HOME - Cronaca
 
 
08 Novembre 2016

Caro On. Bersani ti scrivo. Lettera aperta del presidente CAO di Isernia al "padre" del famoso decreto sulle liberalizzazioni


Carissimo On. Bersani,

mi perdonerà il tono confidenziale ma forse Ella non sa di essere nel cuore e nella mente di oltre 60.00 (dico sessantamila...) Dentisti italiani. Ogni giorno.

La ragione di tanto interesse? Ma ovvio, il cosiddetto Decreto Bersani!!!

Il liberalismo, come ad Ella è ben noto, è pratica dura e difficile quando viene applicata nella politica quotidiana: richiede un esercizio continuo di rispetto delle leggi, del Cittadino quale elemento fondante dello Stato di Diritto, delle Istituzioni quali garanti delle libertà individuali e collettive.

Prima dell'entrata in vigore del Decreto Legge che porta il Suo nome, il mondo della Medicina era una monade chiusa nella quale si aggiravano, come zombi..., Dentisti tristi che coltivavano l'individualismo come naturale corollario della riservatezza assoluta.

Oggi, invece, grazie all'applicazione della Direttiva Europea e del Decreto da Ella firmato, è tutto un rifiorire!

Sembra di essere al mercato, l'Italia odontoiatrica e medica è diventata, nel giro di due decenni, un grande mercato in cui sguazzano prodotti di ogni genere. Si, perché la Medicina è considerata dalla UE una attività produttiva, e dunque vai col prendi 2 e paghi 3!

Via
con il Tabaccaio che ti offre lo sconto sulle cure dentarie (vecchia storia, se non dici sulla base di quale prezzo tutti possono dire di aver applicato lo sconto del 300%..). La cosiddetta pulizia dei denti è offerta gratis in quasi tutte le catene low-cost, che accedono al tuo conto corrente senza problemi dal momento e che a guardar bene sembra il sistematico uso dello "specchietto per le allodole".

Che la prima cosa che ti chiedono, alla prima visita, non è quante volte al giorno lavi i denti o se hai dolore da qualche parte, ma il numero di conto corrente e su quale banca hai la carta di credito... Come sono felici questi Cittadini italiani! Se vogliono protestare non possono andare all'Ordine dei medici (resi impotenti e sotto la minaccia di sanzioni dall'Antitrust , se intervengono sui messaggi pubblicitari). Nella maggior parte dei casi non sanno chi li ha curati ma conoscono solo il nome della catena low-cost. Che fattura a nome della catena di servizi applicando l'esenzione di IVA come fosse un medico Dentista, per la gioia dello Stato che perde milioni di euro... tanto non sa che farsene, a noi italiani i soldi escono dalle orecchie!!

Noi crediamo che i Parlamentari Italiani svolgano un ruolo straordinariamente importante: la produzione di Leggi, nel corso di una legislatura, è uno degli elementi qualificanti della attività parlamentare. Peccato che a nessuno poi venga in mente di andare a controllare i benefici prodotti dalla applicazione delle leggi emanate. A Lei, per esempio, è mai venuto in mente di controllare i benefici derivanti dal Suo Decreto Legge?

Gli inglesi lo chiamano survey.

La riduzione dei costi per i Cittadini ( mi ostino a scriverlo con la maiuscola ) è pura utopia: è appena andata via dal mio studio una anziana signora con chiarissime manifestazioni psichiatriche a cui una catena low cost ha applicato 4, dico quattro elementi in oro-ceramica per la modica cifra di 4000 Euro!!!

Grazie ex Signor Ministro Bersani!! A nessuno di noi vituperati dentisti di vecchia generazione sarebbe mai occorso di mettere i denti ad una paziente psichiatrica senza esser certi del consenso di familiari sani di mente! Qui da noi questo comportamento si chiama furto con destrezza!!

Ma non desidero tediarla oltre: Ella è un uomo colto, spiritoso e intelligente. Lo si capisce da come ride quando Crozza ridicolizza i Suoi intercalare e i fantastici esempi che adotta.

Avrei potuto anche io cimentarmi in qualche esempio divertente, non siam mica qui a rigirare il ragout della mamma...

Mi limito, pertanto, ad una esortazione di cuore: Venghi Onorè, venghi!!! Venghi a vedè

Che ha fatto!!!

Con stima sincera e profonda simpatia umana e politica

Dr. Giorgio Berchicci: Presidente CAO -Ordine dei Medici Isernia

Articoli correlati

Domani la CAO decide sull'istituzione di un Gruppo di lavoro per definire delle linee guida comportamentali da adottare alla riapertura degli studi, per proteggere operatori e pazienti


Una Circolare inviata ai presidenti di Ordine e CAO ribadisce che l’attività odontoiatrica deve limitarsi alle urgenze indifferibili


Lo chiede Emilio Nuzzolese con il fine di studiare le più idonee misure anti-contagio e i DPI da impiegare nello studio odontoiatrico


Per il presidente CAO Campobasso “non tutto sarà come prima” a cominciare dal come verrà considerata la sicurezza nello studio da paziente ed operatore. L’invito è di lavorare su questo...


Il presidente Iandolo si dice stupito per le affermazioni del presidente SIdP alla trasmissione Medinca33 e ribadisce: “solo cure indifferibili”


Altri Articoli

Modalità e regole per richiederlo sono differenti per dentisti, igienisti ed odontotecnici. Per odontoiatri più restrittive e concessi ai primi che presentano le domande


Fiorile: ‘’è un momento difficile per tutti, ma dobbiamo considerare le pendenze economiche aperte nei confronti dei nostri fornitori’’ 


Domani la CAO decide sull'istituzione di un Gruppo di lavoro per definire delle linee guida comportamentali da adottare alla riapertura degli studi, per proteggere operatori e pazienti


L’appello del presidente SUSO che ipotizza, anche, ripercussioni sulla responsabilità dell’odontoiatra quando gli studi torneranno a operare senza limitazioni


Apprezzamenti per il primo webinar sull’implantologia tenuto dal prof. Marco Esposito. Da domani si replica con quello del dott. Gorni sui ritrattamenti endodontici


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP