HOME - Cronaca
 
 
13 Febbraio 2017

Pubblicità sanitaria e revisione della Bersani. Fiorile (AIO) invoca "uno sforzo condiviso di tutte le rappresentanze''


"Circa 40 anni fa con la riforma sanitaria fu definito un patto non scritto tra lo Stato, che rinunciò ad offrire un'assistenza significativa in ambito odontoiatrico, e la Professione che da allora si è fatta carico di questo impegno. Ora il patto è in pericolo. Se si vuole che la nostra Professione continui a garantire cure di qualità urge un provvedimento legislativo a modifica della Legge Bersani". Fausto Fiorile (nella foto) presidente AIO interviene nel dibattito scatenato in questi giorni da pubblicità aggressive di società erogatrici di prestazioni odontoiatriche che ora vantano di avere raggiunto accordi con i Comuni per impianti sottocosto, ora invitano i cittadini con spregiudicati sms. Il mondo odontoiatrico è spiazzato, evidenza AIO ricordando anche la petizione al Presidente della Repubblica ed al Ministro della Salute. "Ma il nodo da risolvere -sottolinea Fiorile- si chiama Legge Bersani".

"Le liberalizzazioni del 2006 -continua Fiorile in una nota- rappresentano un intervento in discontinuità con i valori istitutivi del Servizio Sanitario Nazionale, e AIO in questi anni lo ha sottolineato più volte. Rispetto a quel patto del 1978 - ribadisce Fiorile -lo Stato s'è via via disimpegnato nell'assistenza odontoiatrica, e ha preteso dal dentista crescenti impegni indispensabili per continuare a esercitare (sicurezza nei luoghi di lavoro, radioesposizione, privacy, ECM, medico competente, sistema tessera sanitaria, redditometro, spesometro): adempimenti che la Professione ha recepito pur di garantire qualità ai pazienti. Con la legge Bersani però, lo stesso Stato che per noi dentisti avalla un incremento dei costi di gestione per far fronte agli adempimenti, si rende complice di una cultura del "sottocosto", indifferente rispetto ad offerte di società commerciali che disorientano il paziente e quasi mai lo mettono in grado di scegliere consapevolmente il meglio per la propria salute orale".

Per evitare che la tutela della salute rappresentata dalla professione odontoiatrica ceda il passo a logiche puramente commerciali, conclude Fiorile, "serve uno sforzo condiviso tra tutte le rappresentanze: scientifiche, accademiche con naturalmente AIO, ANDI e CAO in prima linea. Le petizioni popolari promosse dai singoli, verso cui AIO offre il suo convinto appoggio, vanno bene ma non bastano. Dobbiamo offrire argomenti al Legislatore per convincerlo a lavorare con noi su temi fondamentali quali correttezza delle informazioni sanitarie e qualità delle cure odontoiatriche. E' tempo di frenare l'ingresso aggressivo del capitale nella professione promuovendo in alternativa le Società tra Professionisti-Stp per garantire che le prestazioni siano collegate ad un professionista con nome e cognome con un costo che non può essere al di sotto di ciò che è garanzia di qualità. Ed è tempo di prevedere sacrosanti incentivi fiscali fino alla detraibilità completa dalle imposte per le famiglie che sostengono per intero i costi delle prestazioni".

Articoli correlati

Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra che si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Fiorile, una norma che crea disagi ad anziani e famiglie e va nella direzione opposta chiesta da AIO


Per la presidente siciliana è il quarto mandato consecutivo. “Lavoreremo all’insega della continuità consolidando la nostra identità volta a promuovere l’aggiornamento su tutto il territorio...


Il presidente Fiorile annuncia un lavoro comune tra Sindacati e CAO per fare apportare le modifiche a quanto stabilito nell’ultima Finanziaria


Da sx a dx: Vincenzo Macrì, vicepresidente; Danilo Savini, segretario sindacale; Fausto Fiorile, presidente; Vincenzo Musella, segretario culturale; Sebastiano Rosa, tesoriere

Rinnovato il gruppo dirigente, la nuova squadra nel segno della continuità, rimarrà in carica fino al 2022. 


Altri Articoli

Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra che si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni