HOME - Cronaca
 
 
24 Giugno 2011

Lesioni oronasali da cocaina: presentate le linee guida

di Cosma Capobianco


Disturbi psichici, aumento del rischio di accidenti cardiovascolari e lesioni oro-nasali: il consumo di cocaina può provocare gravi danni. Per questo il Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Salute hanno pubblicato il manuale “Uso di cocaina e lesioni distruttive facciali. Linee d’indirizzo per specialisti otorinolaringoiatri” (scaricabile dal sito www.droganews.it/lineeguida_list.html).
I danni provocati alla mucosa nasale e palatale possono portare alla perforazione del setto e del palato duro con conseguenti comunicazioni oro-nasali. Dopo soli venti minuti dall’assunzione la vascolarizzazione si riduce e la mucosa è alterata dai cristalli di cocaina; a ciò si aggiunge il danno da alterata apoptosi che colpisce anche le cellule sane. Il risultato è un’ulcera cronica che può evolvere in necrosi dei tessuti molli e duri con effetti devastanti per le funzioni e la vita di relazione.
L’incidenza di queste lesioni non è ben nota, ma è stimata intorno al 5% dei cocainomani; in Europa questa drgoa è la seconda più consumata dopo la cannabis, interessando il 4,1% della popolazione tra 15 e 64 anni . In Italia questa percentuale sale al 4,8%.

Articoli correlati

Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


Queste dell’AISOD sono le prime linee guida validate per il settore odontoiatrico dal Sistema Nazionale Linee Guida secondo la Legge Gelli/Bianco


A cura della Commissione Albo Odontoiatri (CAO) nazionale e Italian Academy of Osseointegration (IAO), è frutto di un lavoro di revisione sul testo del 2014 in base agli aggiornamenti normativi


La diagnostica per immagini, argomento molto discusso in questo periodo, è una parte essenziale della pratica clinica odontoiatrica. Ogni professionista desidera utilizzare le...

di Lara Figini


Con la dott.ssa Ricci abbiamo approfondito il tema cercando di capire le regole, chi controlla, perché devono essere applicate anche in un settore dove il rischio è basso


Altri Articoli

La nuova stretta del Governo verso i no-vax che dal 10 gennaio ha portato restrizioni a chi non ha il Green pass rafforzato per accedere ai mezzi di trasporto, bar, ristoranti, palestre, piscine etc,...

di Norberto Maccagno


Agorà del Lunedì     16 Gennaio 2022

Comprare vita ai denti

Come mai oltre la metà dei trattamenti periapicali fallisce? La domanda è lo spunto per il prof. Gagliani per fare alcune considerazioni sul tema dei ritrattamenti

di Massimo Gagliani


Sono già 20 le cliniche dentistiche Sanitas che raccolgono mascherine destinate al riciclaggio. Una mascherina FFP2 può impiegare 400 anni per decomporsi


Dall’Università di Ferrara il “Postgraduate Program for Proficiency in Periodontology” diretto dal prof. Trombelli. Iscrizioni entro 28 gennaio


Tra i punti: laurea triennale in facoltà ad indirizzo scientifico-tecnologico; professionista tecnico in ambito sanitario; esclusivo fabbricante di dispositivi medici su misura ad uso odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi