HOME - Cronaca
 
 
27 Luglio 2016

Ministero pubblica il decreto con la ripartizione (definitiva) dei posti ad odontoiatria per ogni singolo Ateneo. Sono 908 i posti


Dopo aver anticipato l'aumento del numero dei posti ad odontoiatria, rispetto a quanto definito dal decreto del 30 giugno scorso, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha pubblicato il decreto con la determinazione dei posti per ogni singolo ateneo. Gli incrementi maggiori sono stati assegnati agli atenei del Centro Sud mentre nel Nord Italia crescono solo i posti per il San Raffaele (+5), la statale di Milano, Padova e Pavia (+2).

Scaduto il termine per potersi iscrivere ai Test, ora agli aspiranti dentisti non resta che preparasi in attesa della prova che si terrà il 6 settembre.

Nella tabella i posti assegnati per ogni singolo Ateneo, nella colonna di destra la nuova distribuzione dei posti secondo il decreto: in grassetto gli atenei che hanno ottenuto in incremento rispetto al decreto del 30 giugno.

Ateneo

Numero posti disponibili

Posti cittadini non comunitari non soggiornanti

Totale posti dopo il decreto del 26 luglio

Bari

15 (2 posti in più rispetto al 2015)

1

17

Bologna

30 (1 posto in più)

3

30

Brescia

20 (4 posti in più)

0

20

Cagliari

20 (10 posti in più)

3

20

Catania

20 (5 posti in più)

2

20

Catanzaro

10 (come lo scorso anno)

2

10

Chieti

30 (come lo scorso anno)

5

38

Ferrara

20 (5 posti in più)

2

20

Firenze/Siena

45 (1 posto in meno)

2

50

Foggia

25 (3 posti in meno)

0

28

Genova

20 (come lo scorso anno)

5

20

L'Aquila

20 (come lo scorso anno)

10

25

Messina

15 (come lo scorso anno)

7

22

Milano

58 (come lo scorso anno)

2

60

Milano "Bicocca"

20 (4 posti in più)

13

20

Milano Cattolica "S.Cuore"

25 (come lo scorso anno)

0

25

Milano San Raffaele

35 (come lo scorso anno)

0

40

Modena e Reggio Emilia

18 (5 posti in più)

5

18

Napoli "Federico II"

30 (come lo scorso anno)

3

30

Napoli Seconda Università

25 (come lo scorso anno)

0

25

Padova

20 (5 posti in più)

2

23

Palermo

20 (5 posti in più)

1

22

Parma

20 (2 posti in più)

2

20

Pavia

16 (come lo scorso anno)

2

20

Perugia

10 (come lo scorso anno)

0

12

Pisa

15 (5 posti in più)

2

15

Politecnica delle Marche

20 (1 posti in meno)

0

20

Roma "La Sapienza" I Facoltà

60 (5 posti in meno)

3

65

Roma - "Tor Vergata"

40 (5 posti in più)

6

40

Salerno

15 (5 posti in più)

1

15

Sassari

10 (5 posti in meno)

3

15

Torino

42 (come lo scorso anno)

4

42

Trieste

25 (come lo scorso anno)

0

25

Varese Insubria

16 (come lo scorso anno)

1

16

Verona

20 (5 posti in più)

0

20

Articoli correlati

Ne parliamo con Alberto Fonzar che dice: ‘’Io sto dalla parte dei denti’’. Ecco i consigli su quali scelte proporre al paziente considerando sia gli aspetti clinici che economici


Confermate le anticipazioni: circa cento posti in più rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli atenei che salgono a 37  


Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


L’emergenza Covid ha costretto il MIUR di modificare le date ai Test di ammissione, ecco quelle per medicina, odontoiatria ed igiene dentale


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio