HOME - Cronaca
 
 
14 Luglio 2016

No ai prezzi in mano agli Ordini. ANCOD contro l'iniziativa parlamentare di ANDI


Continua la battaglia a distanza tra ANDI e le Catene odontoiatriche, battaglia giocata anche nelle aule parlamentari. Dopo aver "duellato" sul Ddl Concorrenza, ora l'attenzione si sposta sul Ddl Lavoro autonomo al quale ANDI sta cercando di fare inserire una norma che darebbe la possibilità agli Ordini di indicare tariffe sulla base degli standard minimi di qualità per le prestazioni cliniche.

Contro questa proposta si schiera Michel Cohen (nella foto), presidente ANCOD (Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici) che dichiara: "La libera concorrenza è necessaria nel settore delle cure dentali, pervaso da poca trasparenza contabile e da un livello di prezzi il più alto d'Europa che porta danni alla salute degli italiani".

"Un'eventuale insensata, definizione dei costi delle prestazioni da parte degli Ordini -continua- è contraria a ogni principio di concorrenza italiano o europeo e va nella direzione opposta alla liberalizzazione. Tornando indietro di 20 anni. La definizione di prezzi non può di per sé definire uno standard di prestazione Ma lo è invece la qualità dei medici e dei materiali e le attrezzature utilizzate, per i quali servono investimenti ormai importanti".

"Tutto questo -prosegue Cohen- come già accaduto con alcuni emendamenti proposti ma poi rigettati nel Ddl Concorrenza mina la libertà del mercato nel settore a solo svantaggio dei cittadini. Tale tentativo altro non è che l'emanazione di un interesse corporativo su basi pretestuose, poiché controllando i prezzi l'ordine eliminerebbe la concorrenza".

Articoli correlati

L’europarlamentare Nicola Danti presenta interrogazione per verificare che non siano state violate le norme su libera concorrenza  


Le nuove disposizioni sulla pubblicità sanitaria entrate in vigore dal primo gennaio con la promulgazione della Legge di Bilancio 2019 (Art.1, comma 525 e 536, legge n. 145/2018) sono in...


Nasce il Comitato medici e igienisti centri odontoiatrici, una nuova associazione che rappresenta i medici e gli igienisti che lavorano presso le imprese che operano nella sanità privata in...


Ad oggi non ci sono dati attendibili che indicano quanti degli attuali direttori sanitari, che prestano al loro opera di controllo e verifica nelle circa 5mila società odontoiatriche presenti sul...


 “L’emendamento alla manovra, che vuole escludere qualsiasi elemento di carattere promozionale o suggestionale dalle comunicazioni delle strutture sanitarie private di cura e degli iscritti...


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni