HOME - Cronaca
 
 
20 Settembre 2017

Anche in Italia il kit fai da te per gli allineatori trasparenti. ANDI scrive al Ministro: perdente provvedimenti


La conseguenza della tecnologia avevamo scritto su Odontoiatria33 nell'articolo in cui nel 2015 raccontavamo dell'iniziativa di una azienda che proponeva negli USA l'allineatore ortodontico trasparente fai da te.

Ora quel progetto di business sbarca anche in Europa ed in Italia. SI chiama YourSmileDirect La proposta consiste nel acquistare un kit da impronta (vengono inviati a casa vari porta impronte e dose di materiale da impronta da rilevare le due arcate) che permette al cliente di auto prendersi le impronte. Secondo passaggio inviare le impronte al centro di raccolta dove, si legge sul sito, un dentista valutare il caso creando il piano di trattamento. C'è anche una scheda di auto valutazione del sorriso che il cliente può compilare in cui viene descritta occlusione attuale e aspettative. Costo del kit 99 euro.

Una volta stabilito se il trattamento può essere realizzato, mensilmente il cliente riceverà gli allineatori direttamente a casa. Costo del trattamento 1.499 euro. Se il trattamento non può essere realizzato vengono restituiti i soldi precisano sul sito.

Tra le informazioni presenti anche un rapporto costo beneficio con le altre sistematiche di allineatori trasparenti che, sottolineano, necessitano la visita dal dentista e sono molto più costosi.

Una serie di video spiegano le varie fasi di produzione ed altre informazioni.

Leggendo le FAQ scopriamo che in realtà le mascherine non sono proposte come allineatori ortodontici ma come apparecchi cosmetici trasparenti.

Ma nella realtà sono veri e propri dispositivi medici su misura, rileva ANDI segnalando la Ministro della Salute l'iniziativa, chiedendo controlli ed interventi.

Nella nota, stando a quanto riportato su ANDI Informa Online, il presidente Gianfranco Prada ricorda al Ministro Lorenzin "che questa pratica mette in pericolo la salute del cittadino e viola le norme sull'esercizio della professione e sui dispostivi medici su misura. Come la terapia ortodontica sia un atto medico effettuato esclusivamente da un professionista abilitato, che ci deve essere una vista sul paziente, che il dispositivo medico su misura deve essere realizzato da un fabbricante registrato presso l'elenco del Ministero della Salute a seguito di una prescrizione medica e corredato dalle dichiarazioni di legge ed installato e controllato dall'odontoiatra prescrivente. Ma soprattutto che il dispositivo deve essere prescritto sulla base della malformazione da correggere individuata sul paziente dopo una accurata visita e gli opportuni esami diagnostici, inoltre, ricorda il Presidente Prada, gli allineatori trasparenti non possono essere utilizzati per tutte le situazioni. Ci sono poi i rischi dell'auto-impronta -ricorda Prada al Ministro- a cominciare dalla tipologia di materiale utilizzato e dall'ingestione accidentale dello stesso senza considerare il rischio soffocamento".

Articoli correlati

Il ruolo diagnostico e il principio stomatologico, sono gli elementi peculiari che caratterizzano la professione odontoiatrica e per questo vanno difesi soprattutto dalle politiche...


L’ultimo esempio, in ordine cronologico, di come le opportunità che le nuove tecnologie offrono a fantasiosi ed illuminatati imprenditori possono destabilizzare le regole del sistema è la...

di Norberto Maccagno


Ognuno dovrebbe avere il sorriso che desidera senza dover fare tre cose : portare dei breckets, andare una volta al mese in visita dal dentista e spendere una fortuna.Questi gli obiettivi che...

di Davis Cussotto


Dal SUSO l’appello: serve un lavoro comune per tutelare la salute dei cittadini


A Uno Mattina FNOMCeO, CAO e SUSO spiegano i rischi delle cure fai da te anche in odontoiatria


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi