HOME - Cronaca
 
 
10 Luglio 2017

Il ruolo dell'igienista dentale nella prevenzione. Centrale e presente ricorda UNID


Gentile direttore, ultimamente abbiamo letto tanti articoli che parlano di prevenzione orale ad esclusiva degli odontoiatri. Ci sembra doveroso avere l'opportunità di ricordare che il nostro operato a vantaggio della popolazione c'é sempre stato e continua ad esserci.

Ogni Igienista Dentale, almeno una volta nella sua vita, ha partecipato o addirittura organizzato, progetti di Prevenzione. Così come cita il profilo Ministeriale " partecipa a progetti di prevenzione...".

Fermo restando che i suddetti, organizzati dalle istituzioni con il coinvolgimento degli Igienisti, sono davvero nulli o pochi, ma noi non siamo stati ad aspettare! Il punto focale è che l'Igienista Dentale non solo partecipa, ma li realizza perché il cuore della professione è proprio la prevenzione che mette in atto quotidianamente sui soggetti/pazienti, nei centri d'igiene dentale, negli studi odontoiatrici sui pazienti che gli sono affidati al di là dello stato di salute. L'Igienista lo fa per professionalità, per dedizione o passione e per migliorare la qualità della vita di chi soffre per le complicanze orali a causa di svariate patologie. In assenza di progetti di prevenzione, l'Igienista non è stato e non sta chiuso in uno studio, ma si attiva e diffonde la cultura all'Igiene Orale in tutti gli ambiti, primo tra tutti l'ambiente scolastico, come nelle spiagge, nei centri commerciali e nelle piazze e lo fa quasi esclusivamente a titolo gratuito e supportato dalle aziende di settore.

Il binomio Igienista uguale prevenzione orale è una realtà, costante e presente, nonostante ancor oggi e troppo spesso si parla di prevenzione orale come esclusiva odontoiatrica o è tralasciata la sua presenza e soprattutto il suo ruolo nel comparto. L'Igienista per il paziente applica ogni singolo atto professionale che aggiunge consapevolezza della propria salute orale perché la bocca è la porta dell'organismo ed è comunque coinvolta dalla salute generale; applica strategie per cambiare abitudini viziate o scorrette, evidenzia anomalie dei tessuti dalla carie, fino al cancro indirizzando il paziente al professionista di riferimento per la diagnosi certa e molti di noi hanno sperato di aver sospettato erroneamente. L'Igienista Dentale nasce e si forma con la prevenzione, curioso come una scimmia, indaga e chiede conferme. L'igienista dentale, controlla, pone domande, individua le origini dei problemi, crea il modo per raggiungere più soggetti possibili e l'ha fatto e continua a farlo anche supportato dalla sua associazione e da quando è nato il profilo attraverso centinai di progetti sparsi sul territorio.

I numeri sono tanti, come tanta è la soddisfazione di aver contribuito nello stato di salute della popolazione scolastica, non limitandosi alle solite lezioni frontali, ma motivando attraverso vere lezioni pratiche e personalizzate. Questo fa l'Igienista Dentale e lo fa da sempre, anche rinunciando ad ore di lavoro, gratuitamente e senza aspettare di essere coinvolto dalle istituzioni. L'Igienista Dentale non attende, l'Igienista fa!

Dott.ssa Rita Coniglio: Igienista Dentale, Segretario Nazionale U.N.I.D.

Articoli correlati

UNIDI comunica le nuove date: dal 19 al 12 novembre 2020 sempre a Rimini. Obiettivo creare una concreta occasione di ripartenza


Direttivo nazionale UNID

In attesa delle indicazioni ministeriali l’UNID ha pubblicato un decalogo per guidare l’igienista dentale nella ripresa della attività clinica


Fiorile: ‘’è un momento difficile per tutti, ma dobbiamo considerare le pendenze economiche aperte nei confronti dei nostri fornitori’’ 


Le associazioni di Industria e Distribuzione chiedono coesione del settore dentale e un impegno comune per l’economia, a cominciare dall’onorare i debiti 


Per i Medici Cimo Fesmed le misure del Governo non garantiscano la salute degli operatori. Pamich (UNIDI): oggi raccogliamo i frutti del puntare sulla delocalizzazione e la produzione a basso costo 


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni