HOME - Cronaca
 
 
16 Gennaio 2017

Contestata evasione per il titolare di una clinica nel padovana, 5,6 milioni di euro i profitti non dichiarati contestati


Finisce nei guai il titolare, un imprenditore/dentista iscritto all'Albo, di una Clinica odontoiatria con sede a Cittadella Alta Padovana, a Bassano del Grappa ed a Milano, "tradito" da una impiegata che licenziata ha deciso di spifferare alla Guardia di Finanza i segreti nascosti dietro una finta libreria.

L'inchiesta, informa la stampa (non solo locale), nasce dopo l'invio anonimo alla Guardia di Finanza di un cd con una registrazione in cui il titolare ammette di utilizzare soldi in nero per pagare anche i dipendenti. Partono le indagini e le perquisizioni nelle varie sedi della Clinica ma è solo grazie alla soffiata dell'ex dipendente che scoprono, nella sede principale della Clinica, una vera e propria stanza segreta, nascosta dietro ad una libreria, nella quale il titolare teneva la contabilità segreta raccolta in documenti e su un pc. Facile a questo punto per i finanzieri risalire al reale giro d'affari della clinica.

Stando a quanto pubblicato dalla stampa tra il 2010 e il 2014 la contabilità ufficiale indica un imponibile di 16.877.670 euro e un'Irpef di 519.992 euro mentre quella del "nero", sempre tra il 2010 e il 2014, indica profitti non dichiarati per 5.644.698,37 euro e un'Irpef evasa pari a 2.441.219,08 euro.

Sempre stando a quanto pubblicato, la Guardia di Finanza avrebbe sequestrato preventivamente al titolare della Clinica beni per quasi due milioni e mezzo di euro tra cui venti tra garage e appartamenti situati quasi tutti a Cittadella, tre terreni e 80 mila euro tra contanti e titoli.

Articoli correlati

La scoperta della Guardia di Finanza. Nonostante lo studio avesse cessato attività, le cure continuavano a farle due diplomati odontotecnici


Denunciati l’igienista dentale non iscritta all’Albo, l’odontotecnico ed il direttore sanitario. Abusivismo, truffa e lesioni i reati contestati


Avrebbe esercitato abusivamente la professione in quanto la laurea non era stata riconosciuta. A processo andrà anche il direttore sanitario


Stamegna: “controllate chi organizza i viaggi, attiviamo una collaborazione per intraprendere strategie comuni con l’obiettivo della tutela dei cittadini”


Ad Alessandria denunciato igienista dentale e dentista per esercizio abusivo della professione e reati ambientali. Ad Ancona è un odontotecnico a finire nei guai mentre a Napoli sono due i finti...


Altri Articoli

Un modello riproducibile e sostenibile di umanizzazione dell’assistenza odontostomatologica che parte da una corretta formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra....


A metà febbraio le scadenze: quella sui radiografici che interessa i soli studi odontoiatrici e quella per l’autoliquidazione INAIL che riguarda anche laboratori ed aziende del settore. Per i...


In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni