HOME - Cronaca
 
 
31 Gennaio 2012

Società tra professionisti e tracciabilità dei pagamenti: pollice verso dai dentisti

di Norberto Maccagno


I dentisti (65,10%) non hanno gradito la norma sulla possibilità di creare società tra professionisti (possibilità per ora solo sulla carta in attesa dei decreti attuativi previsti per giugno) con soci di capitale; anche se il 45,8% valuterebbe la possibilità di entrare in queste società. Questo uno dei risultati dei due sondaggi realizzati dal Servizio Studi Andi tra dicembre e gennaio, che hanno cercato di indagare come il dentista italiano si ponga di fronte alla crisi e ai nuovi scenari che potranno nascere, a fronte delle ultime riforme, liberalizzazioni su tutte.
Particolarmente contrari alle società tra professionisti gli odontoiatri di sesso maschile con età tra i 46-55 anni, mentre quelli (15,7%) d'accordo con la norma sono in prevalenza donne con una età sotto i 35 anni.

Tracciabilità
A fronte delle nuove norme sulla tracciabilità i dentisti italiani sono equamente divisi nell'indicare quale sia la soglia oltre la quale dovrebbe diventare obbligatorio l'uso del contante: 1000 euro per il 28,6%, 2000 euro per il 21%, 3000 euro per il 28,3%, oltre i 3000 per il 22,1%.

Liberalizzazioni
Se guardiamo i dati della ricerca sul gradimento da parte dei dentisti delle liberalizzazioni, sapendo che da anni i dentisti già operano in un settore di fatto liberalizzato, senza un tariffario di riferimento, dove non esiste nessuna limitazione all'esercizio professionale - cosa dimostrata dal basso rapporto tra il numero dei potenziali clienti e quello degli esercenti l'odontoiatria - ci accorgiamo che le risposte sono state condizionate più dagli obiettivi che il Governo si è posto con l'approvazione delle norme, piuttosto che dagli effetti che queste avranno sulla professione odontoiatrica.
Infatti, nonostante, di fatto, nessuna norma approvata incida sull'esercizio professionale dell'odontoiatra, il 51,5% dei dentisti italiani intervistati ritiene che le liberalizzazioni, quindi l'aumento della concorrenza, porterà un ulteriore abbassamento dei prezzi. Il 45,3% dei dentisti è convinto che l'eliminazione delle tariffe minime porterà un peggioramento dell'esercizio della professione in particolare per i giovani.
Il 51,5% degli intervistati ritenere, poi, che la maggior concorrenza incentivata dal decreto sulle liberalizzazioni comporterà un abbassamento delle tariffe, mentre il 33,8% è certo che non cambierà nulla.
Secondo il sondaggio il 68,87% dei dentisti è in disaccordo con le varie norme approvate in questi mesi in tema di liberalizzazione e riforma degli Ordini. A essere "molto in disaccordo" sono in prevalenza gli odontoiatri con una età tra i 46-55 anni, di sesso maschile con uno studio medio piccolo ubicato in una zona del Nord-Ovest d'Italia.

Articoli correlati

Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


L’allarme è per tutti i settori produttivi, dalle analisi del Centro Studi ANDI i dati odontoiatrici non sono rosei, ma le proiezioni sembrano più positive


Gli auguri al neo Ministro della Salute e gli auspici nei messaggi di congratulazione inviati da FNOMCeO, ENPAM, AIO, ANDI


“Il meccanismo delle detrazioni sanitarie - è più costoso, regressivo e diseguale territorialmente rispetto a quello degli oneri deducibili applicato alla Sanità Integrativa. Si tratta, inoltre,...


Da oltre mezzo secolo l’Acse, l’ambulatorio dei Padri Comboniani, di via del Buon Consiglio a Roma, rappresenta un punto di riferimento per tutte quelle persone costrette ai margini della vita...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi