HOME - Cronaca
 
 
18 Dicembre 2017

Odontoiatria Conservativa Estetica. Fino al 15 gennaio è possibile iscriversi al Master di II livello dell'Università di Bologna


L'Università di Bologna presenta la nuova edizione del Master di II livello in Odontoiatria Conservativa Estetica. Il master propone un percorso formativo biennale, didattico e clinico, su tutti gli aspetti riguardanti la moderna odontoiatria conservativa e restaurativa, con particolare attenzione all'attuale stato dell'arte in tema di adesione smalto-dentinale, nuove tecnologie digitali e materiali. La formazione prevede lezioni teoriche riguardanti la conservativa diretta e indiretta, insieme ad una parte pratica su paziente, che sarà svolta presso il Reparto di Odontoiatria Conservativa dell'Università di Bologna.

"Il Master -spiega il direttore del Master prof. Lorenzo Breschi (nella foto)- si propone di formare odontoiatri professionisti nella riabilitazione conservativa/restaurativa estetica dei casi complessi grazie alla definizione di protocolli terapeutici validati dalla letteratura scientifica più recente e finalizzati alla cura e alla prevenzione della patologia cariosa e delle usure dentali. Mediante una disamina approfondita dei rapporti tra Odontoiatria Conservativa, Endodonzia, Parodontologia e Protesi, l'odontoiatra acquisirà gli strumenti utili per gestire restauri estetici diretti e indiretti, oltre alle metodologie della ricerca di base e clinica per l'analisi critica della letteratura scientifica".

Le attività didattiche del Master si svolgeranno per quattro giornate al mese (dal lunedì al giovedì) teorico/pratiche per un totale di 20 giornate su 5 settimane all'anno, presso la Clinica Odontoiatrica dell'Università di Bologna (Via S. Vitale 59, Bologna) e saranno sostenute dal Prof. Lorenzo Breschi insieme a numerosi esperti del settore di fama internazionale (Mario Alessio Allegri, Riccardo Becciani, Milena Cadenaro, Vincenzo Castellano, Vittorio Checchi, Federico Ferraris, Sandro Marcoli, Annalisa Mazzoni, Adamo Monari, Massimo Nuvina, Gaetano Paolone, Nikolaos Perakis, Sandro Pradella, Giovanni Sammarco, Pietro Sibilla e Marco Veneziani).

Gli iscritti al Master di II livello avranno inoltre la possibilità di frequentare ed eseguire casi clinici presso il Reparto di Odontoiatria Conservativa dell'Università di Bologna o presso i propri studi professionali seguiti a distanza dai docenti del Master. I casi verranno poi discussi durante le varie Master Week.

Il corso è riservato ai candidati che siano in possesso, al momento dell'immatricolazione, dei seguenti titoli e requisiti di accesso: Laurea in Medicina e chirurgia o Laurea in Odontoiatria e protesi dentaria.

Sono, inoltre, richieste: l'iscrizione all'albo italiano Medici e Odontoiatri e una buona conoscenza della lingua inglese.
L'ammissione al Master è condizionata a giudizio positivo formulato a seguito di colloquio motivazionale, analisi dei titoli e prova di lingua inglese.

A questo link il bando.



Articoli correlati

Altri Articoli

La Camera approva all’unanimità (un solo contrario) il Decreto Legislativo che ora passa al Senato per l’approvazione definitiva. Soddisfazione del Ministro e dei presidenti del Collegio dei...


Iandolo: provvedimento che tutela i pazienti. Non ci saranno perdite di posti di lavoro, la quasi totalità delle società attualmente attive potrà riconvertirsi in STP


Si dice preoccupato il presidente CAO di La Spezia nel vedere trasformare la pandemia in una “guerra ideologica” che porta a passare sopra a principi inviolabili e ruoli costituiti


Savini motiva il perchè hanno sbagliato alcuni quotidiani ad abbinare le affermazioni di ANCOD alla categoria degli odontoiatri. Fiorile “da sempre sosteniamo solo una StP può esercitare...


Lo prevede un emendamento alla Legge europea. ANCOD: “l’eventuale approvazione comporterebbe la perdita occupazionale di 17mila persone”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi