HOME - Cronaca
 
 
08 Marzo 2016

Ddl Concorrenza. OMCeO Milano:"Al Senato si rischia di anteporre la tutela della concorrenza al diritto alla salute dei cittadini"


Il Sen. Luigi Marino, relatore al DDL Concorrenza in discussione in Commissione Industria al Senato, ha pubblicamente espresso un giudizio negativo sull'inserimento dell'obbligo per le società di capitale odontoiatriche affinché i due terzi dei soci siano iscritti all'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri. Una norma, invece, prevista per i titolari di farmacie.

Le perplessità del Sen. Marino nascono dal fatto che con tale regole non si interviene "solo sul nuovo ma anche sul passato, mettendo in gioco tutta la sanità privata. C'è un esercito di cliniche con il 100% di capitale non attribuibile a professionisti nel campo medico". Pur riconoscendo che il problema a tutela della salute dei cittadini posto dagli Odontoiatri è reale, il Relatore si chiede: "Cosa succede il giorno dopo? Chiudono due terzi delle cliniche italiane? Così altero la concorrenza, non l'aiuto".

Considerazioni legittime, visto il ruolo ricoperto dal Senatore Marino. La domanda, però, da porsi correttamente è: stante che la Commissione Industria non sia stato il giusto ambito dove collocare il dibattito parlamentare, ha senso rinviare sine die una questione urgente che coinvolge la tutela della salute?

"Ribadire con una legge dello Stato - sostiene Roberto Carlo Rossi, Presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano - che la sfera della salute è un ambito che deve essere garantito e non oggetto prevalente di affari da parte di operatori di mercato, che decidano di investire in questo potenziale business, rappresenterebbe il rispetto, nello spirito e nella norma, del dettato costituzionale (art. 32). Chi è iscritto all'Albo Medici o Odontoiatri è in costante contatto con i propri pazienti, con esseri umani con le loro problematiche di vita; ha studiato cosa significa l'Etica e la Deontologia professionale, ha fatto il Giuramento di Ippocrate, anima del nostro attuale Codice Deontologico, che vincola a vedere il paziente come essere umano da curare, non persona su cui lucrare".

"Un soggetto economico non medico - aggiunge Andrea Senna (nella foto), Presidente della Commissione Albo Odontoiatri dell'OMCeO Milano - è portatoainvestire il suo denaro soprattutto per un tornacontofinanziario e ha spesso come ottica privilegiata quella di 'vendere una terapia' piuttosto che quella di prendersi cura del paziente, mentre un Odontoiatra inizia la propria attività facendo un progetto della propria vita lavorativa. Gli operatori di mercato non medici, aprendo le catene dentali come investimento, possono venderle o chiuderle in qualsiasi momento se non rendono più a sufficienza o se trovano un'opportunità di investimento economico migliore".

Tuttavia, tenendo conto della serietà delle osservazioni avanzate dal Sen. Marino, dagli esponenti dell' Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano viene una proposta: "Approvare gli emendamenti bipartisan che prevedono che società operanti nel settore odontoiatrico siano possedute, almeno per i due terzi, da iscritti all'Albo degli Odontoiatri e, nello stesso tempo, stabilire che la norma darà alle società in essere un termine di 2 anni per rimodellare la compagine sociale".

A cura di: Ufficio Stampa OMCeO Milano

Articoli correlati

Il 15 ottobre a Napoli il corso organizato dall'OMCeO partenopeo dal titolo “La violenza di genere nel sistema socio-sanitario: dall’identificazione dei sintomi alla risposta operativa"


L'Amministratore delegato, della società responsabile della pubblicità "Impianto dentale a 1 euro", ha inviato un email al presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di...


In Italia le professioni odontoiatriche appaiono in crisi? Oltreoceano la situazione sembra molto diversa: per il terzo anno consecutivo, infatti, i professionisti che si dedicano alla cura dentale...


Troppo spesso nel parlare di Ordini professionali, si riscontra una grande confusione terminologica che non consente di portare a conclusione un ragionamento chiaro e compiuto.Senza alcuna pretesa di...


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni