HOME - Cronaca
 
 
04 Novembre 2016

Non è vero che l'Ordine non sanziona i suoi iscritti. Il presidente CAO Ferrara, Cesare Bruciapaglia contesta le affermazioni ANTLO


Egregio Direttore,

consapevole della delicatezza del tema trattato e che le mie domande al sig. Maculan e al suo entourage possono risultare complesse, in attesa delle (ci si augura esaustive e comprovate) risposte, mi permetto di abusare ancora una volta della sua pazienza e di quella dei suoi lettori.

Un capo di accusa più volte scagliato dal sig. Maculan sulle CAO, derivava dal fatto che le stesse non avrebbero vigilato sui comportamenti dei loro iscritti e, cosa ancora più grave, si sarebbero mosse a tutela della corporazione dei dentisti.

Per tale motivo, si sarebbero rifiutati di diffondere i dati riguardanti i procedimenti disciplinari esercitati.

Fattone oggetto di pubblica richiesta e ricevuta negativa risposta, fu investito della questione il Ministero della Salute e direttamente il generale Condò, consigliere per l'odontoiatria del Ministro Beatrice Lorenzin (comunicati ANTLO), che si impegnò a farli richiedere dal Ministero stesso.

In una successiva Assemblea dei Presidenti CAO, il Dr. Renzo, nel corso di una delle sue consuete relazioni, effettivamente ci informò, in termini istituzionali, di aver ricevuto dal Direttore del Ministero una richiesta in tal senso, con allegato un esposto a firma del sig. Maculan.

La risposta, da sempre e mai modificata, del presidente Renzo fu la seguente: "i dati richiesti non sono in nostro possesso ma del Ministero Salute che, se lo ritiene, potrà renderli pubblici".

Oltremodo corretta tale risposta e corroborata da fatti e non da dietrologie ed illazioni, tantè che dal Ministero, in corso di adunanza pubblica (numerosi gli articoli susseguenti predisposti dai giornali di settore), i dati (anche corposi) vennero diffusi.

Il sig. Maculan (ANTLO) & C non si interessano più della questione, ma non si può, dopo tanto clamore, fare come se nulla fosse successo, perchè sorgono spontanee delle domande, che spero vengano girate ad ANTLO: quanti iscritti al suo sindacato hanno denunciato il professionista che avrebbe esercitato pressioni al fine di fargli esercitare abusivamente la professione odontoiatrica? Sono mai state effettuate, da parte dell'ANTLO, segnalazioni - e quante - agli Ordini dei Medici e Odontoiatri provinciali ? E, nel caso, quante di queste sono state "disattese" o ignorate dalle CAO?

Credo, supponendo la buona fede, che le risposte siano dovute e saranno fornite.

Anche, per fugare un sospetto ormai sempre più ampiamente condiviso: che le accuse speciose indirizzate al nostro Presidente, rientrano nel novero degli attacchi personali, allo scopo di togliere di mezzo chi, in modo particolare, si è da sempre distinto nel contrasto al prestanomismo e all'esercizio abusivo della professione odontoiatrica.

Concludo fornendo dei dati sui procedimenti disciplinari effettuati nei confronti di professionisti iscritti agli Albi: dal 2011 al 2015, si sono svolti 484 procedimenti disciplinari da parte delle CAO (comprese anche altre violazioni del Codice Deontologico) e ciò rappresenta, percentualmente, l'attività disciplinare più elevata tra tutte le professioni sanitarie. Di questi, ben 203 hanno visto confermata dalla CCEPS la sanzione comminata dalle CAO riguardante il prestanomismo. Ma non va dimenticato che questi costituiscono il secondo grado di giudizio, mentre diversi altri provvedimenti, non venendo impugnati, diventano effettivi sin dal primo grado.

Dott. Cesare Brugiapaglia Presidente CAO Ferrara

Articoli correlati

La notizia della sentenza della Cassazione che ha "sospeso" l'espulsione di un iscritto all'Albo degli odontoiatri in attesa che possa occuparsene la CCEPS (vedi Odontoiatria33), ha confermato il...


Ritengo singolare rivolgersi ad un Direttore di una testata per porre domande a un terzo, ma non mi sottraggo a rispondere ai quesiti posti dal dottor Bruguapaglia sui provvedimenti disciplinari...


In merito alla recentissima sentenza della Corte Costituzionale che ha giudicato incostituzionali alcuni commi dell'art. 17 del DLGSCPS 13/09/1946 n° 233 per quanto concerne la nomina dei componenti...


Sono soprattutto i medici e gli odontoiatri a fare ricorso alla CCEPS, la Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie, a seguito di irrogazione delle sanzioni da parte delle...


1.200 procedimenti disciplinari in 4 anni di cui 484 a carico di iscritti all'Albo degli odontoiatri. Dati parziali calcolati sul 50% degli Ordini, quelli che hanno fornito i resoconti alla FNOMCeO,...


Altri Articoli

Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


L’obbligo violerebbe la privacy dei pazienti che hanno già effettuato i pagamenti. Uno studio di consulenza fiscale evidenza la criticità e presenta un reclamo


Per il dott. Mele si deve puntare ad un sistema di aggiornamento comune per tutte le libere professioni basato sugli Ordini e con sanzioni certe


A circa 4 mesi della prima scadenza imposta dal DCPM, facciamo il punto sul riconoscimento dell’attività pregressa. Intanto nasce il caso “infermieri” che operano come ASO nelle ASL


O33Cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


11 Dicembre 2019
Cercasi odontoiatra con esperienza a Brandizzo (To)

Il Centro Chirurgico, con esperienza di oltre 30 anni nel settore (vedi sito www.centrochirurgicosrl.it), cerca odontoiatra per collaborazione in conservativa, endodonzia e chirurgia estrattiva. E' richiesta la disponibilita' di due giornate a settimana. Inviare C.V.

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi