croniche quando legata alla presenza di malattia parodontale. Un gruppo di ricercatori indiani ha infatti recentemente dimostrato non solo che chi soffre di malattia parodontale ha un rischio superiore di sviluppare anemia, ma anche che questa carenza può essere curata su una poltrona odontoiatrica esattamente con gli stessi strumenti utili per il parodonto: il trattamento parodontale non chirurgico.
“L’anemia da malattie croniche è una condizione che si può verificare in presenza di infezioni e infiammazioni croniche, tumori, malattie autoimmuni ed epatopatie, e che altera i valori ematologici nonostante la presenza nell’organismo di scorte di ferro e vitamine” descrive Avani Rangaraju Pradeep, docente presso il Dipartimento di parodontologia del Government Dental College and Research Institute di Bangalore, in India. “Per capire innanzitutto se questo tipo di anemia sia legata anche all’infiammazione cronica del parodonto, abbiamo prelevato campioni di sangue da 187 pazienti affetti da malattia parodontale cronica rilevando che ben il 33,6% di essi, e precisamente 37 uomini e 26 donne, presentavano concentrazioni di emoglobina inferiori alla norma. Poiché nessuno di essi soffriva per altre patologie a cui lo stato anemico potesse essere ascritto, è possibile concludere che l’infiammazione cronica del parodonto può comportare lo sviluppo di anemia; inoltre, poiché i valori del volume corpuscolare medio erano nella norma, possiamo confermare che non vi era carenza di ferro né di vitamine e che dunque la condizione può essere classificata come anemia da malattie croniche”.

Lo studio, in via di pubblicazione sul Journal of Periodontology, riporta inoltre una seconda parte della sperimentazione volta a capire se il trattamento parodontale possa curare, oltre ai tessuti orali, anche lo stato anemico. “Abbiamo poi sottoposto a trattamento parodontale non chirurgico 60 pazienti anemici a cui successivamente abbiamo prelevato campioni di sangue, dopo 3 e dopo 6 mesi” prosegue Pradeep; “i risultati dicono che, a 6 mesi dal trattamento, tutti i pazienti presentavano un miglioramento nei valori della concentrazione di emoglobina, del numero di eritrociti e del tasso di sedimentazione eritrocitaria, e quindi un miglioramento globale rispetto allo stato anemico iniziale; è utile all’odontoiatra sapere inoltre che il miglioramento più marcato è ottenuto dalle pazienti donne”.

Si pensa che l’anemia legata alla malattia parodontale cronica, spiegano gli autori nelle pagine dello studio, sia causata dal fatto che l’infiammazione del parodonto porti a una sovraregolazione delle citochine proinfiammatorie. “I processi infiammatori, così come la presenza di cellule tumorali o di una reazione autoimmune, attivano il sistema immunitario e la produzione di citochine, in particolare il fattore di necrosi tumorale alfa, l’interleuchina-1 e l’interleuchina-6; sono proprio queste citochine proinfiammatorie a deprimere la produzione di eritropoietina e portare allo sviluppo di uno stato anemico” conclude Pradeep. “Come altre infiammazioni croniche, dunque, anche la malattia parodontale comporta un reale rischio di anemia che può, però, essere ridotto attraverso le cure odontoiatriche: abbiamo provato infatti che il trattamento parodontale non chirurgico comporta un miglioramento dello stato anemico più visibile a 6 mesi che a 3 mesi, e che quindi progredisce nel tempo”.

“Anemia of chronic disease and chronic periodontitis: does periodontal therapy have effect on anemic status”
J Periodontol 2010 Sep 15. [Epub ahead of print]

Articoli correlati

In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


Altri Articoli

In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


Agorà del Lunedì     27 Settembre 2021

Ripariamo i denti rotti

Partendo da un interessante lavoro scientifico tutto italiano, il prof. Gagliani ragiona sull’importanza della restaurativa conservativa

di Massimo Gagliani


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


La FNOMCeO in vista della scadenza di fine anno ricorda come ed in quali casi è possibile spostare e recuperare i crediti acquisiti nei vari trienni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio