HOME - Cronaca
 
 
11 Maggio 2017

Iniziativa SNO-CNA sul nuovo regolamento dispositivi medici. Seminario specialistico a Padova il 6 giugno


Dopo 5 anni di discussioni, il 5 aprile scorso il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva i regolamenti sui dispositivi medici. Tra qualche settimana è prevista la pubblicazione dei testi in Gazzetta ufficiale e i regolamenti diventeranno quindi, nel giro rispettivamente di tre e cinque anni, operativi per tutti gli Stati Membri. Vengono introdotte diverse rilevanti novità: da un maggiore controllo previsto per la documentazione tecnica, ad una più rigorosa valutazione clinica e sorveglianza post-vendita, ad una migliore tracciabilità dei dispositivi attraverso la catena di approvvigionamento. Si aggiungono l'ampliamento della definizione del prodotto, un maggiore coinvolgimento degli Organismi Notificati e obblighi a carico non solo dei fabbricanti ma anche degli importatori e dei distributori.

Su questi temi, il prossimo 5 giugno, CNA organizza a Padova un seminario specialistico di approfondimento con la partecipazione di esperti sugli aspetti normativi, legali e regolatori per il medicale. CNA SNO nazionale parteciperà con il proprio gruppo dirigente a questo evento, cogliendo l'occasione per programmare il calendario delle iniziative sul territorio per informare e supportare le imprese odontotecniche nel percorso di adeguamento che le vedrà impegnate nei prossimi anni.

"Il nuovo regolamento consiste in un ampio articolato, di cui solo una parte interessa in modo diretto i dispositivi medici su misura. Siamo impegnati a garantire, sulla materia, informazione e formazione in modo diffuso, rivolti alla categoria degli odontotecnici" dice Sandro Storelli, del Gruppo di lavoro tecnico di CNA SNO nazionale "Ma questo non basta," prosegue "per quanto impegnativo, occorrerà da un lato guardare ai nuovi obblighi, alle nuove responsabilità in capo ai fabbricanti del su misura, supportando le imprese nel percorso di adeguamento. Ma, dall'altro lato, occorrerà una visione interpretativa della norma che sappia guardare all'innovazione, alla tecnologia in continua evoluzione, a tracciabilità e sicurezza in un'ottica di filiera. Non a caso, il nuovo regolamento prevede controlli più severi, ma al contempo tutela la velocità dell'innovazione nel suo accesso al mercato.

Quindi, di pari passo al supporto formativo per l'adeguamento cogente, SNOCNA prevede un programma di stimolo alle imprese innovative, all'aggregazione, per il riposizionamento competitivo sul mercato."

A cura di: Sandro Storelli responsabile CNA settore Sanità, Biomedicale

A questo link le informazioni sull'evento

Articoli correlati

Il presidente degli odontotecnici dello SNO fa una analisi di una professione che, dice, rischia di essere assorbita dall’industria 


"Grazie per essere qui oggi alla prima giornata della #MaratonaPattoSalute. Sono felice di ascoltare le vostre proposte. Siete i pilastri del nostro Servizio sanitario nazionale, il vostro punto di...


Presentate le proposte per il riconoscimento del profilo dell’odontotecnico


Altri Articoli

Ancora troppo poche le certezze per indicare strumenti e procedure scientificamente validate che possano garantire la sicurezza degli operatori 


Servirà un nuovo adempimento burocratico per consentire ad ENPAM di inviare l’indennizzo statale dei 600 euro. Per quello dei 1000 euro ancora tutto fermo, ma quando arriverà sarà tassato


Corso live con il prof. Mattero Chiapasco martedì 14 aprile. L’obiettivo è di fornire tutte le informazioni necessarie per prevenire e gestire in modo efficace le complicanze


Una ricerca Key-Stone, in collaborazione con IDI Evolution, cerca di sondare come i professionisti ipotizzano ed intendono affrontare la situazione. Il 14% pensa che sarebbe più opportuno chiudere...


Lo afferma nella conferenza stampa della Protezione Civile delle 18. Intanto scoppia la polemica tra ANDI ed SIASO sul parere dell’INAIL sulle mascherine


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni