HOME - Cronaca
 
 
14 Giugno 2017

Responsabilità medici, a rischio decreti attuativi. Sindacati e Fnom lanciano osservatorio


"Temiamo che la legge sulla sicurezza delle cure approvata a fine febbraio resti un provvedimento a metà. Invece per funzionare deve essere completa. Ecco perché non stiamo a guardare". Costantino Troise segretario del principale sindacato dei medici ospedalieri, Anaao Assomed, commenta l'istituzione di un osservatorio sull'attuazione della "legge Gelli" di riforma della responsabilità medica da parte dei sindacati di categoria e della Fnomceo. La Federazione degli ordini e le sigle dei medici del servizio sanitario hanno scritto alla ministra della Salute Beatrice Lorenzin e ai ministri di Economia e sviluppo. Si tratta dei tre dicasteri coinvolti nella stesura dei decreti che dovrebbero rendere attuativa la riforma della responsabilità medica, ai quali i medici manifestano specifiche preoccupazioni.

"Ci sono importanti decreti attuativi da realizzare, da avviare con la partecipazione delle forze sociali e professionali - dice Troise - ma stiamo avendo notizie sull'evoluzione del quadro politico che vanno nel senso della conclusione anticipata della legislatura. Una conclusione che avverrebbe mentre aspettiamo che i decreti escano, visto che i termini sono rispettivamente del 30 giugno e del 31 luglio". Entro giugno va emanato il regolamento che affida l'istituzione di un fondo che aiuti strutture e sanitari a districarsi in caso di danni oltre massimale e in caso di insolvenza della compagnia presso la quale sono assicurati (articolo 14). Invece per luglio è atteso il decreto attuativo per determinare i requisiti delle nuove polizze Rc per strutture e sanitari, come previsto all'articolo 10 comma 6 della legge. Il termine di tre mesi per un terzo decreto per la vigilanza sulle compagnie attive nel settore Rc (articolo 10 comma 5) risulta già scaduto. Ecco perché i sindacati Anaao Assomed, Cimo, Aaroi Emac, Cgil, Cisl, Uil, Fvm, Fassid, Fesmed, Fimmg, Fimp e Sumai hanno costituito "un osservatorio per monitorare lo stato di applicazione della L. 24/2017 e vigilare sui contenuti dei decreti in oggetto nel rispetto della tempistica prevista".

"L'osservatorio serve a verificare come è applicata la legge e a far sì che venga attuata in tutti i suoi aspetti. La nostra presa di posizione - sottolinea Troise - indica la nostra volontà di partecipare all'elaborazione dei decreti e a sollecitare il governo alla decretazione. Si può obbedire a un dettato legislativo solo quando esso è completo". Quest'ultimo riferimento è ad altri due articoli della legge, il 3 e il 5, di cui i sindacati gradirebbero conoscere lo stato di avanzamento. Il primo disciplina l'avvio dell'Osservatorio nazionale sulla sicurezza che acquisisce i dati dei centri regionali sulla gestione del rischio clinico in termini di frequenza, entità, oneri e mette in atto misure per evitare l'errore anche con le società scientifiche; tale osservatorio va tra l'altro armonizzato con il Sistema Informativo di Monitoraggio dell'Errore in Sanità, previsto da leggi precedenti. L'articolo 5 invece è quello che affida alle società scientifiche (munite di requisiti per l'iscrizione in apposito elenco) la redazione delle linee guida sulla cui base sono elaborate le raccomandazioni cliniche e le buone pratiche che tengono lontano il sanitario dalla colpa grave e dai processi penali. "In conclusione dal governo ci attendiamo un segnale - conclude Troise - e la buona volontà di completare un provvedimento che segnava un passo avanti nella sicurezza delle cure e in tema di responsabilità professionale ma che, se incompiuto, alimenterebbe la confusione in questa già complessa materia".

Articoli correlati

Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


Saranno vendute attraverso le associazioni e sindacati che aderiranno all’iniziativa, la Federazione farà da “garante” per aziende, medici e dentisti


Immagine d'archivio

Via tassa su contributo ENPAM ed accesso ai bonus, magari con fondi dedicati, agevolazioni di natura fiscale e agli ammortizzatori sociali


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION