HOME - Cronaca
 
 
13 Maggio 2016

Si iscrive all'Ordine autocertificando la laurea che non aveva mai conseguito ed esercita per quasi due anni. Denunciato a Lucca


"Dal 2014 a gennaio del 2016 bastava autocertificare di aver conseguito il diploma di laurea e superato l'abilitazione professionale per essere iscritto all'Ordine". A confermare ad Odontoaitria33 che è stato possibile per un 37 lucchese iscriversi all'Albo degli odontoiatri ed esercitare, anche in una struttura pubblica per quasi due anni, è il presidente CAO di Lucca Massimo Fagnani.

"Fortunatamente -continua il presidente Fagnani- abbiamo effettuato le verifiche del caso ma tra richieste di chiarimenti ed attese delle risposte è passato del tempo".

Tempo che non ha impedito all'ex ristoratore ed ex idraulico, riportano le cronache locali, di esercitare la professione di odontoiatra in alcuni studi, ed anche in una struttura pubblica. Di fatto era in regola essendo iscritto all'Ordine.

Tutto nasce nel dicembre 2014, racconta il presidente Fagnani, quando il 37enne si presenta all'Ordine per iscriversi autocertificando di aver conseguito la laurea in Odontoiatria presso l'Università romana di Tor Vergata. L'ordine di Lucca lo iscrive all'Albo degli odontoiatri ma nel mese di marzo invia una richiesta di verifica all'Ateneo romano.

"Nonostante la norma non lo imponesse -continua il presidente CAO di Lucca- di routine chiedevamo conferme all'Università per verificare che realmente avesse rilasciato il diploma di laurea e l'abilitazione al neo iscritto".

Qualche mese dopo l'Università risponde dicendo che a loro non risulta che il soggetto si sia laureato nel proprio ateneo. Il presidente CAO convoca l'iscritto che non riesce a mostrare il diploma di laurea adducendo scuse e presentando mail che a suo dire attesterebbero il conseguimento della laurea. Mancando "l'originale" l'Ordine lo invita a non esercitare e si attiva per ulteriori verifiche. Emerge che il lucchese si sarebbe laureato in Albania ma il titolo di studio non solo non è mai stato riconosciuto in Italia ma "ma non si è neppure mai visto".

Il Consiglio dell'Ordine di Lucca, vista la situazione, delibera che l'iscrizione è nulla e denuncia alla procura il "non più" iscritto per aver autocertificato il falso, oltre a segnalarlo all'autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione.

"Non avendo i requisiti per essere iscritto come Ordine non potevamo fare altro", spiega Fagnani che aggiunge.

"Nella lotta all'abusivismo come CAO non abbiamo poteri se non c'è un coinvolgimento di un iscritto e questo penalizza i cittadini. So bene che la vicenda può sembrare assurda ma è stata possibile per una norma che consentiva di autocertificare il proprio titolo di studio. Fortunatamente da gennaio questo non è più possibile".

"Invece di cercare di limitare i poteri degli Ordini -conclude il presidente CAO- il legislatore dovrebbe potenziali".

Intanto la stampa locale informa che anche l'Università di Tor Vergata abbia presentato denuncia nei confronti del cittadino lucchese. Ora la palla passa alla Procura.

Nor.Mac.

Articoli correlati

Scoperto a Como, oltre ad essere abusivo lo studio, anche chi effettuava le cure era privo di laurea e abilitazione 


L’operazione ha portato alla chiusura di tre ambulatori, uno in provincia di Latina e due a Piacenza. Sotto indagine anche i direttori sanitari delle strutture


Filmato a Padova ma lavorava in altri hotel italiani ed in Svizzera. Molto attivo sui social si difende: non sono un abusivo, sono un manager che promuove il suo brand


cronaca     02 Dicembre 2019

Scoperto abusivo a Pozzuoli

A Napoli i NAS denunciano titolare di un laboratorio odontotecnico per essersi allacciato abusivamente alla rete elettrica 


Il finto dentista cinese operava in casa ed al posto del riunito utilizzava una sdraio da giardino 


Altri Articoli

La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Poco più di 62 mila il numero totale, meno di 800 il saldo attivo dei nuovi iscritti nel 2019. Tra questi molte le donne


Avviso di richiamo per una serie di lotti di Abutment di guarigione Certain® BellaTek® Encode® 


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni