HOME - Cronaca
 
 
09 Marzo 2017

Dalla Camera via libera alla detrazione dei costi per l'aggiornamento. Ora si attende i si definitivo del Senato


Il Job Act dei lavoratori autonomi, il disegno di legge Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato, è stato approvato oggi giovedì 9 marzo dall'Aula della Camera dei deputati con 256 voti a favore, 10 contrari e 102 astenuti. Ora il provvedimento ritorna al Senato per l'approvazione definitiva in terza lettura.

Per dentisti ed igienisti dentali la novità più importante contenuta nel Ddl è la possibilità di deducibilità del 100%, fino ad un tetto massimo di 10mila euro (oggi è possibile farlo nella misura del 50%), delle spese sostenute per l'aggiornamento professionale. Per quanto riguarda le spese di viaggio e soggiorno queste rimangono deducibili come spese generali.

Sarà anche possibile portare in deduzione del 100% delle eventuali polizze stipulate per il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro autonomo

Novità anche in tema di tutela della maternità e infortunio o malattia per i collaboratori autonomi, per esempio l'igienista dentale che collabora con lo studio odontoiatrico o il consulente odontoiatra.

Articoli correlati

E' approdato oggi alla Camera il DDl sul lavoro autonomo dopo essere stato licenziato dalle Commissioni competenti. Per il settore odontoiatrico il testo interessa prevalentemente nella parte che...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni