HOME - Cronaca
 
 
10 Giugno 2016

SIdP risponde alla polemica sul Laser. Gatti: siamo aperti alle novità ma attenzione a''restare abbagliati'' dal nuovo se non validato scientificamente


Nei giorni scorsi la presidente LEAD Laura Codegoni, aveva sollecitato il presidente SIdP Claudio Gatti sollevando alcuni dubbi sulle avvertenza avanzate dalla Società Scientifica di Parodontologia in merito all'utilizzo del laser nella cura della malattia parodontale.

Ora il dott. Gatti le risponde attraverso una lettera inviata anche ad Odontoaitria33 che vi proponiamo integralmente.

In Italia la parodontite colpisce almeno il 40% della popolazione, con gravi problemi di natura estetica-funzionale e profonde interrelazioni con gravi malattie sistemiche. La ricerca clinica in Parodontologia ha ampiamente dimostrato con studi clinici in tutto il mondo, e non attraverso opinioni di esperti, che la terapia convenzionale (motivazione e istruzioni all'igiene orale, strumentazione sopra e sottogengivale con curettes e ultrasuoni) è enormemente efficace per arrestare la malattia e salvare i denti nel lungo termine, con costi contenuti e grande successo clinico dopo oltre 30 anni di osservazione".

Il laser in Parodontologia, ricorda, "è stato oggetto di studio come possibile strumento in grado di migliorare la terapia non chirurgica, al posto degli strumenti tradizionali o in aggiunta ad essi. Da almeno 10 anni studi clinici indipendenti fatti nelle migliori università internazionali dimostrano che il laser non migliora la terapia convenzionale e che non funziona meglio di curettes e ultrasuoni. Tutto questo misurato con metodo scientifico e tutto questo indipendente dalle opinioni degli esperti, che nella moderna letteratura scientifica hanno un'importanza marginale rispetto ai dati.

La SIdP ha profondo rispetto per chi studia seriamente l'applicazione del laser in odontoiatria, come la SILO o la LEAD. Riteniamo però che prima di paventare vantaggi nel campo del trattamento parodontale bisognerebbe conoscere bene la letteratura del settore (che evidentemente è pubblicata sulle riviste internazionali di Parodontologia) e che dimostra semplicemente che il laser non è uno strumento necessario nel curare la parodontite.

Nella tua lettera scrivi " Evoluzione, in campo medico, vuol dire "apertura", non arroccamento su proprie preconcette posizioni...". Converrai che è molto complesso essere aperti a "novità" come queste che non hanno solida evidenza scientifica alle spalle. Mi permetterai però di correggere la tua frase, e di suggerti che evoluzione in medicina non è rimanere abbagliati dal lampo del nuovo ma avere la forza di misurare i benefici clinici finali per capire quel che serve davvero per curare i nostri pazienti.

Articoli correlati

Paolo Vigolo è il nuovo presidente dell'Academia Italiana di Odontoiatria protesica per il prossimo biennio (2017-2018). La sua carriera professionale, laureato in Odontoiatria a Padova,...


I restauri indiretti parziali classificati come :- inlay senza ricopertura delle cuspidi, - onlay con ricopertura di almeno 1cuspide, e - overlays con copertura di tutte le cuspidi consentono la...


Allo stato attuale la riabilitazione orale tramite impianti deve prevedere, oltre a un buon risultato in termini di funzionalità, anche un raggiungimento estetico soddisfacente. Un'accurata...


Con l'obiettivo di far conoscere fin dalla formazione universitaria i vantaggi clinici che derivano dall'applicazione della chirurgia guidata in implantologia, il progetto prevede di dare in...


Anche quest'anno gli studenti in odontoiatria dell'ultimo anno delle università italiane sono stati invitati a partecipare al rinomato evento Ceram•X Case Contest, il concorso che premia i...


Altri Articoli

Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra che si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni