HOME - Cronaca
 
 
22 Aprile 2016

La telemedicina per aiutare i rifugiati. Un'App per consulti online anche odontoiatrici


Un'App per garantire consulenza medica, anche specialistica, a quanti si occupano di accogliere profughi e migranti. Questi sono gli scopi di Emergenza medica online, progetto di telemedicina della Onlus Emergenza Sorrisi, patrocinato dalla Fondazione ANDI Onlus.

Il progetto ha l'obiettivo di mettere a disposizione gratuitamente delle strutture che accolgono gli immigrati e i richiedenti asilo (Car, parrocchie, centri culturali ecc.), e dei singoli, un sistema di risposta medica poli-specialistica. Attraverso la condivisione online, il sistema offre la possibilità di chiedere consulti e visionare referti, esami e indagini diagnostiche, e prevede, nei casi più difficili, una visita nel centro ospedaliero più vicino, attraverso la geolocalizzazione delle strutture che aderiscono al progetto. I medici e gli specialisti - spiega il dott. Fabio Abenavoli, presidente di Emergenza Sorrisi - saranno disponibili a ricevere tutte le richieste che giungeranno dai centri di accoglienza e rispondere in tempo reale, offrendo una consulenza online che faciliti la diagnosi, la terapia e anche la prevenzione. Si tratta di un vantaggio notevole, considerando che i centri di accoglienza non dispongono di un'assistenza poli-specialistica".

"Ancora una volta l'impegno dei nostri medici e volontari - prosegue Abenavoli - è messo al servizio dei nostri fratelli con maggiori necessità. In questo caso assisteranno i migranti che, in Italia e in Europa, sembrano rappresentare un problema ma che, al contrario, dovrebbero essere visti come amici bisognosi di assistenza e di sostegno nel momento di massima necessità".

Ai centri di prima accoglienza verranno dati smartphone e tablet già provvisti dell'App Emergenza medica online e saranno coinvolti nel progetto anche i medici di famiglia, le farmacie, le associazioni di medici - tra cui i dentisti volontari di ANDI - le società scientifiche ma anche mediatori culturali e medici stranieri.

"Con l'AMSI - spiega il suo presidente, il prof. Foad Aodi, anche Focal Point per l'Integrazione in Italia per l'UNAOC, Presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e membro della Commissione "Salute Globale" della Fnomceo - Federazione nazionale Ordine Medici e Odontoiatri - lavoriamo ormai da anni per trovare proposte e concretezza al fine di migliorare la salute globale. Emergenza Medica Online è un'estensione di questo lungo processo che necessita del coinvolgimento di tutti a favore della prevenzione e della vera identità culturale e sanitaria degli immigrati".

Non solo un progetto sanitario dunque ma anche un laboratorio dedicato all'integrazione.

Il progetto ha l'obiettivo di garantire il diritto alla salute e anche di sfatare i pregiudizi contro gli immigrati e il loro presunto ruolo di portatori di malattie. 426 convegni tenuti sulla materia ci hanno aiutato a capire che non è così, ma che i migranti si ammalano quando arrivano in Italia, a causa per lo più del cambiamento delle condizioni di vita, del clima, delle abitudini alimentari e della scarsa igiene dovuta a condizioni abitative precarie. Così il prof. Aodi che poi aggiunge: "Servono più servizi, assistenza socio-sanitaria e ricerca per umanizzare il Sistema Sanitario Nazionale con una maggior collaborazione tra i professionisti della Sanità italiani e di origine straniera per tutelare il diritto alla salute di tutti".

Un esempio di quanto affermato dal prof. Aodi è il recente allarme scabbia, malattia non grave e, peraltro, endemica in Europa e in tutto il mondo, tanto che in Italia è già presente con circa 6.000 casi l'anno, soprattutto in ospedali e scuole, a prescindere, quindi, dai migranti.

Per info sull'App potete contattare l'ufficio di Emergenza Sorrisi allo 06 84242799 oppure inviare un'email a info@emergenzasorrisi.it.

A cura di: Ufficio Stampa

Articoli correlati

Nei mesi scorsi Odontoiatria33 si era occupata più volte di Implantomat dando la notizia delle “vicissitudini” del Gruppo di studi odontoiatrici mostrate dai servizi di Striscia la Notizia. Nei...


Nasce il Comitato medici e igienisti centri odontoiatrici, una nuova associazione che rappresenta i medici e gli igienisti che lavorano presso le imprese che operano nella sanità privata in...


Oltre un miliardo e 100 milioni di euro di fatturato di cui 700 prodotti dalle Catene, 600 unità operative istallate, 1,5 milioni di pazienti trattati, 9 mila circa odontoiatri ed igienisti...


Sono 1600 le persone che complessivamente verranno selezionate da DentalPro, il più grande Gruppo odontoiatrico privato in Italia e il decimo gruppo della Sanità privata dopo le...


Altri Articoli

Attivato per tutti gli iscritti medici ed odontoiatri. Intanto FNOMCeO annuncia che le criticità legate alla banca dati Co.Ge.APS, saranno risolte al più presto


Contestato in varie provincie italiane il superamento del limite di spesa in tema di inserzioni pubblicitarie. Ecco cosa dice la norma


In provincia di Latina il Comune sanziona con 10 mila euro il titolare di una Srl odontoiatrica che aveva modificato i locali senza richiedere una nuova autorizzazione sanitaria


Nel fine settimana a Bologna la manifestazione biennale “fiore all’occhiello” del Sindacato degli Ortodontisti (SUSO)


Dopo aver letto le norme inserite nella legge di Bilancio che toccano anche lo studio odontoiatrico, i dati rilevati da EDRA e da Key-Stone che indicano la percentuale di odontoiatri e di futuri...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi