HOME - Cronaca
 
 
11 Aprile 2011

Correttivi agli studi di settore: le richieste di ANDI al SO.SE


Giovedì 31 marzo 2011, presso la sede della SO.SE. Società per gli Studi di Settore, è stata convocata una riunione della Commissione Esperti al fine di discutere e deliberare sugli interventi correttivi finalizzati a cogliere gli impatti della congiuntura economica negli Studi di Settore. Per ANDI hanno partecipato all’incontro il Segretario Sindacale Nazionale dott. Alberto Libero e la consulente dott.ssa Lorena Trecate.
A seguito dell’incontro l’ANDI ha inviato al presidente del SO.SE dott. Giampiero Brunello le richieste dell’Associazione in merito ai correttivi da attuare per lo studio di settore VK21U.

Queste le osservazioni inviate:
• I dati contenuti nelle dichiarazioni IVA sono stati presi in considerazione per determinare il correttivo congiunturale di settore. A tale proposito riteniamo opportuno evidenziare che, essendo le prestazioni fornite dalla nostra categoria per lo più esenti IVA, i dati in Vostro possesso potrebbero non risultare significativi;
• I dati emersi da un sondaggio svolto dall’Associazione che fotografa una realtà odontoiatrica in crisi, dove oltre il 45,44% degli odontoiatri indicano una riduzione dei ricavi nell’anno 2010, in linea con i consumi interni stagnanti;
• Il correttivo congiunturale individuale è determinato dalla contrazione dei costi variabili e non più dalla riduzione dei compensi dichiarati. Tale variabile, se non analizzata unitamente ad una riduzione dei costi fissi (es: dipendenti), al margine lordo e ad una valutazione della riduzione dei compensi dichiarati, potrebbe non essere sufficiente ai fini di una reale valutazione della crisi dello studio analizzato. L’Associazione auspica infatti che i Colleghi continuino ad investire sulla professione per uscire dalla crisi;
• La crisi del settore determina un aumento dei crediti residui non riscossi nell’esercizio in cui sono stati sostenuti i costi relativi alle prestazioni. Riteniamo opportuno che tale dato, al momento non presente nel modello, venga inserito con valenza di correttivo di settore;
• La crisi del settore, ha determinato per la prima volta nella storia della libera professione, il ricorso di alcuni Colleghi alla Cassa integrazione speciale per i dipendenti, oltre a numerose riduzioni di collaboratori;
• Nel modello VK21U la spesa per materiale di disinfezione, sterilizzazione e dispositivi monouso (D35), non è più stata neutralizzata come lo era nel precedente Studio di Settore UK21U. Tale neutralizzazione, riconosciuta quale premio alla qualità odontoiatrica a vantaggio della salute del paziente e fattore che assolutamente non incide nell’utile professionale, dovrebbe essere reintrodotta.

Andi

Articoli correlati

Quanto costa l’assistenza orale? Per identificare il peso economico di una patologia, vale la pena capire la quantità di risorse che potrebbero essere risparmiate se tale...

di Lorenzo Breschi


Per la scelta si punta sullo studio tradizionale ma crescono studi in franchising e convenzionati


A giudicare dalle domande che mi vengono spesso rivolte dai miei clienti e dalle inefficienze gestionali che più frequentemente rilevo nelle analisi economiche e finanziarie di alcuni studi...


Nonostante le battaglie sindacali che la CAO e le associazioni sindacali odontoiatriche hanno condotto contro il Ddl Concorrenza, il testo non ha recepito in toto le loro richieste, in particolare...


Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Ddl Job Act del lavoro autonomo, quanto i professionisti spenderanno nel 2017 per la formazione e l'aggiornamento professionale sarà...


Altri Articoli

L’On. Nevi presenta un emendamento alla Legge Milleproroghe che punta ad abrogare l’obbligo del pagamento con mezzi tracciati per le prestazioni sanitarie rese dai privati, ecco il testo  


Fiorile, una norma che crea disagi ad anziani e famiglie e va nella direzione opposta chiesta da AIO


Per la presidente siciliana è il quarto andato consecutivo. “Lavoreremo all’insega della continuità consolidando la nostra identità volta a promuovere l’aggiornamento su tutto il territorio...


Una presidenza all’insegna della continuità promuovendo la formazione per gli odontoiatri ma anche l’informazione verso ai pazienti. Il neo presidente svela i progetti 


Un passo importante nella forte espansione dell'attività in segmenti strategici del mercato odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni