HOME - Cronaca
 
 
06 Dicembre 2016

Le conseguenze delle dimissioni di Renzi sul settore. Probabile, ennesima, fumata nera su abusivismo e Albo degli igienisti


Foto forntia dal sito del GovernoFoto forntia dal sito del Governo

La vittoria del No al referendum costituzionale e le dimissioni del premier Matteo Renzi (nella foto il momento dell'annuncio dele dimissioni), con conseguente crisi di Governo, potrebbero portare alla non approvazione di alcuni disegni di legge attesi da tempo e per cui il settore si era speso, provvedimenti ad un passo dal traguardo. Il rischio è che la situazione politica porti a elezioni anticipate ed al termine prematuro della legislatura con l'azzeramento dei provvedimenti ancora non approvati. Ma le cose potrebbero non cambiare anche in caso di un Governo Tecnico, i maligni sostengono che le elezioni potrebbero non arrivare prima di ottobre 2017 quando i due terzi degli attuali parlamentari raggiungerà la possibilità ricevere il vitalizio una volta compiuti 65 anni.

Tra i progetti di legge a rischio il Ddl Marinello, che inasprisce le pene per abusivi e prestanome, che rischia di fare la stessa fine di quello proposto agli inizi degli anni 2000 dall'On. Alessandro Ce', anche lui dentista e parlamentare, che vide approvare la sua legge contro abusivi e prestanome da un solo ramo del parlamento prima della fine della legislatura. Ed anche quello Marinello sembra avviato verso la stessa conclusione considerando, pure, che dall'aprile 2014, quando fu approvato dal Senato, il provvedimento sembra giacere su di un binario morto visto che il testo licenziato dopo due anni dalla Commissione Giustizia aspetta da qualche mese di essere discusso in Aula. Ma anche se venisse approvato, dovrà ritornare al Senato per la sua approvazione perchè il testo uscito dalla Commissione è diverso da quello approvato a Palazzo Madama.

L'approvazione del Ddl Lorenzin anche alla Camera avrebbe portato modifiche per l'attuale assetto dell'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri dando più autonomia all'Albo degli odontoiatri, invece fino ad ora ha ottenuto il solo si del Senato. Nel provvedimento sono contenute anche le norme contro l'esercizio abusivo di una professione sanitaria e quella che istituisce l'Albo degli Igienisti dentali. Tra le proposte di legge a rischio approvazione questa è, forse, la più concreta visto che anche in caso di Governo Tecnico, con molta probabilità il titolare della poltrona di Ministro della Salute cambierà e difficilmente il nuovo inquilino di Lungotevere Ripa 1 si spenderà per un Ddl non suo e che con le modifiche apportate, non ultime la volontà di istituire nuove professioni sanitarie tra cui quella dell'odontotecnico, ha creato più di un malumore.

Altro provvedimento a rischio, di cui si erano già perse le tracce già prima della crisi di governo, è il Ddl Concorrenza. Provvedimento che ha inasprito lo scontro tra Catene e sindacati dei dentisti liberi professionisti e che se approvato avrebbe normato in modo più restrittivo l'attività di direttore sanitario delle strutture odontoiatriche.

Tra quelli molto attesi, più dalla classe medica che odontoiatrica, quello sulla responsabilità medica. Il cosiddetto Ddl Gelli era approdato in Senato per l'ultima lettura e l'approvazione alla Camera era considerata una formalità. Se si va subito alle urne riparte da zero, portandosi via la revisione della colpa grave, quella dell'inversione dell'onere della prova a carico dell'attore nei processi per responsabilità civile, gli accertamenti obbligatori pre-contenzioso, i fondi creati per assicurare i medici giovani o a maggior rischio errore, i tetti ai risarcimenti.

Altro provvedimento a rischio per la sanità quello sui Lea anche se, visti gli ennesimi tagli per l'assistenza odontoiatrica, è forse un bene.

Sarà invece legge il Ddl Stabilità con le norme sul maxi ammortamento, la nuova Iri, le norme per il pensionamento anticipato e le altre norme che toccano il settore come attività produttiva. Il testo dovrebbe essere approvato già nella giornata di domani.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Dopo il calo registrato nel 2015 e 2016 tornano ad aumentare le partite iva degli studi odontoiatrici, anche come singoli professionisti. Il dato arriva dall’Agenzia delle Entrate che ha...


Nel 2007 erano 15.165, dieci anni dopo i laboratori censiti dallo studio di settore (anno 2017 dichiarazione 2018) sono 11.933, dati dell’Agenzia delle Entrate che confermano le difficoltà...


La questione delle possibili sovrapposizioni di mansioni del Collaboratore di Settore Odontoiatrico con quelle della figura dell’Assistente Studio Odontoiatrico, finisce sul tavolo del Ministro...


Dopo l’annuncio da parte di ANDI della possibilità di assumere nello studio odontoiatrico una nuova figura professionale, quella del Collaboratore Studio Odontoiatrico ne è nato un dibattito che...


Con una nota inviata alla stampa, il presidente AIO Fausto Fiorile (alla foto), risponde alla lettera pubblicata da Odontoiatria33 a firma del prof. Carlo Guastamacchia sul tema della figura del...


Altri Articoli

L’app DoctOral permetterà ai medici e odontoiatri di avere un percorso guidato nel riconoscimento delle lesioni del cavo orale e nel trattamento odontoiatrico


Il dott. Caprara avanza alcune ipotesi e suggerimenti su come gestire l’attuale momento, i costi e la ripartenza, a seconda di quanto avverrà


ENPAM: dopo le prime verifiche, nei prossimi giorni già i primi pagamenti; ma attenzione alle false autocertificazioni. Consigli anche per l’indennizzo ENPAM dei 1000 euro


Se le avete provate già tutte e non sapete più cosa fare, i consigli raccolti da esperti sul tema del gestire i timori e l’inattività. Il più efficacie è però quello di pensare ad organizzare...

di Davis Cussotto


L’Associaizone dei dentisti USA adotta il modello italiano ma indica quali sono le prestazioni odontoiatriche da considerare come “emergenza”

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP