HOME - Cronaca
 
 
27 Luglio 2017

Spesometro, ANDI chiede nuovamente alle Entrate di esonerare i dentisti dall'obbligo d'invio dei dati


Entro il 18 settembre i contribuenti, dentisti inclusi, dovranno inviare all'Agenzia delle Entrate attraverso lo Spesometro i dati delle fatture emesse nel primo semestre 2017 attraverso lo Spesometro.

Da tempo contro questa duplicazione di obblighi (i dentisti già inviano gli stessi dati attraverso il Sistema tessera Sanitaria), si è attivata ANDI che attraverso una lettera ha nuovamente chiesto all'Agenzia delle Entrate di esonerare i dentisti dall'obbligo di invio.

Nella nota il presidente Gianfranco Prada (nella foto) torna a scrivere all'Agenzia delle Entrate chiedendo interventi concreti al fine di evitare che "ancora una volta un consistente numero di contribuenti debba effettuare un'inutile duplicazione di trasmissione degli stessi dati".

Prada che ricorda come il D. Lgs. n. 175/2014 abbia introdotto l'obbligo per medici ed odontoiatri di inviare i dati delle fatture emesse al Sistema Tessera Sanitaria, in modo da renderli disponibili all'Agenzia delle Entrate per la dichiarazione dei redditi precompilata. Ma gli stessi dati (relativi al primo semestre 2017) scrive il presidente ANDI, dovrebbero essere trasmessi attraverso lo Spesometro entro il 18 settembre p.v.

Sempre nella nota viene ricordato che la Legge di Stabilità (Legge 28 dicembre 2015, n. 208 ©art. 1, comma 953), aveva stabilito che l'obbligo di comunicare le operazioni attraverso lo Spesometro è escluso per coloro i quali trasmettono i dati al Sistema tessera sanitaria ai sensi dell'articolo 3, comma 3, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 e che negli anni successivi i comunicati dell'Agenzia delle Entrate lo avevano confermato.

"Invece oggi si torna a chiedere ai contribuenti una duplicazione di interventi, peraltro -evidenzia Prada- , a norma dell'art. 6 dello Statuto del contribuente, non possono essere richiesti documenti ed informazioni già in possesso dell'amministrazione finanziaria o di altre amministrazioni pubbliche indicate dal contribuente, in quanto tali documenti ed informazioni possono essere acquisiti d'ufficio dall'Agenzia delle Entrate".

"Un sistema -denuncia Prada- del tutto illogico e contrario alla ratio di semplificazione e sburocratizzazione degli adempimenti fiscali che invece impone agli operatori sanitari un adempimento duplicato".

Per questo ANDI è nuovamente a chiedere "un rapido intervento ai fini di esentare la trasmissione dei dati dello Spesometro, gli stessi dati che andranno inviati al Sistema Tessera Sanitaria".

Articoli correlati

Confprofessioni ed ANDI contro le dichiarazioni del Ministro Gualtieri a “Piazza Pulita”. Stella (Confprofessioni), visione ottocentesca delle professioni


Sindacati odontoiatrici divisi. Chiedono un rinvio AIO e SUSO, schierata per le elezioni nei tempi previsti ANDI che scrive a Conte  


ANDI lancia la campagna #DalDentistaInSicurezza spiegando le nuove procedure per accedere allo studio ed attendere prima della visita


Revocata l’ordinanza che limitava le prestazioni alle sole urgente. CAO ed ANDI Reggio Emilia ai colleghi: prudenza e rispettate i protocolli indicati da INAIL e Regione 


FIMMG e ANDI denunciano: “impossibili gli approvvigionamenti”. Queste le proposte avanzate dalla vice presidente della Commissione Affari sociali della Camera


Altri Articoli

In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni