HOME - Cronaca
 
 
05 Aprile 2017

Chiude centro Dooc in Veneto e scoppia la polemica, ma capita 10 mesi fa. Scontro tra proprietà e La Nuova Venezia


"Centro dentistico abbandonato, pazienti con interventi da finire". E' questo il titolo dell'articolo pubblicato da La Nuova Venezia domenica 2 aprile in cui si riferisce della chiusura di un Centro Dooc di San Donà, nel Veneto, che avrebbe lasciato i pazienti senza cure.

"Da qualche giorno lo studio in questione risulta chiuso e si vede solo un cartello che indica un numero verde cui rivolgersi per eventuali informazioni", si legge nell'articolo . "Peccato però -continua l'articolo- che al numero indicato risponda una segreteria telefonica che invita a lasciare un messaggio".

Articolo che porta le testimonianze di alcuni pazienti che lamentano di essere stati lasciati senza cure e che riferiscono di aver chiamato senza successo il numero in cu li si invita a lasciare i riferimenti per essere richiamati. "Ho un lavoro fatto a metà. Non so più cosa fare e lì non risponde nessuno", le parole di una paziente riportate dal quotidiano.

"Siamo stati sopresi dall'articolo", dice al telefono di Odontoaitria33 Massimo Turchetti amministratore delegato di Dooc.

"La clinica ha chiuso 10 mesi fa e non ieri. Abbiamo deciso di chiudere per una scelta imprenditoriale, i pochi pazienti che dovevano terminare le cure sono inviati ai centri DentalCoop e DentalPro della zona per terminare i trattamenti". "Come previsto dal decalogo associativo dell'ANCOD, Dooc ha dirottato i pazienti a proprie spese verso altri centri odontoiatrici associati per terminare le cure", ricorda Turchetti. "Nessuna cura è stata lasciata in sospeso".

Turchetti che informa che anche i due pazienti intervistati dal quotidiano sono stati presi in carico da altre strutture e che "addirittura hanno già terminato le loro cure".

Il quotidiano ha pubblicato ieri, "in una posizione defilata e sommariamente", dice Turchetti, la precisazione di Dooc in cui viene ribadita l'assoluta attenzione per i propri clienti anche in caso di chiusura del centro.

Nor.Mac.

Articoli correlati

Quando si parla di pubblicità in ambito odontoiatrico i grandi gruppi tipo Vitaldent, Dooc ed altri sono visti dal singolo professionista come il "male" in quanto, grazie agli (ingenti)...


Su segnalazione del NAS di Cosenza, il Sindaco di un paese sito sulla costa tirrenica della Calabria, ha disposto la chiusura di uno studio dentistico in quanto attivato senza autorizzazione...


Con l'udienza preliminare si è aperto qualche giorno fa l'iter che potrebbe portare a giudizio l'amministratrice della fallita Rimini Dental Center srl, (nulla a che vedere con chi gestisce...


"La protesi fissa con margini di chiusura verticali - Un approccio razionale alla clinica e al laboratorio": è un testo di due specialisti italiani, Ezio Bruna e Andrea Fabianelli (nella...


Studiare 2 anni in Francia in una succursale dell'Ateneo Portoghese Pessoa e poi trasferirsi in Portogallo per terminare gli studi e laurearsi in odontoiatria per poi, presumibilmente, tornare in...


Altri Articoli

Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


Dentisti e laboratori odontotecnici analizzano il giudizio dato dagli Indici di Affidabilità Fiscale. Ecco chi si può sentire in regola e chi no


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi