HOME - Cronaca
 
 
22 Gennaio 2016

730 precompilato, Agenzia delle Entrate concede la (mini) proroga. Renzo (CAO): un ''contentino inulte che non serve per riparare al caos creato''


Alla fine l'Agenzia delle Entrate ha ceduto alle pressioni delle associazioni di categoria e dell'Ordine ed ha concesso una proroga di 9 giorni per l'invio dei dati delle spese sanitarie sostenute dai propri pazienti attraverso il Sistema Tessera Sanitaria.

Medici, dentisti e strutture sanitarie convenzionate avranno quindi tempo fino a martedì 9 febbraio per inserire i dati dei dati relativi alle spese sanitarie e ai rimborsi effettuati nel 2015 per prestazioni non erogate, o parzialmente erogate.

"L'estensione del termine -si legge in una nota dell'Agenzia delle Entrate- va incontro alle esigenze rappresentate dagli Ordini professionali e dalle associazioni di categoria, anche in considerazione della novità dell'adempimento che permetterà ai contribuenti di poter disporre, nel proprio 730 precompilato, delle spese mediche sostenute l'anno precedente".

"Siamo il Paese delle proroghe inutili", commenta il presidente nazionale CAO Giuseppe Renzo.

"La mini proroga che, a detta di tanti tecnici lunari sembrava impossibile è quindi ormai certa, anche se i 9 giorni "concessi" appaiono solo un modesto contentino per chi in queste giornate si trova coinvolto in una vicenda per certi versi grottesca", commenta il presidente CAO.

"I medici italiani e gli Ordini professionali che li rappresentano -continua Renzo- sono da tempo al centro di un caos organizzativo ed operativo che li avvilisce impedendo loro di svolgere serenamente i propri compiti e le proprie attività. Non si può negare che questo modesto provvedimento di proroga non serve a nulla mentre ancora una volta occorre dire forte e chiaro che tutta questa operazione è stata svolta in modo burocratico e verticistico senza alcun vero coinvolgimento della professione, chiamata ancora una volta a svolgere funzioni non di sua spettanza in sostituzione dell'amministrazione finanziaria".

Ricordando come gli adempimenti previsti, giudicati "irrazionali" abbiano avuto gravi ricadute sulla professione e sulla gestione degli Ordini stessi, il presidente Renzo ritiene che sia necessario "ripartire dall'inizio attraverso un dialogo vero in cui gli interlocutori possano comprendersi senza che alcuno abbia il monopolio delle decisioni mentre l'altro è chiamato solo ad ubbidire.

In vista di questa proroga slitta al 9 marzo 2016 il termine entro il quale i contribuenti potranno comunicare all'Agenzia delle Entrate il proprio rifiuto all'utilizzo delle spese mediche sostenute nell'anno 2015 per l'elaborazione del 730 precompilato, non alterando il sistema di tutela della privacy approvato.

"Tale sistema -spiegano dalle Entrate- prevede la possibilità per l'assistito di esercitare l'opposizione con le seguenti modalità: direttamente all'Agenzia fino al 31 gennaio 2016 e dal 10 febbraio al 9 marzo 2016 accedendo direttamente all'area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria.

Articoli correlati

Mancano poco meno di due settimane alla scadenza del 31 gennaio 2018 entro la quale i dentisti devono trasmettere attraverso al Sistema Tessera Sanitaria la comunicazione con i dati delle fatture...


A 6 giorni dalla scadenza prevista (31 gennaio) per l'invio attraverso il Sistema Tessera Sanitaria dei dati delle fatture emesse o rimborsate per le prestazioni sanitarie incassate nel 2016 arriva...


La fine dell'anno è ancora lontana ma molti studi odontoiatrici e medici, per evitare di passare le notti davanti al computer come avvenuto lo scorso gennaio, per inserire i dati di tutte le...


Come è noto, è scaduto da pochi giorni il termine per l'invio delle spese sanitarie al Sistema TS da parte di tutti gli odontoiatri in base alla nuova normativa in vigore. Questo nuovo...


Scaduto il temine (ieri 9 febbraio) per l'invio dei dati delle spese sanitarie sostenute dai propri pazienti nel 2015 è già ora di pensare a quelle del 2016.I primi che devono...


Altri Articoli

L’On. Nevi presenta un emendamento alla Legge Milleproroghe che punta ad abrogare l’obbligo del pagamento con mezzi tracciati per le prestazioni sanitarie rese dai privati, ecco il testo  


Fiorile, una norma che crea disagi ad anziani e famiglie e va nella direzione opposta chiesta da AIO


Per la presidente siciliana è il quarto andato consecutivo. “Lavoreremo all’insega della continuità consolidando la nostra identità volta a promuovere l’aggiornamento su tutto il territorio...


Una presidenza all’insegna della continuità promuovendo la formazione per gli odontoiatri ma anche l’informazione verso ai pazienti. Il neo presidente svela i progetti 


Un passo importante nella forte espansione dell'attività in segmenti strategici del mercato odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni