HOME - Cronaca
 
 
09 Giugno 2017

Rinunciare alla salute orale non sempre è una questione economica. La conferma dal NHS Inglese


Spesso i dati del mancato accesso alle cure odontoiatriche, anche in termini di prime visite, vengono letti come una difficoltà dei pazienti ad affrontare la spesa, visto che in Italia il 90% dell'assistenza è in solvenza diretta.

A rendere non del tutto vero questa considerazione sono i dati diffusi dall'NHS, il Sistema Sanitario Pubblico Inglese, che ha evidenziato come l'80% dei neonati e il 60% dei bimbi (1-4 anni) britannici non è mai andato dal dentista nonostante in questa fascia di età le visite odontoiatriche siano offerte gratuitamente dal NHS.

La conferma di come non sia sempre un problema economico alla base della scelta di effettuare una buona prevenzione ma entrino anche in gioco altri fattori come la scolarizzazione e l'attenzione verso la salute. Anche se dal report diffuso dal NHS non si conoscono le modalità per ottenere l'assistenza gratuita ed i tempi d'attesa, fattori non sempre compatibili con la vita lavorativa dei genitori. Inoltre per i bambini da 1 a 4 anni entra in gioco il ruolo dl pediatra al quale spetta i compito di segnalare e motivare i genitori affinché facciano effettuare una visita odontoiatrica al piccolo.

Più in generale i dati diffusi mostrano come nel il periodo di 24 mesi, 22,2 milioni di pazienti adulti inglesi sono stati visitati da un dentista NHS, pari al 51,5% della popolazione adulta. Il numero di bambini visitati negli ultimi 12 mesi è stato di 6,8 milioni, il 58,2% della popolazione infantile.

Nor. Mac.

Articoli correlati

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


È risaputo che la presenza di alti livelli di placca causa gengivite. Gli spazzolini elettrici sono generalmente considerati più efficaci di quelli manuali nella rimozione della...

di Giulia Palandrani


Le raccomandazioni per la riapertura degli studi odontoiatrici adottate nei singoli stati: una review delle fonti internazionali


Federfarma ha chiesto chiarimenti in merito ad una comunicazione del Ministero su disinfettanti da utilizzare anche in sala d’attesa. Quale deve essere la percentuale corretta di etanolo (alcol)...


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni