HOME - Cronaca
 
 
06 Novembre 2017

Le Società scientifiche odontoiatriche aderenti al CIC presenteranno domanda di accreditamento al Ministero indicando di seguire il codice di autoregolamentazione


Venerdì 3 novembre a Roma le società scientifiche odontoiatriche si sono riunite presso la sede della CAO in seguito al recepimento della lettera, inviata dopo la riunione delle stesse società in data 5 ottobre, nella quale venivano segnalate al Ministero le criticità che rendevano sostanzialmente impossibile la presentazione delle domande per l'accreditamento.

Nel documento si sottolineava l'impossibilità di quotare correttamente la distribuzione territoriale degli iscritti in relazione alla specialità esercitata, la difficoltà di caratterizzare le società con iscritti appartenenti a discipline diverse, e si sottolineava come, per essere accreditata alla stesura di linee guida, una società deve essere dotata di codice etico che garantisca, secondo quanto previsto dal Decreto in merito alla correttezza economica, l'assenza di conflitto di interessi, aspetto non sufficientemente rimarcato nel Decreto Ministeriale.

A seguito di tale riunione le Società, essendosi già dotate nel maggio 2017 di un codice di autoregolamentazione che affronta sia la rappresentatività che le questioni relative alla correttezza economica e alla deontologia, delegavano la CAO Nazionale a farsi parte garante del possesso dei requisiti necessari per l'inserimento nell'elenco delle Società Scientifiche in odontoiatria.

Dal Ministero della Salute sono arrivati riscontri positivi alle eccezioni mosse, in particolare riguardo alla rappresentatività e soprattutto al codice etico, requisito di grande rilevanza per ritenere una società abilitata alla stesura di linee guida imparziali. Il Ministero ha altresì sollecitato le Società a presentare individualmente le domande, dal momento che si avvicina la scadenza fissata.

Durante la riunione, alla quale erano presenti tutte le società del CIC odontoiatria con i loro rappresentanti e con il presidente dott. Gianfranco Carnevale, le altre Società scientifiche odontoiatriche ed i rappresentanti sindacali, all'unanimità hanno deliberato di presentare le domande corredate da un preambolo in cui si rappresenta al Ministero che ciascuna società:

"in ottemperanza alla ratio sottesa alla normativa in materia, ossia quella di garantire la predisposizione di linee guida con riferimento a tutte le attività degli esercenti le professioni sanitarie, conferma di voler seguire il codice di autoregolamentazione sottoscritto in data 11 maggio 2017 presso il Ministero della Salute e già firmato per accettazione da tutte le Società Scientifiche di area odontoiatrica presenti. Accetta, pertanto, sia la valutazione preventiva che quella relativa al mantenimento dei requisiti delle istanze consegnate alla CAO FNOMCeO come previsto dal DM del 2 agosto 2017".

Da tale riunione è emersa la volontà di tutte le società odontoiatriche di ribadire i concetti fondamentali di indipendenza e qualità che soli possono garantire il cittadino nella stesura di linee guida, mezzi a disposizione della professione e dei pazienti, nonché degli organi giuridici ed assicurativi in caso di contenzioso.

Costanza Micarelli, Consigliere CIC

Articoli correlati

Rinnovato anche il Consiglio direttivo del Comitato Italiano di Coordinamento delle Società Scientifiche Odontostomatologiche 


A comunicare il termine della stesura del nuovo Nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche e dell'invio al Ministero della Salute per la validazione è stato il presidente nazionale CAO Raffaele...


Non ci sono date certe ma già nel mese di marzo il Ministero della Salute potrebbe licenziare il Nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche che è stato presentato dal CIC – Comitato...


È ormai in dirittura d’arrivo il Nomenclatore Odontoiatrico 2018: la scorsa settimana, infatti, si è riunito, su convocazione della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO il Gruppo di...


Altri Articoli

Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni