HOME - Cronaca
 
 
29 Febbraio 2012

Pc, tablet e smart phone non devono pagare il canore Rai

di Francesca Giani


La Rai fa marcia indietro sulla richiesta di pagamento del canone speciale - quello cioè che si applica al di fuori dell’ambito familiare - che nei giorni scorsi era stata recapitata a professionisti e imprese, anche se in studio o in azienda non è presente nessun apparecchio Tv. Una decisione che è arrivata dopo la protesta di varie associazioni, a seguito dell’intervento del ministro per lo Sviluppo economico.
Punto di partenza dell’operazione della Rai era stata un’interpretazione del regio decreto del 1938, che aveva istituito la tassa, secondo cui sarebbe tenuto al pagamento del canone speciale chiunque sia in possesso di un apparecchio “adatto o adattabile alla ricezione di trasmissioni radiotelevisive”.
E siccome, complice il progresso tecnologico, si può vedere la Tv anche attraverso la rete, gioco forza sono finiti nel mirino della Rai tutti i dispositivi, dal Pc al tablet, che si connettono a Internet. Una situazione tutt’altro che banale visto che l’importo minimo del canone speciale parte da poco più di 200 euro per arrivare, in contesti aziendali complessi, a 6000 euro l’anno. La marcia indietro è stata resa possibile da una interpretazione della norma del 1938 da parte del ministero dello Sviluppo economico che esclude tali strumenti dal pagamento del canone. Tra le motivazioni, il fatto che il provvedimento avrebbe rischiato di mettere in discussione lo sviluppo tecnologico e digitale su cui il Governo, con il decreto Semplificazioni, sta puntando.

Confermato, comunque, l'obbligo per tutti gli apparecchi predisposti alla ricezione dei canali televisivi, per esempio i computer dotati di scheda tv o gli schermi piatti lcd, che possono essere appesi in sala d'attesa.

Articoli correlati

La comunicazione di una cattiva notizia è un momento difficile e stressante per tutti i professionisti sanitari inclusi gli odontoiatri. Ecco i consigli su...


Indagine SIdP conferma: i protocolli adottati anti Covid sono efficaci, meno dell’1% il tasso di contagio. L’odontoiatra informato si sente più sicuro sul luogo di lavoro


E’ la nostra identità digitale pubblica. Ecco come richiederlo e quali sono i provider che lo forniscono gratuitamente


Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


L’avvocato Montaldo: attenzione all’utilizzo che se ne fa. La fotografia è anche un dato personale e, nel caso in specifico, un dato sanitario


Altri Articoli

Con una lettera al Ministero vengono offerti ambulatori e personale per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e viene chiesto di autorizzare gli odontoiatri a somministrare le dosi


Un Agorà del Lunedì a puntate. In questa, il prof. Gagliani parla di come la Seconda Guerra Mondiale abbia cambiato l’endodonzia e della Scuola di Odontoiatri Generici 

di Massimo Gagliani


Precisazione della FNOMCeO. Ci si potrà iscrivere all’Albo dei medici in un Ordine provinciale e a quello degli odontoiatri in un'altra provincia


Il Presidente Draghi cambia il Commissario per l’emergenza Covid e si affida ad un esperto di logistica militare


Per stimare la diffusione in Italia delle tre varianti di coronavirus attivata un'indagine rapida coordinata dall'Istituto Superiore di Sanità


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP