HOME - Cronaca
 
 
31 Gennaio 2012

Società tra professionisti e tracciabilità dei pagamenti: pollice verso dai dentisti

di Norberto Maccagno


I dentisti (65,10%) non hanno gradito la norma sulla possibilità di creare società tra professionisti (possibilità per ora solo sulla carta in attesa dei decreti attuativi previsti per giugno) con soci di capitale; anche se il 45,8% valuterebbe la possibilità di entrare in queste società. Questo uno dei risultati dei due sondaggi realizzati dal Servizio Studi Andi tra dicembre e gennaio, che hanno cercato di indagare come il dentista italiano si ponga di fronte alla crisi e ai nuovi scenari che potranno nascere, a fronte delle ultime riforme, liberalizzazioni su tutte.
Particolarmente contrari alle società tra professionisti gli odontoiatri di sesso maschile con età tra i 46-55 anni, mentre quelli (15,7%) d'accordo con la norma sono in prevalenza donne con una età sotto i 35 anni.

Tracciabilità
A fronte delle nuove norme sulla tracciabilità i dentisti italiani sono equamente divisi nell'indicare quale sia la soglia oltre la quale dovrebbe diventare obbligatorio l'uso del contante: 1000 euro per il 28,6%, 2000 euro per il 21%, 3000 euro per il 28,3%, oltre i 3000 per il 22,1%.

Liberalizzazioni
Se guardiamo i dati della ricerca sul gradimento da parte dei dentisti delle liberalizzazioni, sapendo che da anni i dentisti già operano in un settore di fatto liberalizzato, senza un tariffario di riferimento, dove non esiste nessuna limitazione all'esercizio professionale - cosa dimostrata dal basso rapporto tra il numero dei potenziali clienti e quello degli esercenti l'odontoiatria - ci accorgiamo che le risposte sono state condizionate più dagli obiettivi che il Governo si è posto con l'approvazione delle norme, piuttosto che dagli effetti che queste avranno sulla professione odontoiatrica.
Infatti, nonostante, di fatto, nessuna norma approvata incida sull'esercizio professionale dell'odontoiatra, il 51,5% dei dentisti italiani intervistati ritiene che le liberalizzazioni, quindi l'aumento della concorrenza, porterà un ulteriore abbassamento dei prezzi. Il 45,3% dei dentisti è convinto che l'eliminazione delle tariffe minime porterà un peggioramento dell'esercizio della professione in particolare per i giovani.
Il 51,5% degli intervistati ritenere, poi, che la maggior concorrenza incentivata dal decreto sulle liberalizzazioni comporterà un abbassamento delle tariffe, mentre il 33,8% è certo che non cambierà nulla.
Secondo il sondaggio il 68,87% dei dentisti è in disaccordo con le varie norme approvate in questi mesi in tema di liberalizzazione e riforma degli Ordini. A essere "molto in disaccordo" sono in prevalenza gli odontoiatri con una età tra i 46-55 anni, di sesso maschile con uno studio medio piccolo ubicato in una zona del Nord-Ovest d'Italia.

Articoli correlati

ANDI ricorda la scadenza ed invita a regolarizzare per evitare controlli alla categoria. I casi in cui si deve pagare e quelli in cui non è obbligatorio


Il presidente Fiorile annuncia un lavoro comune tra Sindacati e CAO per fare apportare le modifiche a quanto stabilito nell’ultima Finanziaria


Un convegno organizzato dalla CAO Roma ha fatto il punto. Santaniello: serve attenzione anche su temi extra-clinici tra i quali quello previdenziale e di sostegno alla libera professione


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Rimborsi e sussidi da parte di ENPAM per medici e dentisti danneggiati. Anche AIO ed ANDI vicine ai dentisti colpiti


Altri Articoli

L’On Boldi presenta un emendamento al decreto mille proroghe che punta ad abolire la norma. Dalle carte emerge che l’obiettivo del Governo era risparmiare e non combattere il nero


Domani Convengo sul tema organizzato dall’OMCeO di Roma sul tema del nuovo Regolamento Regionale sulle Autorizzazioni Sanitarie


Scoperto a Como, oltre ad essere abusivo lo studio, anche chi effettuava le cure era privo di laurea e abilitazione 


Il tema è il “Successo a lungo termine in parodontologia ed implantologia”, lo presenta il dott. Daniele Cardaropoli


Nei giorni scorsi il Sole 24 Ore ha pubblicato un bilancio del primo anno di fatturazione elettronica, in realtà come spesso capita con la pubblica amministrazione i dati non sono proprio...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni