HOME - Cronaca
 
 
14 Settembre 2016

Partita la campagna d'iscrizione ai corsi organizzati dalla "scuola di formazione ANDI Lombardia per personale di studio odontoiatrico"


"Il progetto -spiega il presidente ANDI Lombardia Nicola Di Gennaro (nella foto)- nasce in collaborazione con Dental Equipe School di ANDI-Como-Lecco ed è finalizzato alla formazione del personale di studio dentistico già assunto, nonché di coloro che ricercano nel nostro settore una nuova occupazione e si sviluppa alla luce delle esigenze e conoscenze della moderna odontoiatria, in conformità alle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro".

La scelta della sinergia con l'Organismo formatore ANDI Como-Lecco accreditato presso "Regione Lombardia", continua il presidente De Gennaro, "nasce dal desiderio di non voler disperdere un patrimonio "andiano" lombardo di esperienza e competenza, oltreché potersi giovare del contributo di Fondoprofessioni, braccio formativo della bilateralità, di cui ANDI Como-Lecco è Ente attuatore".

Se fino a ieri la richiesta di formazione per il proprio Team arrivava direttamente dall'odontoiatria titolare dello studio, oggi sono gli stessi collaboratori a ricercare nuove competenze per essere più completivo sul mercato del lavoro.

Ma il progetto di ANDI Lombardia punta anche ad interessare chi per la prima volta si avvicina al settore vedendolo come una interessante opportunità occupazionale.

"Anche per questo -continua De Gennaro- noi di ANDI Lombardia ci sentiamo investiti da una grande responsabilità, confortati dalla consapevolezza che il marchio ANDI rappresenta una garanzia di organizzazione in tutto il comparto dentale".

Il percorso formativo spazia da quello prettamente professionalizzante per le ASO a quelli mirati per le figure amministrative fino a quelle che supportano peronale di segreteria e l'odontoiatra nella comunicazione nel marketing. I docenti saranno quelli scelti tra quelli che grafitano nel "mondo ANDI" per garantire una continuità di pensiero con le realtà dove i collaboratori andranno ad operare. Le sedi dei corsi saranno, per il momento Milano, Brescia, Como- Lecco.

L'accreditamento della scuola a Fondo Professioni permetterà ai soci di usufruire di ingenti risparmi economici per aggiornare il proprio personale già assunto, mentre per le nuove figure punteremo sui percorsi di apprendistato, estremamente vantaggiosi sotto il profilo contributivo. Le stagiste provenienti dalla scuola ANDI Lombardia si formeranno presso i nostri studi, che potranno così giovarsi di risorse aggiuntive a costi estremamente ridotti. Impegno e dovere di noi soci sarà fornire alle discenti impegnate nelle nostre realtà lavorative i migliori strumenti per trasferire elevati standard di efficienza ed organizzazione.

Le figure ASO formate ANDI Lombardia oltre alla qualifica professionale, otterranno l'attestato per svolgere la funzione di Responsabile Sicurezza dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08, quella di addetto antincendio e, grazie al contributo della Fondazione ANDI, di primo soccorso per la rianimazione cardiopolmonare (BLS-D.).

"Le nostre ASO -chiarisce il presidente- saranno quindi dotate di una qualifica completa, "a tutto tondo" che nell'attuale panorama di offerta formativa lombarda solo ANDI può proporre. Gli aggiornamenti previsti dalla legge ed i momenti culturali creati ad hoc, costituiranno un legante indissolubile fra i dentisti ed il "personale certificato ANDI Lombardia".

Programmi ed informazioni a questo link.

Articoli correlati

L’Esecutivo ANDI boicotta la manifestazione canora. Critici verso alcuni testi“incompatibili” con i principi valoriali ai quali ANDI e Fondazione Andi Onlus si ispirano 


ANDI ricorda la scadenza ed invita a regolarizzare per evitare controlli alla categoria. I casi in cui si deve pagare e quelli in cui non è obbligatorio


Il presidente Fiorile annuncia un lavoro comune tra Sindacati e CAO per fare apportare le modifiche a quanto stabilito nell’ultima Finanziaria


Un convegno organizzato dalla CAO Roma ha fatto il punto. Santaniello: serve attenzione anche su temi extra-clinici tra i quali quello previdenziale e di sostegno alla libera professione


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni