HOME - Cronaca
 
 
30 Giugno 2011

Terapie parodontali, infarto e ictus : il rischio può anche aumentare

di Cosma Capobianco


Le terapie parodontali sono collegate a un aumento transitorio del rischio a breve termine di infarto e ictus, ma i loro benefici sulla salute vascolare a lungo termine sono probabilmente maggiori di questo effetto indesiderato. Queste in sintesi le conclusioni di un ampio studio epidemiologico su più di mille soggetti pubblicato dalla rivista Annals of internal medicine
Negli ultimi anni sono sempre più numerose e solide le evidenze che collegano l’infiammazione parodontale con il rischio di malattie sistemiche e, in particolare con quelle cardiovascolari; lo stesso si può dire anche per le evidenze sui benefici prodotti dal trattamento sulla salute dell’apparato circolatorio. La ricerca, senza stravolgere le recenti acquisizioni, mette in guardia il clinico: nelle prime 4 settimane dopo un trattamento invasivo (anche estrazioni e ogni manovra in grado di provocare batteriemia) il rischio di infarto e ictus aumenta, per poi scomparire nelle settimane successive. Si dovrà verificare c’è una conferma da altre ricerche e se sarà possibile prevenire con farmaci antiaggreganti.

Bibliografia: Minassian C et al. Invasive dental treatment and risk for vascular events: A self-controlled case series. 2010 Oct 19; 153:499.

Articoli correlati

ObiettiviLo scopo di questa revisione sistematica è stato di indagare la correlazione tra malattia parodontale ed eventi avversi della gravidanza e di valutare l'effetto della terapia...


Obiettivi. Lo scopo di questa review è stato valutare l’utilizzo del laser nella terapia parodontale non chirurgica. I dati ottenuti vengono valutati secondo i principali parametri parodontali,...


OBIETTIVI. L’obiettivo principale di questa revisione critica della letteratura è aggiornare il lettore sulle diverse possibilità di approccio clinico al controllo dell’infezione nei pazienti...


Pochi dati clinici esistono su incidenza e severità dell'ipersensibilità radicolare dentinale a seguito della terapia parodontale non chirurgica. Tuttavia, in letteratura, l'insorgenza...


Pochi dati clinici esistono su incidenza e severità dell’ipersensibilità radicolare dentinale a seguito della terapia parodontale non chirurgica. Lo scopo del presente trial clinico è quello di...


Altri Articoli

Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


Il presidente Guarnieri (CAO Cosenza) pone alcune considerazioni e questioni sull’applicazione della norma che obbliga i sanitari a vaccinarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente