HOME - Cronaca
 
 
27 Luglio 2017

Ddl concorrenza, rischia di slittare a settembre. Marino: questione interna al Pd


"Il Ddl lo approviamo prima delle vacanze estive così come è arrivato dalla Camera e bocciamo tutte le modifiche proposte. Ne va del nostro onore". Sebbene uno dei due relatori, Salvatore Tomaselli (Pd) ne faccia una questione di onore, sembrano in crescita le possibilità che la legge annuale sulla concorrenza si trovi di fronte a un nuovo stop e non venga approvato prima della pausa estiva come largamente auspicato.

I lavori procedono, infatti, a rilento in Commissione Industria dove sono attesi i fondamentali pareri della Commissione Bilancio. La commissione peraltro ha una serie di decreti legge prioritari da valutare che, come spiega il presidente Giorgio Tonini (Pd), usando la metafora del Pronto Soccorso, sono un codice rosso. Terminati questi pareri si potrà passare al parere sul ddl concorrenza che, nelle parole di Tonini, è "un codice arancione". Ma a rallentare ulteriormente le cose la mancata "relazione tecnica di passaggio" del provvedimento dalla Camera al Senato bollinata dalla Rgs, senza la quale, aggiunge il presidente della Bilancio Tonini "non possiamo dare il parere, lo vietano le norme".

E a rendere, se possibile, più contorta la situazione c'è anche il fatto che, nonostante tutti i buoni propositi, torni a farsi largo la possibilità che ci siano nuove modifiche che potrebbero costringere il testo a una quinta lettura alla Camera. Se, infatti, il Partito democratico sembrava compatto nel sostenere l'approvazione senza altri ritocchi, lo stesso presidente della Commissione Industria, Massimo Mucchetti (Pd), ha presentato due emendamenti al testo uscito da Montecitorio. Due interventi in materia di assicurazioni e mercato energetico che potrebbero raccogliere il malcontento.

La questione è eminentemente politica come sottolinea l'altro relatore Luigi Marino (Ap), per il quale il testo deve essere approvato prima della pausa estiva, "ma, visto che il presidente della commissione Bilancio è del Pd, il Governo è guidato dal Pd così come il ministero dei Rapporti con il Parlamento, la scelta non può che essere del Pd".

Articoli correlati

Foto che accompagna il post sulla pagina Facebbok del Ministro Grillo

La norma era contenuta in un emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle alla legge di bilancio e riguardava le farmacie in mano alle società (possibilità introdotta dalla legge sulla...


La vicenda della chiusura, in Spagna, delle cliniche della catena iDental riporta alla luce quale dovrebbe essere la vera questione da affrontare sul tema dell’ingresso del...


Il presidente CAO: obbligatorio per legge con due terzi del capitale in mano ai professionisti


Dal 29 agosto sono in vigore le norme contenute nella Legge sulla Concorrenza, tra queste l'obbligo per le società operanti come attività odontoiatrica di nominare un direttore sanitario unico...


Altri Articoli

O33Cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


I suggerimenti contenuti in un pieghevole distribuito in farmacia, negli studi odontoiatrici e presso i medici di base disponibili


Nel fine settimana a Roma dal titolo “Odontoiatria, eccellenza italiana”. Due giorni con 12 tra i migliori relatori clinici del nostro Paese


Indicato per i casi di riabilitazione estetica e per il ripristino della funzionalità di pazienti affetti da edentulia parziale o totale. Scopri le soluzioni cliniche


Il commento, critico, del presidente Brugiapaglia, tra i primi presidenti CAO ad aver sospeso un iscritto per mancato aggiornamento


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi