HOME - Cronaca
 
 
09 Giugno 2017

Rinunciare alla salute orale non sempre è una questione economica. La conferma dal NHS Inglese


Spesso i dati del mancato accesso alle cure odontoiatriche, anche in termini di prime visite, vengono letti come una difficoltà dei pazienti ad affrontare la spesa, visto che in Italia il 90% dell'assistenza è in solvenza diretta.

A rendere non del tutto vero questa considerazione sono i dati diffusi dall'NHS, il Sistema Sanitario Pubblico Inglese, che ha evidenziato come l'80% dei neonati e il 60% dei bimbi (1-4 anni) britannici non è mai andato dal dentista nonostante in questa fascia di età le visite odontoiatriche siano offerte gratuitamente dal NHS.

La conferma di come non sia sempre un problema economico alla base della scelta di effettuare una buona prevenzione ma entrino anche in gioco altri fattori come la scolarizzazione e l'attenzione verso la salute. Anche se dal report diffuso dal NHS non si conoscono le modalità per ottenere l'assistenza gratuita ed i tempi d'attesa, fattori non sempre compatibili con la vita lavorativa dei genitori. Inoltre per i bambini da 1 a 4 anni entra in gioco il ruolo dl pediatra al quale spetta i compito di segnalare e motivare i genitori affinché facciano effettuare una visita odontoiatrica al piccolo.

Più in generale i dati diffusi mostrano come nel il periodo di 24 mesi, 22,2 milioni di pazienti adulti inglesi sono stati visitati da un dentista NHS, pari al 51,5% della popolazione adulta. Il numero di bambini visitati negli ultimi 12 mesi è stato di 6,8 milioni, il 58,2% della popolazione infantile.

Nor. Mac.

Articoli correlati

Partendo da una ricerca italiana il prof. Gagliani pone alcune riflessioni sul ruolo centrale dell’odontoiatra nel “monitoraggio della salute del cittadino e quello della...

di Massimo Gagliani


In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


Prof. Levrini: una corretta igiene orale che includa l’utilizzo di un collutorio a base di CPC può essere uno strumento in più per proteggere la salute orale, anche dal Covid-19


Per diagnosticare i casi Covid-19 i test antigenici rapidi di ultima generazione sono una valida alternativa al test molecolare con tampone. Le indicazioni del Ministero della Salute


ANDI e SISOPD commentano i risultati di uno studio delle Università di Ferrara e Milano. Ghirlanda: “Sicurezza sì, sovrastrutture no.”


Altri Articoli

Partendo da una ricerca italiana il prof. Gagliani pone alcune riflessioni sul ruolo centrale dell’odontoiatra nel “monitoraggio della salute del cittadino e quello della...

di Massimo Gagliani


Il presidente Filippo Anelli: vaccinare subito contro il Covid-19 tutti i medici libero professionisti e soprattutto anche gli odontoiatri


Una riforma da sempre richiesta dal settore odontoiatrico per evitare le attuali differenti regole normative tra Regioni su temi come autorizzazioni sanitarie e ASO


Sono giovani, prevalentemente donne che esercitano al Nord. Lombardia, Lazio, Veneto le regioni con il maggior numero di iscritti


In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta