HOME - Cronaca
 
 
29 Maggio 2017

Posti ad odontoiatria ed igiene dentale. Queste le richieste delle Regioni


E' atteso tra qualche settimana il decreto che fissa il numero dei posti per accedere alle facoltà di medicina e di odontoiatria.

Nei giorni scorsi la Conferenza Stato-Regioni ha discusso l'Accordo sui fabbisogni formativi per l'anno accademico 2017-18 delle laureati magistrali a ciclo unico, delle professioni sanitarie e dei laureati magistrali delle professioni sanitarie trasmettendo ai Ministeri Competenti le indicazioni.

Come ogni anno sul tavolo le richieste della professione, FNONCeO e CAO in testa che chiedono una riduzione del numero di accessi e dall'altro le Regioni che vorrebbero aumentare gli iscritti a fronte delle proiezioni sul numero di professionisti che nel prossimo decennio lasceranno le rispettive professioni.

Come aveva spiegato ad Odontoiatria33 uno dei rappresentanti CAO nei tavoli di concertazione, Sandro Sanvenero, le indicazioni di CAO sul numero di studenti da inserire nel prossimo corso di laurea è di 800 unità.

Secondo anticipazioni di stampa le Regioni propongono per odontoiatria 1.039 ingressi specificando che, comunque, non sarebbero sufficienti da far fronte alla domanda di cure future considerando anche l'età degli attuali esercenti ed il crescere della popolazione.

Situazione inversa per igiene dentale visto che AIDI ed UNID chiedono 670 posti mentre le Regioni 567.

Ora la parola passa al MIUR che dovrà emanare il decreto con il numero i posti per singoli atenei, lo scorso anno i posti a disposizione erano 908 per odontoiatria e 641 per igiene dentale.

Articoli correlati

La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Una delle principali complicanze in seguito a un trattamento canalare è il dolore post-operatorio che si manifesta, secondo dati di letteratura, con una frequenza che varia dal...

di Lara Figini


Le infezioni post-operatorie implantari sono considerate una complicanza rara, con una prevalenza che varia dall'1,6% all'11,5% e di solito si verificano entro il primo mese dopo...

di Lara Figini


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi