HOME - Cronaca
 
 
02 Marzo 2016

Domani la Stato Regioni discute sulle autorizzazioni sanitarie. ANDI: vengano accolte le nostre modifiche


E' calendarizzata per la Conferenza Stato Regioni di domani 3 marzo la discussione del provvedimento sui regimi autorizzativi proposto dal Ministero della Salute.

Contro il documento proposto dal Ministero, nelle scorse settimane ANDI aveva cercato di fare pressioni sugli assessorati Regionali al fine venissero accolte alcune proposte di modifica. Utile ricordare che il Ministero, per elaborare il provvedimento, aveva costituito un Gruppo di lavoro al quale erano stati chiamati i rappresentanti della componente ordinistica dell'odontoiatria.

Rispetto al testo inviato dal Ministero alla stato regioni (Odontoaitria33 ne aveva parlato in questo articolo) ANDI chiede:

  • Che i requisiti previsti per le strutture accreditate non siano indicati come "requisiti minimi di qualità e sicurezza" ma come "requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi".
  • Che i requisiti indicati per l'autorizzazioni valgano solo per le nuove attività e non per quelle già in essere.
  • Che venga garantita la prosecuzione dell'attività anche nelle realtà attualmente autorizzate con le regole a suo tempo in vigore, anche in caso di passaggio di proprietà o di cambio di intestazione.
  • Che sia precisato che le regole proposte valgono sia per gli studi professionali singoli o associati che per le strutture sanitarie dove si pratica l'odontoiatria.
  • Che le strutture vengano classificate come strutture complesse non sulla base del numero di riuniti (oltre 5) e dei collaboratori (oltre 3 unità) come previsto dal testo.
  • Che i documenti richiesti ai fini del rilascio dell'autorizzazione vengano tenuti dallo studio e forniti in caso di richiesta solo se questi non sono già in possesso della Pubblica Amministrazione.
  • Necessità di attivare un Tavolo Tecnico al quale dovranno partecipare anche i sindacati di categoria che fornisca indicazioni più dettagliate e specifiche in merito ai requisiti indicati e ciò sia per dare dirette indicazioni agli operatori sia per evitare le frequenti diverse interpretazioni degli organismi di controllo.

Articoli correlati

Il presidente CAO Milano interviene sulla sentenza del Consiglio di Stato


Come si dice in questi casi: le sentenze vanno rispettate come, soprattutto, le regole. E chi cerca nelle zone grigie delle leggi possibili soluzioni, a volte, rimane scottato. ...


Iandolo (CAO): “un’altra vittoria per la Professione Odontoiatrica”


Esiste una correlazione?

di Lara Figini


Altri Articoli

Capofila del progetto, in quanto Regione promotrice dell’iniziativa contenuta nel piano di lavoro, è la Basilicata


Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


Fino a sabato confronto tra gli esperti sui temi, classici e non, della patologia e della medicina orale


Gli odontoiatri in prima linea per individuare fenomeni di violenza, dall’Ordine di Medici di Napoli le “direttive” 


Oltre alla clinica anche il cambio di consegne alla presidenza e le elezioni di chi guiderà SIDO dal 2023 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi