HOME - Cronaca
 
 
02 Ottobre 2011

Progetto Network ANDI, insieme si vince


Da oltre 65 anni i dentisti che si riconoscono in ANDI, associandosi, condividono la visione dell’esercizio professionale, le regole, la deontologia, il rispetto assoluto del paziente e della sua salute orale, l’utilizzo di servizi e progetti.
Oggi, mentre il mondo economico scopre la rete di imprese, l’associazionismo, l’unirsi per mettere in comune esperienze e servizi per migliorare la propria competitività, ANDI ha deciso di istituzionalizzare questa rete di dentisti capillarmente attivi su tutto il territorio nazionale presentando il Progetto Network ANDI.
“Se pensiamo ai 31 anni del Mese della Prevenzione o al più recente Oral Cancer Day - dice il Presidente Nazionale ANDI Gianfranco Prada - capiamo come i Dentisti ANDI siano da sempre il più numeroso, qualificato e meglio organizzato Network di studi odontoiatrici presente in Italia. Studi con lo stesso modo di intendere la professione, di essere disponibili, con la stessa voglia di aggiornarsi, di distinguersi dagli altri e dare al proprio paziente le terapie più consone alla tutela dalla propria salute orale”.
Con il Progetto Network, ANDI vuole istituzionalizzare la scelta di campo fatta dai propri iscritti dando loro visibilità ed opportunità, consentendo di continuare a svolgere la propria professione senza stravolgere il loro modo di “essere dentista”.
I 23 mila Dentisti ANDI, attraverso il Progetto Network ANDI, possono così, insieme, far crescere ulteriormente la propria attività senza dover fare investimenti che richiederebbero la disponibilità di budget straordinari e senza dover scendere a compromessi sull’esercizio della propria professione e la cura dei propri pazienti.
"Istituzionalizzare e promuovere l'impegno dei dentisti che si rivedono nei valori ed obiettivi della più rappresentativa ed autorevole Associazione odontoiatrica del nostro Paese - continua il Presidente Prada - rappresenta un'ulteriore garanzia per i cittadini italiani che ogni giorno si rivolgono al dentista. Una garanzia che viene dall'impegno comune assunto dai Dentisti ANDI che rappresentano quell’odontoiatria che contrasta la mercificazione della professione attraverso la qualità delle cure offerte e la professionalità, consapevoli che il modello di odontoiatria basato sull’indissolubile rapporto dentista/paziente sia l’unico che possa continuare a garantire la tutela e la qualità della salute orale”.
Ed in questo, la prossima approvazione del Codice Etico Comportamentale ANDI sarà un ulteriore garanzia per il cittadino.
Un network di professionisti, dunque, volto a far crescere ulteriormente gli elevati standard qualitativi propri dei dentisti italiani, attraverso progetti e strumenti che migliorano la professione e la relazione con il cittadino.

Per fare questo ANDI mette a disposizione tutta un serie di iniziative e servizi che permetteranno di cementare il rapporto tra paziente ed il suo Dentista ANDI e che consentirà a quest’ultimo di mantenere alti gli standard delle proprie prestazioni.
“Cominceremo a spiegare ai pazienti perché 23.000 Dentisti italiani aderiscono ad ANDI e quali sono i valori che l’Associazione diffonde”, dice il Presidente di ANDI Servizi Gerardo Ghetti.
“In un momento di accentuata crisi economico/finanziaria/etica - continua il dott. Ghetti - trovare le giuste chiavi per la competitività e lo sviluppo del proprio studio può essere un fattore determinante ed attraverso il Progetto network ANDI il nostro iscritto lo potrà ottenere”.
Molti sono gli strumenti già a disposizione del Dentista ANDI, strumenti che prevalentemente si sviluppano su due grandi aree: quella della formazione e quella della comunicazione con il paziente.
Per quanto riguarda la formazione a disposizione del Dentista ANDI tutta una serie di percorsi formativi che toccano tutte le branche dell’odontoiatria attraverso un sistema integrato che utilizza la formazione residenziale, la FAD, la formazione sul campo, la RIS, il confronto tra professionisti. Una formazione basata e validata secondo l’evidenza scientifica (EDB) internazionale mediata e spiegata dai più autorevoli esperti dei vari settori.
Per quanto riguarda la comunicazione, il Dentista ANDI avrà a disposizione strumenti innovativi che non solo lo agevoleranno nel dialogo con il proprio paziente rendendo quest’ultimo consapevole e motivato delle scelte terapeutiche che insieme al suo dentista dovrà prendere. Per questo sono stati creati applicativi per iPad, iPhone e web a disposizione del cittadino.
Attraverso una Newsletter veicolata in formato cartaceo all’interno delle proprie sale d’attesa e via e-mail, si aprirà un dialogo diretto con i pazienti; attraverso il sito web www.obiettivosorriso.it tutti gli italiani troveranno informazioni autorevoli sulla salute orale e potranno interagire con i Dentisti ANDI ponendo domande ed ottenendo risposte e consigli.
Le sale d’attesa dei Dentisti ANDI, che ogni anno ospitano circa 10 milioni di persone, saranno sempre più Sala d’intesa grazie anche ad altri strumenti come la web radio ANDI e, prossimamente, anche la TV ANDI.
Tutta una serie di strumenti, dalle targhe personalizzate con il logo ANDI, ai camici, alle magliette e felpe ed altro ancora indicheranno al paziente di trovarsi presso un dentista ANDI.

Fonte:comunicato stampa

Articoli correlati

Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Probabilmente il corpo umano, macchina perfetta, non è proprio studiata al meglio per sopportare il carico di movimenti ripetitivi, che in un odontoiatra professionista si protraggono per...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni