HOME - Cronaca
 
 
09 Febbraio 2016

Ddl Concorrenza. Nota ANDI alla professione a commento delle critiche avanzate agli emendamenti proposti


Nota pubblicata da ANDI in risposta alle pagine pubblicitarie oggi su alcuni quotidiani nazionali attraverso le quali le Catene chiedono ai senatori di stralciare gli emendamenti sulle società odontoiatriche

Oggi inserzioni a pagamento contro ANDI sui maggiori quotidiani, ma l'Associazione prosegue la sua battaglia

Nelle scorse settimane la politica ha raccolto l'appello che ANDI aveva lanciato durante l'audizione in Senato nel novembre scorso, in merito al Disegno di Legge sulla Concorrenza, presentando una serie di emendamenti che puntano ad estendere anche agli studi odontoiatrici organizzati in società di capitale le regole a cui noi dentisti liberi professionisti, gli studi associati e le società tra professionisti siamo soggetti.

Con un tempismo ed un interesse che mai abbiamo visto su temi legati all'odontoiatria, la stampa ed i media generalisti si sono scagliati contro la nostra professione, in particolare contro ANDI, accusandoci di essere contro le liberalizzazioni e di voler difendere i nostri privilegi; il culmine si è raggiunto oggi giorno di S. Apollonia!, con la pubblicazione sui maggiori quotidiani nazionali di una intera pagina a pagamento da parte di alcune catene di cliniche odontoiatriche (vedi allegato).

Non mi stupisco più che buona parte dei media siano stati ingaggiati in questa campagna contro la libera professione, la nostra è la sacrosanta battaglia per garantire al cittadino di continuare ad avere un odontoiatra che lo cura facendosi carico dei suoi problemi, seguendolo nel tempo, mantenendo quel fondamentale rapporto di fiducia che deve essere sempre alla base della relazione medico-paziente!

Leggendo inoltre il commento dell'avv. Pierani di Altroconsumo pubblicato nei giorni scorsi su Odontoaitria33, mi stupisco che un rappresentante dei consumatori non conosca o non voglia capire le differenze in tema di responsabilità professionale tra un professionista ed una società di capitale. Se un dentista libero professionista chiude lo studio rimane ugualmente responsabile di quanto ha fatto per 10 anni e se lui non è più reperibile risponderanno in solido i suoi eredi. Non a caso uno dei punti fermi della nostra polizza assicurativa è la copertura anche per gli eredi del professionista assicurato.

I media e le cliniche odontoiatriche, per confermare le loro tesi, hanno voluto fare credere che lo scontro fosse sulla qualità delle cure, accusandoci di voler sostenere che un libero professionista offre una qualità superiore a quella offerta dalle "catene odontoiatriche". Nelle dichiarazioni dei giorni scorsi, Cohen (Dental Pro) ha rivelato che il suo gruppo è stato comprato da un Fondo economico mobiliare; ora le Società di capitale e addirttura i Fondi di investimento stanno invadendo il mondo dontoiatrico italiano con il principale obiettivo di lucrare in questo ambito ma pronti a scappare se l'investimento risulta poco conveniente.

Quali sono le tutele per i pazienti di fronte a questa necessità di risultati economici?

E' proprio per difendere quella tanto invocata libera concorrenza che noi chiediamo l'approvazione di quegli emendamenti. La libera concorrenza si basa su regole uguali, sull'abolizione dei privilegi.

Nei giorni scorsi abbiamo scritto ai Senatori che hanno avuto il coraggio di presentare quegli emendanti che abbiamo proposto, per ringraziarli, per spiegare dove la stampa sbaglia e perché le nostre ragioni vanno verso la tutela del cittadino e non sono una difesa corporativa.

Se con un colpo di mano quegli emendamenti verranno stralciati sarà l'ennesima occasione persa per aiutare gli italiani.

Per ANDI nulla cambierà, torneremo a rimboccarci le mani, a bussare alle porte, a cercare interlocutori seri che ci vogliano ascoltare e sostenere.

Continueremo, come spesso ci capita, la battaglia per riuscire a mantenere il paziente al centro delle nostre attenzioni, pronti come sempre a competere in un ambito dove tuttavia le regole siano certe e uguali per tutti, con una gestione trasparente, con le necessarie tutele civili, fiscali, previdenziali ed etiche.

Il Presidente Nazionale ANDI: Gianfranco Prada

Articoli correlati

In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


L’app DoctOral permetterà ai medici e odontoiatri di avere un percorso guidato nel riconoscimento delle lesioni del cavo orale e nel trattamento odontoiatrico


Il dott. Caprara avanza alcune ipotesi e suggerimenti su come gestire l’attuale momento, i costi e la ripartenza, a seconda di quanto avverrà


ENPAM: dopo le prime verifiche, nei prossimi giorni già i primi pagamenti; ma attenzione alle false autocertificazioni. Consigli anche per l’indennizzo ENPAM dei 1000 euro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP