HOME - Cronaca
 
 
01 Luglio 2011

Nel solco della tradizione per rafforzare i valori fondanti


Il Presidente Mario Iorio ha espresso la sua soddisfazione per i risultati ottenuti dal 54° Congresso Amici di Brugg che ha visto in primo luogo un alto numero di partecipanti, in linea con quello degli anni passati. Questo risultato numerico, valutato in rapporto alla ricca offerta congressuale e formativa "concorrente" proposta dal settore odontoatrico, conferma la validità del programma scientifico dell'Associazione e della filosofia che lo sostiene. Programma che è concepito, organizzato e proposto per ottenere un riscontro concreto in studio nella propria attività quotidiana. Ai relatori è infatti chiesto di "interpretare lo spirito degli Amici di Brugg che consiste nel dare indicazioni pratiche", ci dice il dottor Iorio.
Quest'anno, con il trasferimento sulla piattaforma web delle relazioni svolte durante il Congresso, si è finalmente realizzato compiutamente lo slogan "Il congresso dura tutto l'anno". Si tratta di una grossa novità, la cui effettiva portata si potrà capire più avanti. Ci sarà infatti da aspettare i prossimi mesi per ottenere un riscontro significativo, ascoltando le valutazioni da parte di partecipanti con diverse "estrazioni informatiche". Le prime sensazioni ricevute dagli iscritti paiono già molto positive.
Per comprendere ancora meglio le aspettative del pubblico, in particolare sui temi connessi all'aggiornamento e alla formazione, l'Associazione pensa di riproporre in occasione del prossimo Congresso un questionario come quello distribuito due anni fa, per capire e far propri le esigenze e gli orientamenti dei partecipanti.

L'ESTETICA COME ARMONIA
Con il Congresso del prossimo anno si completerà il triennio dedicato all'estetica. Estetica che per gli Amici di Brugg significa armonia nei trattamenti. Tale visione si sposa perfettamente con la natura di un'associazione di odontoiatria generale che vede rappresentati al suo interno tutti i temi della professione. Dall'equilibrio tra questi temi nasce infatti un professionista capace di soddisfare le esigenze dei pazienti riuscendo a proporre la migliore armonia tra funzione ed estetica.
Altro punto su cui insiste il Presidente Iorio riguarda la comunicazione vista come un processo fondamentale per raggiungere gli obiettivi dell'Associazione. Il working-lunch di giovedì 26 maggio, che ha visto oltre a quella della stampa specializzata e delle aziende, la presenza del Professor Enrico Gherlone referente del Ministero della Salute per l'Odontoiatria e i dottori Alessandro Gamberini e Mauro Matteuzzi in rappresentanza dell’industria, è stato un momento importante di questo processo.
La cena dei soci effettivi, tenutasi sempre nella stessa giornata, ha riunito alcuni dei nomi più prestigiosi dell'odontoiatria italiana, presidenti e presidenti eletti di importanti società scientifiche. Si è trattato di un momento di riaggregazione di un gruppo, che nel passato è stato molto unito anche dal punto di vista dei rapporti personali. Quello con i soci effettivi è quindi un punto di incontro arricchito da una forte componente emotiva, pensato anche per rendersi conto se la strada che si sta seguendo è coerente con le necessità future formative della professione.
L'occasione migliore per una verifica sarà il Closed Meeting del 28 ottobre che si svolgerà a Santa Margherita e che coinvolgerà, insieme ai massimi rappresentanti dell'industria, le stesse qualificate persone.

CRESCITA NELLA CONTINUITA'
Come il numero dei 1.500 iscritti al Congresso dà un'immediata misura del suo successo, la stessa considerazione può essere fatta anche per la parte espositiva che ha visto aumentare la superficie e il numero delle aziende confermando la fama di evento leader del settore dentale in Italia. Con questa edizione è stato deciso di concentrare i corsi tecnologici nella giornata di giovedì e di organizzarne un numero limitato, una scelta che è stata gradita sia dai colleghi che dall'industria.
I video promozionali delle aziende, programmati su monitor situati negli spazi del congresso, un'innovazione di quest'anno, sono stati molto apprezzati. L'anno prossimo le postazioni verranno incrementate e così pure la dimensione degli schermi.
Infine, ma solo in ordine cronologico, i premi Biaggi che quest'anno sono stati assegnati a due industriali, il dottor Alessandro Gamberini e il dottor Mauro Matteuzzi, sulle orme di quanto accaduto per il primo premio Biaggi assegnato nel 1981 all'industriale Zingardi e nel 1995 al Presidente Unidi di allora, Ogna, per avere condiviso con l'Associazione finalità e comportamenti. Il premio è stato assegnato per il duplice ruolo rivestito nell'adesione ai principi di amicizia e professionalità propri dell'Associazione, in primo luogo come importanti imprenditori del settore e in seconda battuta rispettivamente come presidenti Promunidi e Unidi, partner ormai da olte due decenni degli Amici di Brugg.

Da Rimini uno sguardo al futuro

Il tema dell’estetica, scelte chirurgiche d’eccellenza, ortodonzia, endodonzia e implanto-protesi, ma su tutto le cellule staminali e la rigenerazione ossea: il programma scientifico di Rimini ha fatto centro con la tradizionale affidabilità pratica dei temi e con un pizzico di innovazione molto più vicina di quanto si potesse pensare.

Ha suscitato il maggior interesse il disegno dello scenario futuro, una suggestione che già oggi trova un fondamento scientifico certo: cellule staminali e rigenerazione ossea sono stati i protagonisti di Rimini.
«Abbiamo avuto corsi di altissimo livello che hanno soddisfatto una platea per tradizione molto esigente – dichiara Nicola Perrini, responsabile scientifico degli Amici di Brugg –. Tuttavia, un intervento in particolare ha suscitato un’attenta curiosità da parte dei colleghi, ed è stata la conferenza di Carlo Mangano a proposito di cellule staminali e rigenerazione ossea. Il pubblico ha gradito molto questa trattazione anche perché quella che sembrava essere un’opzione futura sta diventando ormai una realtà e nel giro di pochi anni potrebbe divenire protagonista degli studi professionali».
Mangano ha illustrato lo scenario ormai davvero a portata di mano con le tecniche di ingegneria tissutale ossea e i progressi di biologia molecolare e sui biomateriali. Opzioni terapeutiche che a breve saranno in grado di offrire nuove soluzioni anche nei casi più complicati e difficili.
Ma al di là della relazione testè citata, il programma scientifico 2011 ha incontrato l’apprezzamento del pubblico per la varietà, il consueto approccio multidisciplinare e pratico e la qualità scientifica degli interventi.
Grande successo è arrivato fin dal corso precongressuale di Matteo Chiapasco, che ha scelto un approccio molto particolare andando a descrivere la morfologia del cavo orale e i tessuti annessi basandosi sulle dissezioni di un cadavere e raffrontando i reperti anatomici effettivi con l’operato chirurgico del dentista. Una sintesi tra anatomia e tecniche operatorie che è stata molto apprezzata.
Il cuore del congresso, il 54esimo degli Amici di Brugg, ha puntato sul tema dell’estetica, riprendendo il percorso indicato dal past president Fabio Toffenetti. I diversi relatori della giornata, Gaetano Calesini, Francesco Mangani, Marco Nicastro e Angelo Putignano, hanno svolto ciascuno per il proprio settore di competenza relazioni d’eccellenza sugli argomenti specifici, dalla ricostruzione estetica alla perdita del dente e alla sua sostituzione con impianti con valenze estetiche notevoli. «Si è trattato di interventi di altissimo livello tecnico, che proprio per questo sono piaciuti molto al pubblico», spiega Nicola Perrini.
Tema totalmente diverso in contenuto e anche come filosofia d’approccio è stata la chirurgia piezoelettrica in ortodonzia. Un intervento di Andrea Podestà che, nonostante il tema insolito, ha raccolto diversi consensi. «L’argomento non è usuale, ma ormai era tempo di parlarne – continua Perrini –. Infatti questo tipo di chirurgia, molto rispettosa delle strutture su cui si agisce, sta ampliando il suo raggio d’azione passando da semplice chirurgia non invasiva a trattamento dalle molteplici potenzialità, per esempio nel posizionamento di impianti da utilizzarsi come ancoraggio temporaneo per la sistemazione del dente. L’argomento è molto specialistico ma andava trattato perché è una tecnica in forte crescita».
Il programma è proseguito sui suoi standard abituali con gli interventi dedicati all’odontoiatria conservativa di Franco Brenna prima e dello stesso Nicola Perrini poi, chiamato in causa per una sostituzione dell’ultimo minuto a Gilberto Debelian. Perrini ha svolto un excursus ampio di endodonzia con particolare riferimento alla biologia dell’uomo e non tanto al tecnicismo dell’operazione. Accanto al tecnicismo esasperato sui materiali, spesso una scelta vincente, la relazione di Perrini ha riportato l’accento sul lato umano della professione, sulla considerazione che si lavora su strutture viventi e non su pezzi inanimati. Una riflessione che ha aperto la strada al tema principe del congresso, l’estetica, alla quale è sempre da associare la funzionalità del dente.
Le relazioni del sabato mattina, prima di tornare al tema estetico, alla protesi e alla programmazione, sono state dedicate all’indimenticato Carlo De Chiesa, già presidente dell’associazione e negli ultimi tempi presidente onorario, spentosi nell’ottobre scorso. L’hanno ricordato il collega e amico di una vita Giancarlo Pescarmona, con un intervento molto umano e toccante, e poi Sergio Barale, tecnico di De Chiesa per anni, ed Ezio Bruna, uno dei suoi allievi, con un omaggio di alto carattere scientifico. Una relazione quest’ultima che è stata una lunga carrellata dell’evoluzione della protesi dai tempi eroici ai giorni nostri. «Un ricordo che ha fatto piacere a tutti gli Amici di Brugg e che è stato un degno omaggio per il livello umano e scientifico degli interventi» afferma Perrrini.
Il gran finale del congresso è stata senza dubbio la diretta satellitare dallo studio di Gioacchino Canizzaro in Pavia. Con Vittorio Ferri e insieme ai loro collaboratori e tecnici, Canizzaro è intervenuto su un paziente entrato in studio alle 14 con rilevazione delle impronte e il posizionamento dell’impianto e uscito alle 16,30 con l’arcata superiore completamente rifatta.
«È stato un momento scientifico davvero notevole e importante – conclude Perrini –. È stato un intervento molto difficile, ma non ci sono state complicazioni e quindi il congresso si è concluso nel migliore dei modi».
Il giudizio complessivo sulla riuscita della manifestazione, è dunque positivo. «Siamo piuttosto soddisfatti dell’andamento della parte scientifica – commenta Perrini –. C’è sempre qualcosa da perfezionare e migliorare, ma possiamo tranquillamente affermare che è stato un bel successo, come confermato dalle presenze ai massimi livelli. Ormai il nostro lavoro è già proiettato al 2012».

Il Congresso non si ferma mai

Cuore e cervello per un evento scientifico, culturale e tecnologico che vuole essere il luogo di incontro e formazione di tutti i dentisti.

Un successo quantitativo e qualitativo per il Congresso Amici di Brugg 2011, sempre nel solco dei valori umani e scientifici espressi dall'Associazione. Gli iscritti paganti sono stati circa oltre 1.500, la parte fieristica ha visto ben 15.000 visitatori. Muovere una macchina organizzativa così complessa richiede grande professionalità e un'attenzione particolare per il dettaglio per tutta la durata della kermesse che già il giovedì ha visto oltre 800 iscritti al corso precongressuale, nelle due sale.
Se dal punto di vista scientifico le commissioni hanno in corso di definizione gli argomenti per il 2012, la promozione del congresso è già cominciata e andrà avanti per tutto l'anno. “La fase preparatoria inizia il giorno dopo la chiusura del congresso”, dice Renato Scotti di Uccio, Segretario generale dell'Associazione. C'è poi la fase organizzativa che comincia a gennaio e che quest'anno ha coinciso con una novità molto importante mirata a portare in digitale, sul web, tutta la fase di iscrizione, con l'obiettivo ambizioso di arrivare nel tempo ad eliminare la carta nella preparazione del congresso e nella vita della segreteria associativa. L'operazione si è rivelata un pieno successo tanto che l'efficace gestione delle iscrizioni online ha praticamente azzerato le code alla reception. Agli iscritti è stato recapitato, sempre via internet, il badge per l'accesso al parcheggio gratuito attraverso un percorso stradale riservato, non un gadget ma uno strumento utile a consentire di essere presenti in sala fin dall'inizio della prima conferenza.
“Al termine del Congresso in Consiglio ci siamo riuniti per riflettere su quelli che sono stati gli elementi positivi, cercando di evidenziare anche ciò che non ha funzionato alla perfezione. Poiché a tutti noi piace qualcosa di ben fatto e cerchiamo sempre di migliorare”, chiosa il dottor Scotti di Uccio.

LA TECNOLOGIA
Gli Amici di Brugg utilizzano internet in un modo evoluto, come supporto organizzativo, e ne valorizzano anche l'utilizzo come strumento di comunicazione.
Da quest'anno infatti per invitare al Congresso si è ricorsi all'invio di alcune videomail in cui il Presidente Mario Iorio si è rivolto direttamente ai potenziali iscritti. In questo modo si è privilegiato un tono diretto, chiaro e cordiale tra la presidenza e la platea dei dentisti e di tutto lo staff dello studio odontoiatrico.
Anche il sito è stato rinnovato nella grafica e arricchito nei contenuti, fornendo ai sempre più numerosi visitatori uno strumento essenziale e moderno per l’aggiornamento e la formazione.
Questa 54a edizione è stata l’occasione per mettere a punto la proiezione video in alta definizione. Nella formazione a distanza la qualità dell'immagine è elemento fondamentale e nel corso tenuto sabato 28 maggio dal dottor Cannizzaro è stato raggiunto il top!
Le immagini erano in HD con una precisione di colore e nitidezza mai vista prima. Ciò grazie agli impegnativi investimenti sulle tecnologie di trasmissione video che gli Amici di Brugg hanno posto in essere nell’ultimo periodo.
Da non trascurare inoltre il fatto nuovo di aver messo su web gli interi atti congressuali. Il poter seguire il congresso sul proprio computer rende concreta per i professionisti la possibilità di usufruire dei vantaggi formativi per tutto l'anno comodamente da casa o dal proprio studio. Il materiale video pubblicato è fruibile per un anno senza costi aggiuntivi.

GLI EVENTI SOCIALI
Primo degli eventi sociali il working-lunch si è svolto nella giornata di giovedì 26 maggio nell'area ospiti con una numerosa partecipazione di relatori, giornalisti, esponenti industriali. Fra tutti da citare il professor Enrico Gherlone referente del Ministero della Salute per l'Odontoiatria.
In quanto all’area ospiti, situata dietro la segreteria, essa è considerata un vero fiore all'occhiello dell'organizzazione del congresso. Un'area dove i relatori, i soci effettivi ed i loro ospiti hanno possibilità di ristorarsi in un ambiente rilassante e riservato.
La cena dei soci effettivi che si è tenuta alla Rotonda sul Mare nella serata di giovedì ha riscosso un ottimo successo. Si tratta dell'occasione conviviale, che sta già diventando una tradizione, in cui vengono presentati i nuovi soci effettivi, stimati professionisti che aderiscono ai principi fondanti dell'Associazione
L'Assemblea ordinaria è stata organizzata venerdì 27. Come voluto dal Presidente Mario Iorio non è stato solo un momento formale, ma sede di confronto partecipato e costruttivo. Nel corso dell'Assemblea sono state consegnate le borse di studio del corso di Alta Formazione: fattiva testimonianza dell'impegno dell'Associazione nella formazione dei giovani professionisti del dentale, momento condiviso a nome di tutti i congressisti.
L'organizzazione della cena sociale del sabato sera nei saloni del Grand Hotel, occasione in cui vengono attribuiti i prestigiosi premi Biaggi, ha visto all'opera tutti i membri del Consiglio Direttivo che, come sempre, si sono impegnati personalmente al massimo per fare in modo che tutto si svolgesse in un clima caldo e coinvolgente come deve accadere in una cena tra amici.
A proposito quest’anno i premi Biaggi sono andati a due industriali, rispettivamente presidenti dell'Associazione dei fabbricanti e della mostra annessa al Congresso. “Ai dottori Matteuzzi e Gamberini i più sinceri complimenti di tutti gli Amici di Brugg“, ci tiene ad affermare Scotti di Uccio.

LE AZIENDE
I corsi tecnologici organizzati dalle aziende sono stati tutti concentrati il giovedì e hanno registrato un'elevata partecipazione. Le aziende si sono impegnate anche in altre forme di sponsorizzazioni. Ad esempio hanno riservato salette per incontri personalizzati con gli operatori.
Un'altra novità di successo si sono rivelati i monitor situati in posizioni chiave all'interno degli spazi congressuali attraverso i quali le aziende potevano trasmettere i loro messaggi promozionali. Visto il gradimento riscosso presso il pubblico per la prossima edizione si pensa di aumentare il numero e le dimensioni degli schermi per ottenere un risultato ancora migliore.
Già da quest’anno si è notata la presenza di alcuni sponsor extra settore di prestigio, quali American Express e Saab, per ottenere un coinvolgimento maggiore gli Amici di Brugg si impegneranno ad operare con ancora maggiore professionalità.
La parte merceologica infine, organizzata da Promunidi, si è confermata uno degli eventi fieristici più importanti del settore durante l’anno. La maglia espositiva è stata appositamente studiata per favorire gli spostamenti del pubblico tra i padiglioni. L’anno prossimo i flussi di traffico saranno ancora migliorati per ottenere la maggiore soddisfazione di pubblico ed espositori.

Un pieno di novità per gli odontotecnici

Ricostruzioni protesiche, estetica e gnatologia, dal laboratorio artigianale alla piccola impresa: nel filone più genuino della filosofia degli Amici di Brugg, gli odontotecnici hanno vissuto un’edizione di grande innovazione.

Tante novità quest’anno a Rimini per gli odontotecnici: sia gli argomenti sia il metodo di trattazione hanno portato una ventata di innovazione che ha riscosso ampio successo tra i partecipanti a partire dalla novità dei due corsi precongressuali divisi non più per categoria, come in passato, ma per argomento, protesico e chirurgico. Le accoppiate dentista-odontotecnico che si sono susseguite nella trattazione del tema protesico hanno incontrato il favore della platea sia per la parte tecnica sia per quella scientifica.
«Il tipo di approccio che è stato scelto, basato su una divisione per argomenti, ci sembra più in linea con quella che è la filosofia degli Amici di Brugg, improntata a una ricerca costante della collaborazione pratica, quotidiana, nello studio – spiega il responsabile del programma odontotecnico Stefano Biacchessi –. L’obiettivo è sempre quello di mostrare qualcosa di pratico che il giorno dopo può essere riportato nel proprio laboratorio, nel proprio studio, e in questo senso i corsi precongressuali sono stati perfettamente rispondenti alle aspettative».
Anche il corso tecnico del venerdì ha incontrato un grande successo di pubblico. Calato in scia al filone lasciato dal past president Fabio Toffenetti, anche quest’anno si è approfondito il tema dell’estetica, analizzata in diverse sfaccettature, sia nei corsi congiunti del giovedì sia in quelli del venerdì. Gli odontotecnici però hanno posto la loro attenzione sull’imprescindibile valutazione funzionale per qualsiasi soluzione estetica, vera filosofia guida nell’approccio alla materia.
«Considerando che non c’erano obblighi di Ecm, vedere una sala gremita e così attenta fino alla fine è stato sicuramente una bella soddisfazione per tutti gli organizzatori – prosegue Stefano Biacchessi –. E devo dire che sia gli appuntamenti relativi alla protesi totale sia quelli della protesi removibile sono stati seguiti con pari interesse».
Il risultato più inatteso forse è arrivato però dalla relazione di un industriale, Giuseppe Venturini, che è venuto a parlare alla platea di odontotecnici di analisi dei costi di laboratorio e ha fatto un intervento a tutto tondo sulle competenze e sulle necessarie caratteristiche che deve avere un odontotecnico alle prese con una moderna concezione imprenditoriale. Una panoramica dei costi con dati molto interessanti e con un’analisi puntuale e acuta del calo a livello europeo e italiano della quantità di protesi richieste ai laboratori in nome delle nuove tecnologie Cad-Cam.
«Si è trattato di un argomento nuovo che ha suscitato grande curiosità e interesse e che l’anno prossimo sicuramente ripresenteremo nell’ottica di una preparazione sempre più avanzata dell’odontotecnico», commenta Biacchessi.
Ultima apprezzata novità, anche in questo caso destinata ad avere delle repliche, è stata la presenza, tra i relatori delle sessioni destinati agli igienisti, dell’odontotecnico Giancarlo Garotti che ha tenuto una conferenza sui materiali e sul panorama merceologico oggi a disposizione.

Numeri in crescita per igienisti e assistenti dentali


Approccio pratico, tante idee e suggerimenti utili nei corsi per ASO e Igienisti: dalla prevenzione all'igiene, da come comunicare con il paziente alle problematiche connesse alla gestione di uno studio.


Bilancio positivo per i due convegni organizzati al 54° Congresso degli Amici di Brugg a Fiera Rimini. I numeri parlano chiaro. Quasi un centinaio gli iscritti al primo, il corso per Igienisti tenutosi venerdì, e oltre 400 a quello dedicato agli Assistenti dentali svoltosi sabato.
“Come ogni anno i temi sono stati affrontati secondo un approccio pratico, si sono suggerite idee e trasmessi tanti piccoli trucchi da usare il lunedì”, spiega Gian Edilio Solimei del Consiglio Direttivo degli Amici di Brugg. Gli igienisti – la cui presenza cresce di anno in anno – hanno assistito a un corso monotematico sulla prevenzione della salute orale e sull'igiene di vita, secondo quelli che sono i princìpi della Società Italiana di Parodontologia. Per primo Giancarlo Garotti ha voluto aprire i lavori evidenziando la sua grande esperienza in campo odontotecnico tenendo una relazione sull'importanza della scelta dei materiali dentali come una delle variabili da cui dipende non solo la longevità protesica ma anche la sua realtà qualitativa di prodotto finale. È stata anche affrontata l’importanza di approcciare e comunicare con i pazienti che, oltre ad una diffidenza “atavica” spesso evidenziano, malgrado i grandi sforzi profusi dagli specialisti del settore, un ancor presente malcostume nel sottovalutare l’importanza della prevenzione da cui la necessità di saper far “arrivare un messaggio informativo completo”. Un'arte senz'altro da imparare e della quale il dottor Basso prima, in sostituzione del professor Weinstein impossibilitato a presenziare per importanti impegni di lavoro, e la dottoressa Daniela Luchini, psicologa clinica, dopo, sono stati perfetti mentori. Molto apprezzata è stata anche la relazione del dottor Luigi Bergamaschini, geriatra, su come invecchiare bene, meglio e di più, sicuramente aiutato dal suo collega relatore ed “apripista” che ha approfondito le motivazioni cliniche e generali che consigliano a ricercare una migliore qualità igienica di vita.
Pochi denti, forse e poche curettes, ma insegnamenti di base che non vanno assolutamente sottovalutati in un ambito professionale decisamente passibile di false verità.
Per gli Assistenti dentali il discorso è stato più tecnico ma non meno arricchente dal punto di vista professionale; Laura Perego è riuscita nell’intento di mettere in pratica quanto richiestole in fase programmatica partendo da una attenta descrizione delle tipologie tecniche a disposizione, entrando nei minimi dettagli strumentali fino alla panoramica sulle procedure e le normative vigenti in tema di sterilizzazione e decontaminazione: momenti e strumenti fondamentali per la salvaguardia della salute non solo del paziente ma anche del team odontoiatrico tutto.
Anna Girardi, presidente di AIASO, nella sua relazione si è soffermata sulla responsabilità dell'assistente dentale nella gestione della segreteria; il ruolo dell'ASO è nevralgico in uno studio odontoiatrico: ha il compito di assistere tanto il medico quanto i pazienti, svolgendo nel contempo mansioni di segreteria. La buona gestione di uno studio è un'opera difficile che passa senz'altro dalle mani di un buon assistente. “Che è davvero la memoria storica di uno studio – commenta Solimei – e in non pochi frangenti vero parafulmine, costituendo un elemento imprescindibile e prezioso di ogni team odontoiatrico”.
Ultima ma non meno importante la relazione del dottor Petrilli che, esperto della sicurezza del lavoro, ha descritto molto accuratamente ma altrettanto chiaramente norme ed obblighi a cui siamo sottoposti evidenziandone anche i rischi sanzionabili.
Corollario importante ma anche storicamente tradizionale è stata, dopo la pausa, la consegna dei Premi Fedeltà da parte del professor Guastamacchia, storico Amico di Brugg, e del dottor Solimei. Una cerimonia semplice ma toccante, senza esclusione di lacrime e “groppi” in gola che sancisce una volta di più il rapporto profondo che ci unisce seduti ai lati di quella poltrona.
L'ottima partecipazione ai corsi ha dimostrato ancora una volta, se ce n'era bisogno, che nel settore sanitario e in quello dentale l'aggiornamento continuo è fondamentale. Chi ama la propria professione si aggiorna costantemente evitando il rischio di smarrire per strada le motivazioni del suo lavoro.
Il Congresso di Rimini a maggio, i Memorial Biaggi a marzo ed ottobre, con la costante presenza di tutti questi magnifici e numerosi partecipanti, confermano sempre e di più che la nostra filosofia è giusta.

Corsi tecnologici ed eventi aziendali


La partecipazione delle aziende al Congresso si è rivelata una qualificata occasione per arricchire l'offerta formativa e di aggiornamento, oltre che utile strumento di promozione.


Da otto anni si affiancano al programma scientifico del Congresso completandone l'offerta formativa e di aggiornamento rivolta agli operatori del settore. Sono i corsi tecnologici e workshop progettati dalle aziende in collaborazione con gli Amici di Brugg. Quest'anno i corsi tecnologici sono stati cinque, tre nella giornata di giovedì, due tra venerdì e sabato, mentre i corsi aziendali durante le pause pranzo dei giorni successivi in modo da non sovrapporsi mai al programma scientifico.
Due i corsi dedicati all'implantologia e rivolti agli odontoiatri, due quelli riservati agli igienisti dentali, un quinto infine pensato per i venditori a cui hanno assistito un centinaio di operatori commerciali.
Tutti questi tipi di eventi rivestono un ruolo ormai ben definito nella geografia della tre giorni riminese. “I corsi destinati al personale di studio hanno un reale valore scientifico”, spiega Cesare Robello, consigliere dell’Associazione. “Per la loro realizzazione le aziende si attengono a un decalogo ben preciso, definito dall’Associazione”, continua, “così da ridurre al minimo gli inconvenienti e da garantire sempre una scelta di temi e relatori validi, anche nell’ottica formativa posta in essere dal nostro sodalizio”.
Per quanto riguarda il corso per venditori aziendali, fortemente voluto dai referenti per industria e distribuzione, Aurelio Gisco e Maurizio Quaranta, gli interventi dell’équipe della SDA Bocconi diretta dal professor Ancarani sono risultate particolarmente avvincenti.
Alla base del successo di aziende fra le più apprezzate nel mondo – ha ricordato ad esempio la professoressa Carù – c’è il mettere al centro dell'attenzione il cliente finale. “Considerazione ovvia, che dovrebbe valere sempre anche per le aziende del dentale rispetto ad odontoiatri e odontotecnici, e per questi ultimi nei confronti dei loro pazienti” commenta Cesare Robello.
Sul fronte delle azioni promozionali per le aziende l'ultimo congresso di Rimini ha rappresentato la consueta ghiotta occasione di lanciare le proprie sfide tecnologiche ai potenziali clienti.
I sistemi sono stati sempre più nuovi e accattivanti, andando al di là della semplice esposizione dei prodotti nell’ambito di una pur riuscitissima manifestazione espositiva.
Abbiamo rivisto le bandiere con i loghi aziendali, i depliant descrittivi ed i manifesti pubblicitari, infine i video messaggi, vera novità assoluta del 2011.
“Fatti girare su diversi monitor nella zona di segreteria e nelle aree comuni questi filmati hanno mostrato i prodotti delle aziende unitamente ai procedimenti clinici ed alle tecnologie più avanzate. Ciò di cui noi medici abbiamo bisogno, per esercitare al meglio la nostra professione.”
“Vorrei citare infine – conclude Robello – la nuova veste del sito dell’Associazione, con contenuti all’avanguardia e un design completamente nuovo, proprio in concomitanza con la 54a edizione del Congresso. È questo il secondo grande restyling del sito nei suoi dieci anni di vita, così da essere al passo con i tempi e le esigenze dei sempre più numerosi visitatori”.
Il sito rappresenta un’opportunità in più che gli Amici di Brugg offrono alle aziende, quale valida vetrina per pubblicizzare il proprio logo e per mettere agevolmente il link al loro sito.

Articoli correlati

E’ certamente “l’associazione culturale” odontoiatrica più longeva e da sempre Amici di Brugg“significa reciprocità di un gruppo di Odontoiatri ed Odontotecnici che si...


Negli anni passati spesso e volentieri in ambito medico e odontoiatrico si è abusato degli antibiotici prescrivendoli anche qualora non vi fossero reali indicazioni, talvolta anche solo per...


Nel 2016 il Congresso degli Amidi di Brugg raggiungerà il traguardo delle 59 edizioni. Molte le novità a cominciare dalla data, Aprile ed alla città che lo ospiterà:...


Il 59° Congresso degli Amici di Brugg, differentemente da quanto annunciato poco prima delle vacanze estive, si svolgerà a Milano presso il Centro Congressi Milan Marriott Hotel, dal 7 al 9...


Altri Articoli

Una mozione chiede che possano esercitare sono le STP odontoiatriche con direttore sanitario, emendamenti puntano a introdurre sanzioni per la proprietà in tema di pubblicità 


Il finto dentista cinese operava in casa ed al posto del riunito utilizzava una sdraio da giardino 


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi