HOME - Cronaca
 
 
28 Novembre 2017

Parere AGCM su equo compenso e tariffario minimo. Callioni (Confprofessioni): l'authority si è fermata al secolo scorso, il tariffario minimo aiuta il paziente a capire


"La posizione dell'Antitrust contro l'equo compenso per i liberi professionisti conferma ancora una volta come l'Autorità garante sia rimasta ferma al secolo scorso. Il principio di una remunerazione adeguata di una prestazione professionale nei confronti di grandi committenti e della Pubblica Amministrazione non ha nulla a che fare con i minimi tariffari e non rappresenta alcuno ostacolo alla concorrenza". Duro il commento del presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, contro la delibera dell'Autorità Garante della Concorrenza che boccia la norma sull'equo compenso per liberi professionisti e lavoratori autonomi contenuta nel Dl fiscale, in discussione alla Commissione Bilancio alla Camera.

"Contrariamente a quanto sostiene l'Agcm, l'equo compenso non fissa dei minimi inderogabili, ma interviene laddove esiste uno squilibrio nei rapporti di forza contrattuale tra il professionista e committenti forti, quali banche, assicurazioni e P.A", afferma Stella. "Nessuna restrizione alla libera concorrenza, quindi, semmai uno strumento necessario per correggere quelle distorsioni nel mercato dei servizi professionali che autorizzano, per esempio, le amministrazioni locali a pubblicare bandi che pretendono un compenso simbolico, un euro, per prestazioni complesse e onerose".

"Molto discutibile anche la tesi dell'Agcm secondo cui l'introduzione di un equo compenso danneggerebbe i professionisti più giovani, si pensi ai dentisti costretti a lavorare nei centri low cost o nei service odontoiatrici per poche decine di euro", ribadisce Roberto Callioni (nella foto) Vice Presidente Confprofessioni e past president ANDI.

"L'abolizione del tariffario minimo voluta dalla Bersani ha aperto un vuoto e non aiutato i cittadini", continua Callioni. "La mancanza di un tariffario minimo indicativo impedisce al paziente di avere riferimenti per capire se una determinata prestazione rispetta la qualità minime oppure nasconde materiale scadente o addirittura non a norma. L'AGCM continua a far finta di non capire che il tariffario minimo non è una lotta corporativa ma è uno strumento per evitare che i cittadini vengano ingannati da pubblicità ingannevoli che promettono mirabolanti sconti su tariffe inesistenti proponendo invece tariffe che sono nella media".

Articoli correlati

Confprofessioni ed ANDI contro le dichiarazioni del Ministro Gualtieri a “Piazza Pulita”. Stella (Confprofessioni), visione ottocentesca delle professioni


Stanzianti quattro milioni di euro per fronteggiare l'emergenza negli studi professionali. Sostegno al reddito, smart working e accesso al credito per garantire continuità al lavoro


In Gazzetta il testo del provvedimento che istituisce la cassa integrazione per i dipendenti degli studi professionali. Ma solo gli studi odontoiatrici più strutturati potranno accedervi


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


Altri Articoli

Obiettivo: motivare tutti i cittadini a proseguire la propria cura odontoiatrica ribandendo che andare dal dentista è sicuro


Condannato dalla Corte dei Conti, per aver violato il rapporto di esclusività con il Servizio Sanitario Nazionale


Cohen (DentalPro): anche le nostre aziende sono penalizzate nonostante le nostre cliniche siano aperte e sicure 


Collaborazione che ha l’obiettivo di preparare gli studenti ad entrare nel mondo del lavoro usufruendo di servizi e attività


Potranno ottenere il 200% di quanto ricevuto con il decreto Rilancio. Stanziati anche 30 milioni per medici e pediatri che si renderanno disponibili a fare i tamponi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo