HOME - Cronaca
 
 
30 Marzo 2016

La Regione Friuli Venezia Giulia amplia le condizioni di vulnerabilità sanitaria e sociale per le cure odontoiatriche. Telesca: un primo passo verso l'odontoiatria sociale regionale


Una delibera della Regione Friuli Venezia Giulia amplia le condizioni di erogabilità nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale in tema di assistenza odontoiatrica definendo, meglio, le condizioni di vulnerabilità sanitaria e sociale.

"È una delibera importante che anticipa il Programma regionale di Odontoiatria sociale stabilendo alcune regole sulle prestazioni odontoiatriche che si possono fornire ai cittadini esenti da ticket o con una parte di compartecipazione alla spesa", ha spiegato alla stampa l'assessore alla Sanità del FVG Maria Sandra Telesca (nella foto).

"Un intervento necessario - continuato l'assessore Telesca- perché, stabilendo i criteri di fragilità sociale e sanitaria, mira a fare chiarezza sull'aspetto odontoiatrico del cosiddetto Decreto Appropriatezza che ha creato alcune difficoltà e che è stato contestato in parte dalle Regioni. Anche da parte nostra è stato chiesto che venga modificato per rendere più agevole il sistema delle prescrizioni che devono sì essere appropriate ma senza mettere in difficoltà i professionisti, in particolare i medici di famiglia".

Con la delibera approvata, che va anche oltre la recente Circolare del Ministero della Salute, vengono considerate condizioni di vulnerabilità sanitaria in FVG i pazienti in attesa di trapianto, post-trapianto, in stato di immunodeficienza grave, quelli con cardiopatie congenite cianogene, in trattamento con radioterapia del capo o con chemioterapia, pazienti a rischio di osteo-necrosi dei mascellari, con gravi patologie dell'emo-coagulazione, con disabilità neuro-psichiatriche gravi, con tossicodipendenza in trattamento sostitutivo (con Indicatore della Situazione Economica Equivalente / ISEE inferiore a 25.000,00 euro), affetti da malattia mentale seguita da almeno tre anni dai Centri di Salute Mentale / CSM (anche in questo caso con ISEE inferiore a 25.000,00 euro), con malformazioni congenite dell'apparato stomatognatico, con postumi di gravi traumi cranio-facciali, interventi demolitivi del distretto oro-facciale.

I pazienti in queste condizioni avranno garantito l'accesso a carico del SSR (con l'eventuale compartecipazione del cittadino in base alle regole generali che la disciplinano) alle prestazioni odontoiatriche, a esclusione delle protesi che saranno oggetto di specifico provvedimento nell'ambito del Programma regionale di Odontoiatria sociale.

I cittadini con ISEE inferiore a 6.000,00 euro avranno diritto alle medesime prestazioni interamente a carico del SSR; è previsto invece un contributo del 25% del valore della prestazione per coloro che hanno un ISEE compreso tra 6.001,00 e 10.000,00 euro, e del 50% per i redditi compresi tra 10.001,00 e 15.000,00 euro.

Per i soggetti in età compresa tra 0 e 14 anni, le prestazioni odontoiatriche (esclusi i trattamenti ortodontici che rientreranno nel Programma regionale di Odontoiatria sociale), saranno interamente a carico del SSR per i bambini fino ai 6 anni mentre sarà applicato il ticket per la fascia di età tra 7 e 14 anni in base alle regole previste per tutte le altre prestazioni.

Articoli correlati

Mentre arriva l'approvazione del Decreto Fiscale che ha introdotto per tutti i professionisti il diritto all'equo compenso, la Commissione Albo Odontoiatri dell'Ordine di Roma pubblica sul sito...


Centrale il ruolo delle CAO nell’attività di verifica su autorizzazioni e pubblicità e maggiore dialogo tra tutti i soggetti coinvolti


Le nuove disposizioni sulla pubblicità sanitaria entrate in vigore dal primo gennaio con la promulgazione della Legge di Bilancio 2019 (Art.1, comma 525 e 536, legge n. 145/2018) sono in...


Egregio Direttore, approfittiamo dal suo bell’editoriale pubblicato Domenica scorsa per rendere noto uno dei temi che il comitato A.M.I.C.O. (Associazione Medici e Igienisti Centri...


Sono stati i militari del NAS di Salerno, nell’abito di una attività di controllo di studi medici ed odontoiatrici della zona, a rilevare l’anomalia amministrativa di uno studio dentistico di...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


Attenzione ai messaggi ricevuti attraverso PEC, possono contenere programmi malware, a rischio anche quelli che sembrano provenire dall’Agenzia delle Entrate o dall’Ordine


L’autore del saggio di EDRA sul nuovo passaparola, commenta le inziative di CED e FNOMCeO e consiglia i dentisti su come favorire quelli positivi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi