HOME - Cronaca
 
 
25 Ottobre 2017

Ddl Lorenzin non passa il profilo dell'odontotecnico. Per l'On. Marazzini, istituire nuove professioni sanitarie sarà più semplice


Tra gli emendamenti "bocciati" dalla discussione in Aula quello presentato dall'On. Rondini che proponeva l'istituzione del profilo dell'odontotecnico. Non una bocciatura verso gli odontotecnici ma dovuta alla volontà di non snaturare l'impianto legislativo che ha come obiettivo, ha spiegato il relatore del provvedimento On. Mario Marazziti, quello di ridefinire un nuovo iter per l'introduzione di nuove professioni sanitarie.

"La scelta che abbiamo fatto - ha detto l'On. Marazzini- è stata di proporre un lavoro che facesse di questa legge una legge aperta e non una legge chiusa, ovvero che non fosse l'ultimo treno per entrare come professione riconosciuta" On Marazzini che indica nel nuovo iter quello che permette ai tecnici di decidere se istituire una nuova professione sanitaria e non alla politico evitando così le "pressioni sui singoli deputati", per sostenere una delle tante professioni che aspiravano ad essere riconosciute.

Ed i nuovo percorso individuato prevede che la richiesta di nuove professioni sanitarie arrivi dal basso, dalle associazioni, che chiedono al Ministero della Salute di prendere in esame la richiesta. Secondo passaggio è quello di affidare al Consiglio superiore di sanità la richieste apre un parere tecnico in modo da, spiega il relatore, togliere "alla politica la possibilità di decidere cosa è o cosa non è una professione sanitaria, ma torna ad essere una decisione tecnica". Infine il tutto ritorna al Ministero che sulla base delle indicazioni ricevute si esprime in tempi certi. Sei mesi per l'espressione del parere sulla base dei titoli presentati, chiarisce l'On. Marazzini, per poi passare alla Conferenza Stato-Regioni che individua il fabbisogno regionale e della popolazione, per poi ripassare il tutto al Ministero della Salute ed al Miur per definire il percorso di studi ed eventuali equipollenze.

Ma se il profilo degli odontotecnici non poteva entrare in questo Ddl il voto parlamentare, con il Governo contrario, apre le porte al nuovo profilo dell'osteopata e del chiropratico che, però, non sono state riconosciute come professioni sanitarie ma come professioni "tecnico-sanitarie".

Nor. Mac.

Articoli correlati

Ma fare l'abusivo o il prestanome, "conviene"? Il dubbio mi è venuto scrivendo la notizia del dipendente del centro odontoiatrico e il direttore sanitario denunciati a Milano per concorso in...


Da oggi 15 febbraio entrano in vigore le nuove pene per il reato di esercizio abusivo di una professione con le aggravanti per quelle sanitarie previsto dalla Legge Lorenzin.In sintesi, per il finto...


Legge Lorenzin è in vigore ufficialmente dal oggi 15 febbraio. Diventano così operativi ufficialmente i tre nuovi ordini delle professioni sanitarie, ma per definire la concreta...


Dopo l'approvazione della Legge Lorenzin sulla riforma degli Ordini, e la volontà del Ministro di definire i decreti attuativi prima delle elezioni, la FNOMCeO ha voluto scrivere ai presidenti...


Altri Articoli

Alcuni giorni fa è apparsa su Odontoiatria33 la notizia che nei giorni di sabato 15 e 16 marzo  l’Assemblea dei 106 Presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri che si sarebbe riunita...


“Say Ahh: Act on Mouth Health” è lo slogan promosso dalla FDI (Federazione Dentale Internazionale) per la Giornata Mondiale dedicata alla Salute Orale che si celebra il 20 marzo in tutto il...


In occasione della Giornata Mondiale della Salute Orale, ANDI e Mentedent hanno lanciato il progetto “L’Educazione è la Migliore Prevenzione #SorrisiPreviDenti”, ideato da Mentadent in...


"C'è grande soddisfazione da parte nostra e da parte di tutti i presidenti CAO".A dirlo è Brunello Pollifrone (nella foto), presidente CAO Roma, che commenta la sentenza del Tar della Liguria che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi