HOME - Cronaca
 
 
19 Ottobre 2017

Nuovo Regolamento sui Dispositivi Medici. UNIDI ha fatto il punto in un convegno


Martedì 10 ottobre al Ramada Plaza di Milano si è svolto un appuntamento di fondamentale importanza per le aziende che producono dispositivi medici.

Con l'entrata in vigore del Nuovo Regolamento UE 2017/745 sui Dispositivi Medici (25 maggio 2017), le Aziende del settore hanno infatti 3 anni di tempo per adeguarsi ai nuovi requisiti e adempimenti previsti dal Regolamento, che avrà piena e inderogabile applicazione a partire dal 26 maggio 2020.

Per le aziende produttrici dispositivi medici si prospetta quindi un futuro ricco di cambiamenti, ma anche di nuove opportunità: gli aspetti innovativi della regolamentazione vanno compresi e analizzati in modo da agire tempestivamente e non farsi cogliere impreparati.

A tale scopo, le Associazioni UNIDI, Assottica e Cosmetica Italia hanno organizzato una giornata di studio volta ad analizzare il nuovo quadro regolatorio per i dispositivi medici e le principali novità introdotte.

Dopo il saluto dei tre Presidenti - Paola Rizzetto di Assottica, Fabio Rossello di Cosmetica Italia, attraverso il suo Direttore Generale Luca Nava, e Gianna Pamich di UNIDI - un pool di esperti è intervenuto per fare chiarezza sulle novità introdotte dal Regolamento, che nel corso dei prossimi mesi dovranno essere maggiormente approfondite e rese applicabili mediante l'adozione di atti di esecuzione da parte della Commissione Europea.

In particolare, Marcella Marletta, Direttore Generale DGDMF del Ministero della Salute, ha riepilogato i numerosi provvedimenti inclusi nell'articolato del Regolamento, facendo luce sulle implicazioni e scenari futuri del passaggio dalla Direttiva 93/42/CE al Regolamento (UE) 2017/745. Ha sottolineato infatti come il Regolamento presenti un testo aumentato, sia nell'articolato che nel numero di allegati, a dimostrazione dello sforzo regolatorio che un settore complesso e vario come quello dei dispositivi medici richiede, al fine di garantire una maggiore sicurezza per l'utilizzatore, andando anche a definire i ruoli e le responsabilità dei vari operatori economici. Salvatore Scalzo, legal and policy officer della DG GROW (Internal Market, Industry, Enterpreneurship and SMEs - Health Technology and Cosmetics) della Commissione Europea, in collegamento da Bruxelles ha poi illustrato le modalità con le quali la Commissione procederà all'implementazione dei nuovi provvedimenti e alla governance del nuovo sistema.

Il programma della giornata si è poi sviluppato dando spazio alla trattazione di argomenti di natura più operativa, entrando quindi nel merito delle nuove misure di vigilanza e sorveglianza post-commercializzazione con l'intervento di Rosaria Boldrini, Direttore Ufficio 5 "Attività ispettive e vigilanza" del Ministero della Salute. Pietro Calamea, Direttore Ufficio 6 "Sperimentazione clinica dei dispositivi medici" del Ministero della Salute ha evidenziato il nuovo impianto regolatorio in merito alla valutazione clinica, necessaria per dimostrare la conformità dei dispositivi medici ai requisiti essenziali. Un punto particolarmente critico messo in evidenza da UNIDI è quello relativo al concetto di "equivalenza" tra dispositivi medici ai fini dell'utilizzo di dati clinici esistenti.

Marco Magni di ITALCERT S.r.l. e Bernardino Venturelli di IMQ S.p.a. hanno quindi espresso il punto di vista degli organismi notificati, attualmente in attesa dell'adozione dell'atto di esecuzione che consentirà agli stessi di intraprendere un nuovo processo di accreditamento, necessario per la certificazione dei dispositivi medici ai sensi del nuovo regolamento.

Infine, le associazioni del Tavolo Interassociativo hanno voluto dare un taglio pratico alla giornata, invitando Cristina Bazzaro, QA&RA Manager di Kulzer S.r.l., per un intervento sulle responsabilità di un profilo professionale già esistente nella maggior parte delle aziende del settore, al quale oggi viene dato un valore legale, grazie all'introduzione dell'art. 15 "Persona responsabile del rispetto della normativa".

L'argomento è di sicuro interesse per tutti gli operatori economici del settore (Fabbricanti, Mandatari, Importatori, Distributori, Imprese che producono in conto terzi): la numerosissima e interessata partecipazione delle oltre 200 aziende presenti il 10 ottobre - associate a UNIDI, Assottica, Cosmetica Italia, ma anche ad altre associazioni del settore dei dispositivi medici - ne è una dimostrazione. Per continuare ad offrire supporto alle imprese del dentale, UNIDI ha definito per il 2018 un piano formativo focalizzato su argomenti fondamentali e innovativi del Regolamento 2017/745 che avranno un impatto diretto sul settore.

A cura di: Ufficio Stampa UNIDI

Articoli correlati

Era il 12 giugno del 1969 quando un gruppo di imprenditori si trovarono in una sala della Borsa di Milano per fondare Unione Nazionale Industria Dentale Italiana (UNIDI), unendo due associazioni che...


L’evoluzione del settore odontoiatrico a livello mondiale interessa, ovviamente, chi produce e vende prodotti odontoiatrici in tutto il mondo, per questo l’obiettivo della loro associazione di...


350 esperti studiano e dibattono sulle norme che regolano la produzione di materiali del dentale


Dal 16 al 21 settembre 2018 a Milano


Per l’industria ottimi i dati dell’Export, la fotografia dal report UNIDI ed ADDE


Altri Articoli

Alcuni giorni fa è apparsa su Odontoiatria33 la notizia che nei giorni di sabato 15 e 16 marzo  l’Assemblea dei 106 Presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri che si sarebbe riunita...


“Say Ahh: Act on Mouth Health” è lo slogan promosso dalla FDI (Federazione Dentale Internazionale) per la Giornata Mondiale dedicata alla Salute Orale che si celebra il 20 marzo in tutto il...


In occasione della Giornata Mondiale della Salute Orale, ANDI e Mentedent hanno lanciato il progetto “L’Educazione è la Migliore Prevenzione #SorrisiPreviDenti”, ideato da Mentadent in...


"C'è grande soddisfazione da parte nostra e da parte di tutti i presidenti CAO".A dirlo è Brunello Pollifrone (nella foto), presidente CAO Roma, che commenta la sentenza del Tar della Liguria che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi