HOME - Cronaca
 
 
29 Febbraio 2012

Pc, tablet e smart phone non devono pagare il canore Rai

di Francesca Giani


La Rai fa marcia indietro sulla richiesta di pagamento del canone speciale - quello cioè che si applica al di fuori dell’ambito familiare - che nei giorni scorsi era stata recapitata a professionisti e imprese, anche se in studio o in azienda non è presente nessun apparecchio Tv. Una decisione che è arrivata dopo la protesta di varie associazioni, a seguito dell’intervento del ministro per lo Sviluppo economico.
Punto di partenza dell’operazione della Rai era stata un’interpretazione del regio decreto del 1938, che aveva istituito la tassa, secondo cui sarebbe tenuto al pagamento del canone speciale chiunque sia in possesso di un apparecchio “adatto o adattabile alla ricezione di trasmissioni radiotelevisive”.
E siccome, complice il progresso tecnologico, si può vedere la Tv anche attraverso la rete, gioco forza sono finiti nel mirino della Rai tutti i dispositivi, dal Pc al tablet, che si connettono a Internet. Una situazione tutt’altro che banale visto che l’importo minimo del canone speciale parte da poco più di 200 euro per arrivare, in contesti aziendali complessi, a 6000 euro l’anno. La marcia indietro è stata resa possibile da una interpretazione della norma del 1938 da parte del ministero dello Sviluppo economico che esclude tali strumenti dal pagamento del canone. Tra le motivazioni, il fatto che il provvedimento avrebbe rischiato di mettere in discussione lo sviluppo tecnologico e digitale su cui il Governo, con il decreto Semplificazioni, sta puntando.

Confermato, comunque, l'obbligo per tutti gli apparecchi predisposti alla ricezione dei canali televisivi, per esempio i computer dotati di scheda tv o gli schermi piatti lcd, che possono essere appesi in sala d'attesa.

Articoli correlati

Attraverso il nuovo software OrisLab Q abbiamo simulato i nuovi adempimenti legati alla direttiva sui dispositivi medici in vigore dal 26 maggio


Accesso ritenuto legittimo anche in ragione della protezione della concorrenza. Per i Giudici l’Ordine è deputato a perseguire gli interessi dell'intera categoria, ma nel rispetto di imparzialità


Stella al Senato presenta proposta di revisione Irpef: parità di trattamento per tutti i redditi da lavoro, progressività graduale dell’imposizione e tagli alle imposte sulla classe media


La prima fase della Digital Patient Experience, ovvero: come farsi trovare più facilmente nel mare di opzioni che Internet ci propone  


Da sempre il DiDomenica è un "mio spazio" per commentare una notizia, un fatto successo nella settimana che si è appena conclusa.Un commento che cerca di fare vedere la questione da un altro punto...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Attraverso il nuovo software OrisLab Q abbiamo simulato i nuovi adempimenti legati alla direttiva sui dispositivi medici in vigore dal 26 maggio


Il Presidente CAO Cosenza ricorre contro la proclamazione degli eletti a revisore dei conti FNOMCeO. “Una questione di principio per tutelare i diritti degli odontoiatri”          


Il Ministero della Salute emana una circolare sentito il parere del CTS. Non inficia l’efficacia della risposta immunitaria ma consente di aumentare il numero di immunizzati


A causa della pandemia da Covid-19, i casi di depressione sono aumentati notevolmente, forti ripercussioni anche per la salute orale


Si è svolta a Milano, in presenza, oggi 7 maggio 2021, seguendo tutti i protocolli previsti per prevenire il contagio l’Assemblea del Collegio dei Docenti Universitari di Discipline...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri rilancia il Tavolo Tecnico: è il luogo per discutere e concordare le risposte alle problematiche