HOME - Cronaca
 
 
06 Febbraio 2017

Via la pubblicità selvaggia in sanità. Una petizione chiede al Presidente della Repubblica ed al Ministro della Salute di cancellare la Bersani


"La pubblicità sanitaria deve essere corretta e onesta, la salute non è un bene che si vende. La gente non deve essere illusa da messaggi accattivanti ma falsi. L'Ordine dei Medici garantisce la correttezza. Deve poterlo fare non solo sui messaggi degli iscritti ma anche su quelli lanciati da persone giuridiche che mettono in bilancio la sanzione che arriva solo dopo che il messaggio ha sortito l 'effetto pubblicitario voluto".

E' questo il testo della petizione, diretta al Presidente della Repubblica e al Ministro della Salute, e lanciata sulla piattaforma Change.org, da Gilberto Triestino, vice presidente ANDI Roma e presidente di una Commisione Formazione della CAO Roma, che in poche ore ha già superato le mille adesioni.

Petizione che raccoglie in queste ore anche il sostegno della CAO Nazionale.

"Firmare questa petizione è un fatto etico - commenta in una nota il presidente nazionale della Commissione Albo Odontoiatri, Giuseppe Renzo -. Dobbiamo, tutti insieme, mobilitarci per difendere la Salute delle persone e la Professione. Forza, facciamo questa battaglia di valore sociale!".

"Personalmente - continua Renzo - ho inoltrato a tutti i miei contatti, ai colleghi, ai presidenti d'Ordine e ai presidenti CAO, ai medici, ai Deputati, ai Senatori, ai ministeriali, ai giornalisti, ai pazienti, ai parenti, agli amici". Ma non solo, il presidente Renzo che l'ancia un appello ai dentisti italiani: "chiedete ai vostri contatti di fare altrettanto. Che sia un cambiamento che nasce dal basso: costringiamo la politica e l'antitrust a mettere finalmente un freno ai profittatori e a chi vuole lucrare sulla salute e sulla malattia".

La petizione può essere sottoscritta a questo link.

Articoli correlati

Alcune precisazioni su quella di CAO C’è presidente CAO di Ravenna


Il dott. Triestino dice la sua e spiega le differenze


E' oramai indicata da tutti come la "petizione Triestino", prendendo il nome dal suo promotore, la raccolta firme che da alcuni mesi è stata attivata online per chiedere l'abolizione della...


La decisione dell'Ordine di Milano di denunciare all'AGCM la pubblicità dell'impianto ad un euro proposta da un centro odontoiatrico milanese, ha riaperto, come se si fosse mai chiusa, la...


"Il prossimo obiettivo è il raggiungimento di 10.000 condivisioni entro sabato! Un grande successo (in tre settimane 10.000 sottoscrizioni) che ha in Triestino Gilberto il vero artefice....


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni