HOME - Cronaca
 
 
06 Dicembre 2016

Convegno CAO Roma. Presentati i dati su ''Violenza di genere e formazione degli operatori sanitari''


Grande partecipazione al Corso di Aggiornamento "Il dolore in medicina di genere - Quadri clinici e aspetti farmacologici - Multidisciplinare", organizzato dalla CAO Roma all'Ordine Provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri che si è svolto il 2 dicembre scorso.

Durante la giornata dedicata al tema del dolore, analizzato nei vari quadri clinici delle diverse specialità medico-odontoiatriche, si è svolta anche una Tavola Rotonda in cui sono stati illustrati e discussi i risultati del questionario "Violenza di genere e formazione degli operatori sanitari" redatto dalla omonima Commissione di lavoro della CAO Roma e somministrato a tutti gli iscritti all'Ordine dei Medici e Odontoiatri di Roma per valutare il grado di conoscenza di questo fenomeno, la sua incidenza e il livello di formazione degli operatori sanitari sul nostro territorio.

Dal questionario è emerso che l'85% dei medici vuole essere formato per affrontare in modo adeguato il fenomeno della violenza di genere. La quota di professionisti intervistata è composta dall' 83,5% di medici e dal 10,11% di odontoiatri (nel 6,3% dei casi si tratta di doppi iscritti). Il campione risulta costituito dal 51% di donne e in una fascia d'età compresa dai 51 ai 65 anni. Nello specifico, il 17% dei professionisti ha dichiarato di aver rilevato e segnalato casi di violenza in particolare su soggetti oltre i 45 anni (nel 40% dei casi) e sotto i 20 anni (28%). Tra questi, emerge che il soggetto ha riferito spontaneamente l'episodio di violenza nel 71% degli episodi, mentre sono state necessarie domande e approfondimenti nel 29% delle segnalazioni. Infine, dai racconti emerge che la violenza è stata esercitata dal partner nel 34% dei casi, nel 36% da un familiare e nel 30% da uno sconosciuto.

"Gli operatori sanitari hanno voglia di fare formazione e saperne di più su questo fenomeno - ha spiegato il presidente di ANDI Roma Sabrina Santaniello (nella foto), consigliere dell'Omceo di Roma e componente della CAO Roma - e proprio per questo volevamo capire se i nostri iscritti attualmente sono formati per poter riconoscere i segnali di una violenza, ma anche se sanno come comportarsi e come eventualmente prevenire gli esiti più importanti di un abuso. Questo perché siamo convinti che l'unione tra la parte medica e la parte odontoiatrica possa generare dei risultati nell'individuazione di traumi dento-facciali come segnale di violenza. L'obiettivo, inoltre, era capire se oltre alle strutture pubbliche c'è preparazione anche da parte di privati e liberi professionisti".

Durante l'incontro è stata annunciata anche un'altra iniziativa dal risvolto sociale: ANDI Roma ha presentato un protocollo alla Prefettura di Roma sul tema "Odontoiatri 'sentinelle' contro la violenza di genere". Una proposta di collaborazione che vede impegnata la sezione provinciale di Roma dell'Associazione nazionale dentisti italiani per formare una rete territoriale di operatori sanitari che non escluda i liberi professionisti nella lotta al riconoscimento di segnali di violenza o abusi e che sappia indirizzarli verso le strutture pubbliche assistenziali di competenza.

"Anche noi possiamo intercettare casi di violenza riscontrando piccole lesioni della bocca e dei denti rispetto ai traumi più estesi e importanti che invece possono presentarsi al pronto soccorso - ha spiegato la Santaniello - vogliamo metterci quindi a disposizione delle istituzioni, per interagire con loro e con le strutture di pubblico servizio perché durante la nostra attività ambulatoriale libero - professionale si percepiscono, grazie al 'rapporto fiduciario medico-paziente', segnali premonitori che spesso, per non reazione o denuncia, sfociano nel tempo in atti di violenza più gravi. Da qui la proposta alla Prefettura romana di stipulare un protocollo che potrebbe rappresentare uno strumento di formazione, informazione e contrasto utile non solo per le forze di polizia di competenza territoriale, ma anche per la riqualificazione del ruolo medico dell'odontoiatria verso la cittadinanza".

A cura di: Ufficio Stampa ANDi Roma 

Sotto i dati presentati

Articoli correlati

ANDI ricorda la scadenza ed invita a regolarizzare per evitare controlli alla categoria. I casi in cui si deve pagare e quelli in cui non è obbligatorio


Il presidente Fiorile annuncia un lavoro comune tra Sindacati e CAO per fare apportare le modifiche a quanto stabilito nell’ultima Finanziaria


Un convegno organizzato dalla CAO Roma ha fatto il punto. Santaniello: serve attenzione anche su temi extra-clinici tra i quali quello previdenziale e di sostegno alla libera professione


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Rimborsi e sussidi da parte di ENPAM per medici e dentisti danneggiati. Anche AIO ed ANDI vicine ai dentisti colpiti


Altri Articoli

Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Circolare FNOMCeO su novità dalla finanziaria. La Federazione mettere in guardia medici e dentisti sui rischi di non avere in studio il Pos


L’imprenditrice Canegrati condannata a 12 anni, pene minori per gli altri imputati. Il sen. Rizzi e l’odontoiatra Longo avevano già patteggiato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni