HOME - Cronaca
 
 
12 Dicembre 2017

Pubblicità degli impianti scontati. La CAO di Roma sospende il direttore sanitario


Dopo la sanzione di 10 mila euro inflitta dall'Agcm alla clinica che ha proposto la pubblicità dell'impianto scontato grazie all'"accordo per il Comune di Roma", ora nei guai finisce anche il direttore sanitario che è stato sospeso per 4 mesi dalla CAO di Roma.

Questo il messaggio pubblicitario divulgato dalla Clinica della provincia di Roma sanzionata dall'Authority: "Clinica implantologica Dentaldent. Raggiunto accordo per il Comune di Roma. Tutti i residenti nel Comune di Roma possono usufruire della Convenzione". Al centro, in caratteri grandi, figura la dicitura "290,00 €* ad impianto". L'asterisco rinvia alla seguente precisazione "*per impianto si intende la vite inserita nell'osso". Segue l'invito: "Chiama il Numero Verde e prenota la tua visita senza impegno. Numero Verde Gratuito 800395395".

"Appena ricevuta la segnalazione del messaggio" -spiega ad Odontoiatria33 il presidente della CAO di Roma Brunello Pollifrone (nella foto)- "abbiamo richiesto spiegazioni al direttore sanitario. La collega, in uno scritto fatto pervenire all'Ordine, ci ha confermato che la struttura non aveva stipulato nessun accordo con il Comune di Roma. La stessa dichiarava di non essere a conoscenza dei contenuti della campagna pubblicitaria, poiché affidata ad una società di comunicazione esterna, prendendo immediatamente le distanze dall'iniziativa e revocando l'incarico alla società suddetta".

Ma questo non è stato ritenuto sufficiente dalla CAO Roma, che dopo aver attivato l'istruttoria ha giudicato l'iscritta sanzionabile con la sospensione dall'Albo per 4 mesi.

La violazione principale contestata è quella di non aver svolto l'azione di vigilanza prevista dai compiti di direttore sanitario. Inoltre l'iscritta è stata ritenuta responsabile della violazione delle norme sulla pubblicità, essendo il messaggio pubblicitario ingannevole e contenente informazioni non veritiere, in violazione anche dell'art. 56 del Codice Deontologico.

"La carica di Direttore sanitario è estremamente importante e di responsabilità" commenta il presidente Pollifrone. "Il Direttore sanitario è l'unico garante circa il regolare svolgimento dell'attività sanitaria, vigilando sulla realtà lavorativa e su come questa si ponga nei confronti dei pazienti. Inoltre, il direttore sanitario, nell'ambito dell'esercizio delle sue funzioni tecnico-organizzative di indirizzo e coordinamento, assume su di sé l'onere di sorvegliare le attività operative verificando eventuali violazioni della normativa sulla sicurezza sul lavoro e sulla radioprotezione, nonché in materia di pubblicità sanitaria".

Purtroppo -conclude Pollifrone- molti colleghi assumono questo incarico con superficialità dimenticando o ignorando i grandi compiti e le responsabilità che l'incarico comporta".

Nor. Mac.

31 Agosto 2017: Impianto scontato grazie ad accordo per il Comune di Roma. Per AGCM è pubblicità ingannevole: 10 mila euro la sanzione alla società promotrice

Articoli correlati

L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


Si chiude una vicenda che ha scritto importanti passaggi giurisprudenziali in tema di ruolo di verifica e di autonomia della CAO


Video intervista all’avvocato Maddalena Giungato in tema di pubblicità in odontoiatria e responsabilità del direttore sanitario


L’europarlamentare Nicola Danti presenta interrogazione per verificare che non siano state violate le norme su libera concorrenza  


Contestato in varie provincie italiane il superamento del limite di spesa in tema di inserzioni pubblicitarie. Ecco cosa dice la norma


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni