HOME - Cronaca
 
 
09 Febbraio 2016

Difendiamo la libertà e la qualità delle cure odontoiatriche. Il titolo della nota pubblicata dalle Catene odontoiatriche sui principali quotidiani


Lettera Aperta al Presidente del Senato della Repubblica, alle Senatrici e ai Senatori

Signor Presidente Piero Grasso.

Signore Senatrici, signori Senatori

E' in atto l'ennesimo tentativo da parte delle associazioni e delle lobby protezionistiche nel settore dell'odontoiatria di limitare la libera concorrenza, frenandone lo sviluppo e gli investimenti futuri, attraverso un utilizzo improprio dello strumento normativo.

In Italia l'attività sanitaria può essere svolta, oltre che dai professionisti, anche dalle società di capitale, spesso necessarie visti gli ingenti investimenti richiesti in attrezzature ed equipaggiamenti clinici.

Le aziende specializzate in cure odontoiatriche sono una realtà molto solida del panorama nazionale. Con oltre 500 cliniche su tutto il territorio nazionale, esse impiegano 4000 medici odontoiatri e 5000 dipendenti, in prevalenza giovani donne quali assistenti alla poltrona o receptionist, con un volume d'affari annuo di circa 400 milioni di euro.

Ma ciò che più conta, esse applicano standard elevatissimi nei servizi offerti ai pazienti, in linea con le migliori pratiche internazionali, garantendo - anche attraverso forme di finanziamento a tassi agevolati - accessibilità alle cure a una parte della popolazione che altrimenti, soprattutto in tempi di crisi, non se le potrebbe permettere.

Con l'effetto di ridurre il turismo odontoiatrico, evitando che i cittadini Italiani vadano a curarsi a basso prezzo all'estero.

Inoltre, garantiscono ai pazienti trasparenza, certezza e continuità1 delle cure, molto più di quanto avvenga negli studi dentistici tradizionali, dove le cure sono troppo spesso legate alle sorti del titolare. Il tutto assicurando la totale trasparenza fiscale, zero evasione e un crescente livello di investimenti esteri.

A fronte di tutto ciò, l'ANDI - una delle principali associazioni nazionali dei dentisti - sta promuovendo un inaudito emendamento al Disegno di Legge sulla Concorrenza, che chiede di introdurre l'obbligo per le società di capitali che gestiscono strutture odontoiatriche di avere almeno i 2/3 del proprio capitale sociale posseduto da odontoiatri.

E' un chiaro tentativo di eliminare dal settore le società di capitali, attraverso l'introduzione di un vincolo che:

· Non ha nessun fondamento di tutela della salute pubblica: ogni centro dentistico in forma societaria è già governato dal Direttore Sanitario e vi operano solo medici odontoiatri iscritti all'Ordine;

· Non ha nessun fondamento economico: in nessun altro campo della salute, infatti, esiste un simile obbligo che imponga una soglia minima di medici soci {si pensi agli ospedali privati, alle cliniche o ai centri diagnostici);

· E' palesemente contrario ai basilari principi della libera concorrenza.

La manovra dell'ANDI - mascherata subdolamente da "lotta all'abusivismo odontoiatrico", male endemico che nulla ha a che fare con le società di capitali - mira in realtà a far fuori dal mercato i principali concorrenti, che offrono servizi altamente qualificati, accessibilità alle cure, oltre che tariffe trasparenti e più ragionevoli di quelle proposte da molti studi dentistici.

I sottoscrittori di questo appello, pertanto, chiedono di non approvare alcuna modifica al Ddl concorrenza (o a qualsiasi altro provvedimento in discussione) che introduca limiti alla possibilità dei soci di capitale di costituire e gestire strutture odontoiatriche.

Non torniamo all'età del protezionismo!

Michel J Cohen - Presidente Gruppo DentalPro - Midco SpA

Chicco Reggiani - Presidente Caredent - Bistar srl

Angelo Gottardo - A. Del. Gruppo Apollonia - OdontoSalute

Maurizio Magnolato - Gruppo DentalCoop

Gabriele Colla - HDental

Gabriele Intini - A.Del. Gruppo Dentadent

Per info scrivici a info@an-co.it

Articoli correlati

Foto che accompagna il post sulla pagina Facebbok del Ministro Grillo

La norma era contenuta in un emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle alla legge di bilancio e riguardava le farmacie in mano alle società (possibilità introdotta dalla legge sulla...


La vicenda della chiusura, in Spagna, delle cliniche della catena iDental riporta alla luce quale dovrebbe essere la vera questione da affrontare sul tema dell’ingresso del...


Il presidente CAO: obbligatorio per legge con due terzi del capitale in mano ai professionisti


Dal 29 agosto sono in vigore le norme contenute nella Legge sulla Concorrenza, tra queste l'obbligo per le società operanti come attività odontoiatrica di nominare un direttore sanitario unico...


Altri Articoli

Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


L’obiettivo è fare in modo che la pensione spettante a vedove e orfani sia calcolata sull’importo a cui il familiare deceduto avrebbe avuto diritto al termine della propria carriera


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


Rispondendo ad Odontoiatria33 il Commissario Straordinario conferma che non è possibile modificare in questa fase le priorità indicate nel piano vaccinale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta