HOME - Cronaca
 
 
19 Settembre 2016

A Rio poche le medaglie d'oro in salute orale. L'ASD ha valutato quella degli atleti in gara


Con la cerimonia di chiusura delle Paraolimpiadi è calato il sipario sui Giochi di Rio 2016. Una edizione a detta di molti osservatori che ha riscontrato molti punti di forza, salute orale a parte visto che molti degli alteti che hanno preso parte ai giochi presentavano significativi problemi dentali.

A denunciarlo è il Richard Knowlton responsabile del'ASD (Academy for Sport Dentistry) che conta in USA 600 specialisti in traumatologia dentale dello sport.

Durante Giochi Olimpici di Rio il dott. Knowlton ha coordinato un Team di volontari ASD che hanno trattato più di 350 atleti.

I traumi più frequenti si sono verificati nel basket, baseball e soft-ball, sport dove non è obbligatorio l'utilizzo di un bite protettivo.

"Molti atleti trascurano la loro salute sopratutto quella orale. Alcuni ragazzi vengono da almeno 4 anni di allenamento di 50-70 ore alla settimana, conducendo una vita molto spartana", ha detto l'esperto.

I dati epidemiologici di Rio sono in linea con quelli di Londra 2012 dove il 55% degli atleti presentava più di una carie e la metà non eseguiva un controllo dentistico e una seduta di igiene da oltre un anno.

Molto diffuse le infezioni attive come ascessi e malattia parodontale.

Due le raccomandazioni che dott. Knowlton lancia ad atleti e ai coach dei team di tutte le nazioni:

1) quando in una disciplina si sale sul podio con uno scarto di un centesimo di secondo. gareggiare con la parodontite attiva o un ascesso dentale è come gareggiare con il raffreddore, l'organismo non può dare il 100% e la bocca in buona salute può fare la differenza.

2) Molti atleti utilizzano dei bite protettivi del tutto inefficaci. Sono infatti molto diffusi i bite del tipo scalda e mordi, una sorta di fai da te che spesso non è grado di proteggere dai traumi sportivi

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

La CAO di Roma indica come comportarsi. Pollifrone: la nuova norma sarà anche l’occasione per meglio censire i direttori sanitari operanti sul territorio


In uno studio di coorte longitudinale, pubblicato sul Journal of Periodontology , gli autori hanno studiato la prevalenza delle lesioni cervicali non cariose e la loro...

di Lara Figini


Approvata in via definitiva la Legge europea 2019-2020. Ecco come cambiano gli adempimenti per il direttore sanitario


In uno studio in parallelo randomizzato in doppio cieco, con rapporto di allocazione 1:1, pubblicato sul Journal of Endodontics, gli autori hanno confrontato clinicamente e radiograficamente gli...

di Lara Figini


Garrison presenta un sistema progettato specificamente per le sfide dei restauri anteriori


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi