HOME - Cronaca
 
 
19 Settembre 2017

Cancro orale, arriva ProntOral. l'App per trovare il centro pubblico più vicino


Fondazione ANDI e Società Italiana di Patologia e Medicina Orale hanno lanciato una App che offre la possibilità di conoscere con un Click i Centri di Sanità Pubblica e Convenzionata presso i quali eseguire una visita alle mucose del cavo orale.

Si chiama ProntOral ed è l'App ideata dall'Università di Palermo su mandato dalla Società Italiana di Patologia e Medicina Orale e della Fondazione ANDI Onlus, presentata lo scorso fine settimana a Riccione durante il 62° Congresso Scientifico ANDI.

"Dopo anni di campagne informative abbiamo cercato di trasformare le attuali opportunità informatiche in uno strumento di conoscenza e di reale assistenza al cittadino e ai professionisti della salute", hanno spiegato il presidente della Fondazione ANDI dott. Evangelista Mancini, ed il presidente della SIPMO prof. Lorenzo Lo Muzio.

A trarne vantaggio, questa volta, dovrebbe essere la lotta alla più pericolosa delle malattie del cavo orale: il cancro della bocca, che in tanti anni di progetti di prevenzione primaria e secondaria purtroppo, in Italia, non ha mai registrato una drastica diminuzione di incidenza e mortalità.

"Adesso, si è deciso di cambiare paradigma -chiarisce la prof. Giuseppina Campisi dell'Università degli Studi di Palermo (Vice-Presidente SIPMO, Consigliere ANDI Palermo)- quello di fornire uno strumento facile e diretto all'utente (odontoiatra, medico o cittadino) che cerca un centro di Sanità Pubblica per una visita alle mucose del cavo orale".

La forza potenziale dell'APP, spiega la prof.ssa Campisi "sta nell'avere intuito le necessità dell'utente", quali l'accesso diretto e gratuito, con un click, alle principali info dei Centri per una visita alle mucose del cavo orale (conoscendo così denominazione, medici, contatti, indirizzo e soprattutto modalità di accesso); inoltre, mediante geolocalizzazione, l'utente potrà trovare il Centro più vicino al suo corrente domicilio. Si potrà poi accedere, sempre gratuitamente, a sessioni su News e altri link informativi di pubblica utilità.

Il passo successivo, continua la prof.ssa Campisi, sarà quello di divulgare capillarmente l'App, anche grazie alla collaborazione degli Ordini dei Medici e degli Albi degli Odontoiatri, il suo utilizzo e le tanto auspicate ricadute sulla salute orale dei cittadini.

L'App è scaricabile gratuitamente dalla piattaforma Apple e Google.

Articoli correlati

Quando si verifica l’esposizione del tessuto polpa, è fondamentale proteggerlo da agenti nocivi per prevenire pulpite o necrosi irreversibile. Cause principali di esposizione...

di Lorenzo Breschi


Il metodo ancora attualmente considerato più efficace per prevenire l’insorgenza della carie e delle malattie parodontali è lo spazzolamento dei denti almeno due volte al...

di Lara Figini


L’obbiettivo è quello di venire incontro alle esigenze quotidiane dei clinici e per farlo SIdP ha sviluppato una App, Powerapp SIdP, che consente ad ogni clinico che stia eseguendo una visita...


Specialmente negli anni passati, di fronte a carie profonde vicine alla polpa dentaria vi era l’abitudine di posizionare sotto l’otturazione un sottofondo o liner di idrossido...

di Lara Figini


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi